L'ORA DEL PASTO. LA BICICLETTA E' IL TALISMANO DELLA FELICITA'

RICORRENZE | 01/06/2022 | 07:58
di Marco Pastonesi

Se fosse una ragazza: slanciata. Se fosse un ragazzo: atletico. Se fosse un bambino: scatenato. Se fosse un nonno: arzillo. Se fosse uno stato mentale: l’allegria. Se fosse uno stato fisico: la leggerezza. Se fosse una condizione: la libertà.


La bicicletta è la natura a pedali e l’esperanto a pedivelle, è la scienza divisa in otto tubi e la storia moltiplicata per chilometri e altitudini, è il vento in un portapacchi, è il silenzio a due ma anche a una, tre o quattro ruote. La bicicletta è una corona di emozioni e un pignone di sensazioni, è un manubrio di panorami e una sella di paesaggi, è un cambio di umore, di vita, di esistenza. In meglio.


Il 3 giugno – dopodomani, venerdì - si celebra la giornata mondiale della bicicletta. La prima volta cinque anni fa: sono state le Nazioni Unite a riconoscerle i benefici sociali. Salute, innanzitutto. Trasporto, ovviamente. Aggiungerei educazione, anche se forse economia conta di più. La bicicletta ha il potere di scaricare e ricaricare, chiarire e illuminare, far respirare ma anche ispirare. E se il Giro d’Italia – parole di Indro Montanelli – ha il dono di trasformare tutti i giorni della settimana in una domenica, la bicicletta ha la capacità di dare un senso a qualsiasi giornata dell’anno. A cominciare da quella del 3 giugno.

La bicicletta unisce Pimpa e Giamburrasca, collega Don Camillo a Don Matteo, affianca il Diavolo Rosso (Giovanni Gerbi) all’Angelo della montagna (Charly Gaul). La bicicletta ha sposato Brigitte Bardot (su una Graziella) con Cassius Clay (non era ancora Muhammad Ali, con la sua Schwinn rubata e la conseguente adesione alla boxe), Albert Einstein (“La vita è come una bicicletta: bisogna avanzare per non perdere l’equilibrio”) con Margherita Hack (“Camminare a me non va. In bicicletta vo’ meglio”), perfino Gino Bartali con Fausto Coppi. La bicicletta rallenta la velocità e velocizza la lentezza, fugge le preoccupazioni e insegue i sogni, fa volare ancorati a terra. Un incantesimo, una magia, un’acrobazia.

La bicicletta è il talismano della felicità. Auguri di cuore. Se li merita tutti.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Nella giornata più difficile per la Jumbo-Visma, Primož Roglič ancora una volta è stato il corridore che ha dovuto pagare il conto più alto. Lo sloveno è finito a terra insieme a Caleb Ewan, a causa di una balla di...


Simon Clarke ha realizzato il suo sogno. L’australiano della Israel-Premier Tech, che lo scorso inverno era ancora senza contratto ed è tormatoin sella grazie alla fiducia che gli è stata data dal suo nuovo team, ha realizzato il suo sogno...


Tadej Pogačar è stato ancoa una volta il migliore fra gli uomini di classifica e archivia con un sorriso la temutissima tappa del pavé: «Temevo tutti i pericoli che oggi potevano accadere, ho sentito parlare della caduta nel gruppo ma...


Simon CLARKE. 10 e lode. Il 35enne australiano fa vedere a tutti come fa un ciclista finito per la fatica a vincere con quel poco e con quel tutto che gli rimane. Colpo di reni, colpo di mano, colpo d’occhio,...


«Bisogna conoscere il pavé» vale per tutti: corridori, pubblico e addetti ai lavori. Detto che oggi al Tour ne abbiamo viste di tutti i colori - quello che forse le telecamere non mostrano alla Roubaix perché concentrate solo sui battistrada...


Incredibile Primož Roglič! Lo sloveno della Jumbo Visma si è lussato una spalla nella caduta di cui è stato vittima e se l'è rimessa a posto da solo, prima di ripartire. «Una moto staffetta ha colpito una una balla di...


Spettacolo e risultati clamorosi ci si attendeva dalla tappa del pavé: non siamo stati delusi. C'è un vincitore di tappa che è Simon Clarke che batte al fotofinish Taco van der Hoorn, c'è un vincitore di giornata per quanto riguarda...


Ancora Vos, è la trentaduesima volta per l’olandese nella corsa rosa: 32 successi al Giro in una carriera costellata di successi. Appena qualche giorno fa la “cannibale” aveva sbaragliato la concorrenza con una volata incredibile ad Olbia, con tanta emozione...


Silvia Persico l’aveva sognata, sperata e anche studiata per bene. Oggi si arrivava a “Berghem” la sua città, una piccola capitale e centro di una tradizione che solo la gente che è cresciuta qui può veramente capire. La portacolori del...


Si è spento nella giornata di ieri Gedeone Rebellin, papà di davide, il corridore più esperto del gruppo professionistico. Era statp lui, grande appassionato di ciclismo, a mettere in sella il figlio: Davide racconta infatti che «Da bambino papà Gedeone...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach