MARCO VILLA, L'AMICIZIA CON FANINI E LA CONQUISTA DEL MONDO. GALLERY

INTERVISTA | 06/12/2021 | 07:50
di Valter Nieri

La storia d’amore tra Marco Villa e la pista durada oltre trenta anni. Da dilettante prima, poi all'esordio nel professionismo icon i colori di Amore e Vita Beretta nel ’94, scoperto e lanciato dal più grande talent scout del ciclismo italiano Ivano Fanini, al suo primo mondiale vinto nel ’95 in coppia con Silvio Martinello nell'Americana a Bogotà fino ai trionfi iridati al Velodromo di Roubaix da c.t. azzurro che gli hanno consentito di vincere per il secondo anno consecutivo l'Oscar tuttoBICI quale miglior tecnico italiano.


Taciturno di carattere, Villa è un tecnico che puntatutto sul lavoro e lo fa a testa bassa con il massimo impegno, con tutte le energie, tenendo unito il gruppo al quale trasmette le sueesperienze aiutandolo a centrare gli obiettivi.


L'Italia è tornata grazie a lui a rivincere, 24 anni dopo l'ultima volta, il campionato del mondo nell'Inseguimento a squadre battendo in finale la Francia grazie al fantastico quartetto formato da Ganna, Milan, Consonni e Bertazzo che ha sostituito Lamon rispetto all'oro olimpico di Tokyo 2020.

Un c.t. la cui maturazione parte da lontano, dagli esordi professionistici come corridore quando pochi lo conoscevano e Fanini gli diede fiducia ed è proprio con il dirigente lucchese che raggiunse la maturazione psico-fisica.

Fra i ricordi del passato Villa ne conserva uno in particolare, quando in una gara in linea in Germania superò allo sprint i grandi campioni di allora.
«Ho vinto molto poco su strada - dice il c.t. azzurro - ma rimane per me indimenticabile quello ottenuto nell'ottava tappa al "Coca Cola Trophy" in Germania nel luglio 1994, anno del mio esordio nel professionismo con i colori di Amore e Vita. Zabel preparava la volata, io scattai prendendolo in contropiede e vinsi davanti al tedesco Josef Holzmann e allo svizzero Urs Freuler. Certi nomi non si possono dimenticare».

Riguardo al ciclismo pedalato, ha qualche  rimpianto?
«Sono soddisfatto della mia carriera. Sono stato professionista 12 anni e grazie ad Amore e Vita ho potuto partecipare due volte al Giro d'Italia e vincere tanto a livello mondiale in pista. Su strada, anche quando Fanini mi diede la possibilità di correre senza vincoli, negli sprint non riuscivo a fare di più di qualche piazzamento. Però sono riuscito a ritagliarmi uno spazio importante in pista nelle specialità per le quali ero maggiormente tagliato”.

Ha mantenuto contatti con Fanini?
«Ci sentiamo tutte le settimane. Mi manda messaggi costantemente e questo mi fa piacere perchè non è invasivo ed appena posso gli rispondo. È bello che vecchi dirigenti o anche semplici sportivi mi dimostrino affetto anche a distanza di tanto tempo da eventuali rapporti di lavoro. Dopo Roubaix, appena tornato a casa nel mio paese di Montodine ho partecipato ad una cena con tanti amici allestita in piazza all'aperto. È stato molto bello e non credevo intervenissero così in tanti. E testimonianze di affetto le ho ricevute anche dal mio paese di origine, Abbiategrasso».

Qual è il segreto dei successi ottenuti alle Olimpiadi e ai mondiali?
«Non ci sono segreti. Cerco sempre di portare le mie esperienze e il mio metodo di allenamento: mi sento spesso con i ragazzi ed il nostro colloquio è a 360 gradi, parlo anche con i loro preparatori e procuratori.  Rispetto molto le loro società di appartenenza perchè sono queste che pagano i ciclisti e non dobbiamo mai dimenticarlo».

Quanto credeva nel successo di Elia Viviani nella gara ad eliminazione?
«Tanto. Sa una decina di anni è tra i pistard più forti al mondo nell'Omnium, specialità nella quale anche a Roubaix è andato a podio. La gara ad Eliminazione gli è congeniale e lo ha dimostrato alla grande».

Da un mese le è stato affidato anche il settore femminile...
«Me lo hanno proposto il consiglio federale ed il presidente Cordiano Dagnoni e ho accettato, anche se a questo punto raddoppiano gli impegni. Il ciclismo femminile è in continua evoluzione, quanto a me penso di utilizzare lo stesso metodo che ha portato risultati in campo maschile».

In cosa consiste la differenza di preparazione tra maschi e femmine?
«La donna ovviamente ha meno forza fisica ed è qui che deve lavorare in maniera differenziata. La minor potenza deve essere colmata da una superiore agilità rispetto al maschio».

Doppio impegno per Villa, ma anche doppia possibilità di puntare ai vertici mondiali senza dimenticare le origini e quei giorni importanti a Lucca e l’amicizia che dura tuttora con Ivano Fanini.

da La Gazzetta di Lucca

Copyright © TBW
COMMENTI
Bravo
6 dicembre 2021 16:48 Geomarino
Grandissimo Marco Villa,persona di uno semplicità incredibile e Tecnico dal valore immenso!!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Si corso oggi ad Hamme (Belgio) il Flandriencross valido per la challenge X2O. Tra gli elite torna al successo il belga Laurens Sweeck (Pauwels Sauzen Bingoal) che precede i connazionali Toon Aerts (Baloise Trek Lions) e il compagno di squadra...


Un nome nuovo ma una storia che inizia da molto lontano: Sprint Cycling Agency è l’unione delle agenzie fotografiche BettiniPhoto e Photo Gomez Sport con l’aggiunta del marchio Sprint Cycling. E nasce con uno slogan che non ammette discusioni: più...


Si conclude oggi, sabato 22 gennaio, il training camp della Bardiani CSF Faizanè. 10 giorni di intensi allenamenti con oltre 40 ore in sella e 1.200 km percorsi, oltre a lavori specifici e test atletici in vista dei primi appuntamenti...


Ancora una bella prova di Didier Mechan alla Vuelta al Tachira. Il colombiano ieri ha chiuso al terzo posto la sesta tappa con arrivo in salita alla Casa del Padre. Il successo è andato a Roniel Campos, che a due...


Victor Campenaerts è sempre stato un sostenitore dell’allenamento in altura e dei benefici che questo comporta. Per questo inizio di stagione, il belga - che è approdato alla Lotto Soudal - aveva programmato con i compagni di squadra un ritiro...


Consapevolezza, complicità e tante risate: un mix di ingredienti vincenti, quello emerso dalla chiacchierata virtuale di ieri sera che visto coinvolte le ragazze della Nazionale femminile strada e pista. Un simpatico sneak peek dal raduno delle azzurre, in questi giorni...


«Dopo 4 anni con Androni non abbiamo più rinnovato. Era ora di cambiare, sia per loro che per me. Accetto questa scelta. Ci siamo lasciati in buoni rapporti e ora punto ad una nuova avventura. Lascio una porta aperta ad...


L’Europa del ciclismo si rimette in moto. Dopo le prime - poche - gare stagionali in Nuova Zelanda, Australia e Venezuela (fino a domani c’è la Vuelta al Tachira), si apre domani la stagione agonistica 2022 anche nel Vecchio Continente....


E’ scomparso venerdì 21 gennaio, all’età di 86 anni, Ilario Taus. Marchigiano di Corinaldo, in provincia di Ancona, era molto conosciuto nel suo territorio per la sua varia attività e disponibilità in diversi settori della comunità. Era pure un grande...


Nonostante l’aumento dei casi positivi al Covid-19, in Belgio sono ottimisti e dopo due anni senza pubblico sarà possibile rivedere i tifosi in festa sulle strade del Giro delle Fiandre. A dirlo è il noto virologo dell’università di Lovanio Marc...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI