LA ANDRONI SIDERMEC SCRIVE ALLE ISTITUZIONI DEL CICLISMO: IGNORATI I MERITI SPORTIVI

LETTERA APERTA | 27/02/2021 | 11:28

È trascorso qualche giorno, la rabbia si è tramutata in riflessione ma delusione e amarezza non si placano, soprattutto di fronte a quella che viene considerata una ingiustizia sportiva. E allora la Androni Sidermec affida i suoi pensieri ad una lettera aperta indirizzata al presidente dell'UCI David Lappartient, al nuovo presidente della FCI Cordiano Dagnoni, al presidente della Lega Ciclismo Professionistico Enzo Ghigo, al direttore del Giro d'Italia Mauro Vegni e all'amministratore delegato di R.C.S. Sport Paolo Bellino. Ve la proponiamo:

Facendo seguito all’assegnazione delle Wild Card per il Giro d’Italia, con la presente intendiamo chiarire la posizione della nostra squadra.
- Negli ultimi quattro anni – dal 2017 al 2020 – siamo risultati la miglior squadra Professional italiana
- nel Ranking Mondiale UCI
- nel Circuito Europeo UCI
- nella Ciclismo Cup - il Campionato Italiano a Squadre – che abbiamo vinto per tre anni consecutivi e dove, nell’ultima stagione, siamo arrivati secondi superati solo dal Team World Tour della UAE
- Nel 2017, abbiamo ottenuto 25 vittorie in corse del Calendario Internazionale UCI, conquistando la Ciclismo Cup e ottenendo di diritto la Wild Card per il Giro d’Italia per l’anno successivo.
- Nel 2018, abbiamo ottenuto 35 vittorie in corse del Calendario Internazionale UCI.
- Nel 2019, ci siamo classificati al primo posto tra tutte le squadre Professional nella classifica mondiale per vittorie con 32 successi.
- Nella breve stagione 2020, segnata dal Covid, nella stessa classifica, abbiamo ottenuto con 13 vittorie il secondo posto, preceduti solo dalla Alpecin di Van der Poel.


Abbiamo sempre onorato il Giro d’Italia, non solo con protagonismo, ma con risultati.
- Nel 2018, siamo saliti sul podio finale con Davide Ballerini, vincitore del Gran Premio della Combttività e dei Traguardi Volanti, e con Marco Frapporti, vincitore nella classifica dei Chilometri in Fuga.
- Nel 2019, abbiamo vinto con Fausto Masnada la tappa di San Giovanni Rotondo e con lo stesso corridore ci siamo imposti nella classifica del Gran Premio della Combattvità e dei Traguardi Volanti.
- Nel 2020, abbiamo ancora portato due corridori sul podio finale: Simon Pellaud, vincitore della classifica dei Traguardi Volanti, e Mattia Bais, vittorioso nella classifica dei Chilometri in Fuga.


Quanto esposto dimostra come la Androni Giocattoli Sidermec sia stata di gran lunga la migliore squadra Professional italiana delle ultime stagioni. Avevamo apprezzato il consenso della UCI alla richiesta delle Federazioni per una Wild Card in più destinata ad agevolare l’invito alle squadre nazionali per Tour de France, Giro d’Italia e Vuelta Espana ed eravamo convinti che almeno una delle tre Wild Card fosse assegnata in base al merito sportivo.
Pertanto siamo rimasti sconcertati per non aver ricevuto un invito che ritenevamo certamente di meritare.

Inoltre, a parte i succitati risultati, evidentemente non è stato tenuto in alcuna considerazione neppure il ‘Progetto’ – che abbiamo iniziato anche su indicazione di RCS Sport – e che stiamo portando avanti con successo da alcune stagioni. Un progetto con il quale abbiamo scoperto e lanciato tra i Professionisti giovani talenti quali Davide Ballerini, Fausto Masnada, Andrea Vendrame, Ivan Sosa ed Egan Bernal o rilanciato corridori come Mattia Cattaneo. Tutti atleti che si sono imposti con la nostra squadra e che hanno continuato a vincere nei grandi team del World Tour. Primo fra tutti Egan Bernal, vincitore del Tour de France 2019, da noi fatto debuttare tra i Professionisti a soli 19 anni e fatto crescere gradualmente. Il progetto continua anche quest’anno con il lancio di giovani talenti, tra i quali spiccano gli italiani Mattia Bais, Simone Ravanelli, Nicola Venchiarutti, il colombiano Santiago Umba, l’ucraino Andrii Ponomar, lo sloveno Jerman Ziga e l’eritreo Natnael Tesfatzion.

A conferma della competitività della nostra squadra, nell’organico di questa stagione – già presentato al Direttore Mauro Vegni l’11.01 – abbiamo confermato tutti i migliori corridori dell’anno scorso e, oltre ai giovani talenti, abbiamo ingaggiato anche uomini d’esperienza, come ad esempio l’argentino
Eduardo Sepulveda, proveniente dalla Movistar, e Matteo Malucelli, primo corridore italiano vittorioso nella corrente stagione agonistica.

Non possiamo credere che in una scelta come quella delle Wild Card per il Giro non vengano considerati anche i meriti sportivi.

Ci rivolgiamo qui formalmente alle istituzioni e confidiamo che prendano atto di quanto abbiamo esposto con la fiducia che intervengano per fare sì che il Ciclismo possa nuovamente ispirarsi a criteri etico-sportivi.

Grazie per l’attenzione

Gianni Savio e Marco Bellini

Copyright © TBW
COMMENTI
Ci voleva!
27 febbraio 2021 12:17 gianni
Motivazioni che non potevano non essere espresse.
Gianni Cometti (Novara)

Motivazioni
27 febbraio 2021 12:40 Maurone
Quelli della Gazzetta hanno sempre saputo questi risultati ma se ne sono fregati altamente! La dimostrazione che non sempre questi contano per l'assegnazione delle Wild Card........ E poi si lamenteranno perchè qualche squadra avrà una partecipazione anonima!

Chiarimenti
27 febbraio 2021 12:48 FrancoPersico
Sarebbe interessante sapere dal sig. Vegni con quale criterio sono stato selezionati i team. Magari già detto e mi scuso ma mi sono perso allora le dichiarazioni. Se mi date qualche link leggo volentieri. Grazie

Eolo?
27 febbraio 2021 16:17 Stoccolma
È chiaro che alla RCS interessano di più Basso e Contador (e quindi i di loro amici ed interessi economici) che i "bersaglieri" della Androni

Evviva le ragioni non scritte!!!
27 febbraio 2021 16:21 cico48
Siamo in presenza di un irreale ed irriguardoso silenzio che fa rumore più di un rombo di tuono. Di fronte alle critiche formulate da esperti, sportivi, appassionati, sulle scelte operate in materia di Wild Card, da parte dell'organizzazione del Giro d'Italia (nella persona di Vegni) non c'è stata una, dico una, parola tendente a giustificare il proprio agire. Forse che valga il detto "Chi tace acconsente"? Ovvero, che i giudizi espressi sono giusti? O piuttosto che non ha il coraggio di dire che le valutazioni tecniche contano zero rispetto alle ragioni economiche?

Dov'è finita la meritocrazia sportiva?
27 febbraio 2021 16:33 Fairplay
Mentre sto scrivendo questo commento apprendo della notizia della vittoria di Davide Ballerini in Belgio, uno dei tanti giovani passati al professionismo alla corte di Gianni Savio, uno dei tanti giovani che hanno potuto esprimere il proprio valore indossando i colori dell'Androni Sidermec. Come può il merito sportivo non esser preso in considerazione per la partecipazione a uno dei tre Grandi Giri?!? E' un'indecenza sportiva. Che gli organizzatori abbiano il coraggio di esporsi e di argomentare le scelte che li hanno portati a escludere questa squadra dal Giro d'Italia!!

Criteri etico-sportivi
27 febbraio 2021 16:49 passion4bikes
Spesso si dice che le parole debbano lasciar spazio ai fatti. In questo caso sono proprio i fatti che parlano, i risultati, le classifiche. Il Team Androni Sidermec MERITA una Wild Card per la partecipazione al Giro d'Italia, in senso assoluto ma soprattutto se paragonata almeno a uno degli altri 3 team che hanno ricevuto l'invito.
La Vini Zabù nella scorsa stagione è arrivata dietro all'Androni (parlano i fatti, classifiche, numeri, non teorie!) e come se non bastasse quest'anno ha perso proprio il corridore che più degli altri ha fatto registrare i punti grazie ai quali è arrivata comunque dietro all'Androni. Come si giustifica questo invito di fronte alla mancata convocazione dell'Androni?!?! Come si può dare la precedenza alla seconda e alla terza squadra italiane della stagione precedente, e a una nuova, senza invitare la prima della classifica?!? Non amo il calcio ma almeno in quello esiste coerenza: le prime quattro squadre della Serie A partecipano alla fase a gironi della Champions League e la quinta a quella di Europa League. Perché per la partecipazione al Giro d'Italia non valgono principi simili?!?!? Parliamo di sport o di altro?!?!?

Chi ha escluso l'Androni dal Giro ...
27 febbraio 2021 17:46 Mariotto
... non ha nemmeno il coraggio di spiegare il motivo! Non sarà mica perché i criteri sono stati poco 'nobili'?! Comunque senza i ragazzi dell'Androni il Gior sarà molto meno divertente e appassionante, e non solo per me che ne sono - o meglio, ne ero - un grande fan! Peccato, quest'anno il Giro avrà uno spettatore in meno, o forse anche più di uno...

Marchese del Grullo
27 febbraio 2021 17:57 enzino38
Premesso che, rispetto a cotanto materiale (meriti sportivi, organizzativi, di passione, di italianità ed altro) è vergognoso non avere invitato questa squadra al Giro d'Italia, ritengo l'atteggiamento di Rcs e degli avidi organizzatori, assai simile al Marchese del Grillo. Ovvero, organizzo io e a casa mia invito chi mi pare. Per la serie "Perchè io sono io e voi non siete un c....".

Non è giusto!
27 febbraio 2021 19:36 Flipper11
E' un'ingiustizia non aver invitato l'Androni al Giro, ha sempre onorato egregiamente la corsa rosa, ha sempre appassionato i tifosi e ha sempre ottenuto risultati. E quest'anno tutto questo non potrà accadere, senza che nemmeno si sappiamo le motivazioni di questa esclusione

Tutto da rifare
27 febbraio 2021 20:31 biagiotto
Sono un meridionale (di cava dè Tirreni) e vero appassionato di uno sport che vive sulla passione, il sacrificio, la determinazione, la volontà. Tutte qualità che ho sempre riscontrato nella formazione Androni, negli anni, qualità trasmese dal suo patron Gianni Savio. Eppure una squadra del genere non viene invitata a un Giro che, senza giri di parole, è uno schifo. Un giro d'Italia che si ferma nella cittadina più a nord della Puglia (Foggia) lasciando fuori Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna, regioni dove ci sono tantissimi appassionati che non fruiscono delle cosiddette "classiche" oppure gare che si svolgono prevalentemente al nord. E allora dico: cosa vi volete aspettare da organizzatori come questi? Non mi meraviglio che, quale enorme contraddizione, lascino a bocca asciutta tanti amatori appassionati meridionali e un team come la Androni. E' tutto regolare, tutto da rifare. Ma quando ci sarà un turn over a livello organizzativo di Rcs?

pensiero cattivo
27 febbraio 2021 22:16 sasa
Mah, anche a me viene quasi il sospetto che i criteri di selezione delle squadre non siano poi tanto ‘nobili’. Ma nooo, cosa vado a pensare?! Persone così rette come i dirigenti di RCS... Ho fatto un pensiero cattivo, mica andrò all'inferno?

Istituzioni? Dove sono...
27 febbraio 2021 22:21 giusette
Leggo la lunga nota della Androni: nobile intento quello di rivolgersi alle istituzioni. In un Paese 8con la P maiuscola) dove contano e ascoltano le ragioni della gente. Ma quali istituzioni s'interesseranno di una cosa del genere? Neanche capiscono di cosa stiamo parlando: passione, competenza, risultati, ma cosa ne sanno? Il pesce puzza dalla testa

Torino è casa Androni
27 febbraio 2021 22:36 grandme
Comprendo il rammarico (eufemismo) del team Androni che, se non sbaglio, ha sede a Torino (perlomeno è di quella città il suo cuore pulsante Gianni Savio). Ebbene, proprio nell'anno in cui il giro parte da Torino, sai che faccio? Non ti invito. Che bella idea, cari organizzatori del Giro che perde sempre più appassionati. Però Torino è la città di Cairo, vuoi mettere? Il padrone di Rcs e del Torino rischiava di vedere offuscata la sua immagine se ci fosse stato qualche tifoso per la Androni Giocattoli (azienda piemontese) e non per lui. A proposito di giocattoli: divertitevi a giocare coi sentimenti e la passione di chi ama il ciclismo, mostrando la strafottenza in primis e menefreghismo in secundis, cari organizzatori....

errare humanum est, perseverare...ovest
27 febbraio 2021 22:38 coppolone
Non vorrei sbagliare ma qualche anno fa accadde qualcosa di simile, la Androni Giocattoli non fu inviata al giro a discapito di una formazione che, mi pare, faceva capo agli stessi referenti di un team assai più scarso della Androni ma invitato al prossimo giro. Ditemi se è vero, perchè se è così, allora c'è qualcosa che non torna. cone diceva il saggio Andreotti, a pensare male si fa peccato ma qualche volta si azzecca....

L'escusione del Team Androni Sidermec dal Giro 2021 - una INGIUSTIZIA che ha dell'Incredibile
27 febbraio 2021 23:20 Vlasa17
Non mi lascio andare ad ulteriori commenti, mi abbasserei allo stesso livello di chi ha solo pensato / immaginato la corsa rosa senza il Team pluri campione d'Italia. Tutto questo mi pare semplicemente PAZZESCO

PRECISAZIONI
28 febbraio 2021 11:20 Principino
Complimenti a Savio e team per i risultati e la crescita di nuovi talenti , meritava sicuramente convocazione al Giro 2021. Per precisione Savio omette di ricordare che la meritocrazia sportiva è morta nel 2005 , nasce word tour muore GS 1 e GS
2 e nasce meritocrazia pseudo "Ecnomica" .
Pur con l’avvento del world tour il buon Savio riesce a strappare diverse partecipazioni a discapito di affermati team
I manager dell'epoca , fra i quali Savio , hanno fornito le armi regolamentari a UCI e agli organizzatori per uccidere la meritocrazia sportiva nel ciclismo. Come dice il proverbio , chi è causa del suo male pianga se stesso , basta scrivere
“fesserie”per convenienza odierna. I manager in quanto tali dovrebbero leggere il futuro, quelli di inizio di questo secolo avevano sicuramente problemi di vista .
Ricordiamoci che tra gli esclusi abbiamo un campione come Quintana.
Cordiali saluti

Qualcosa deve cambiare
28 febbraio 2021 11:25 InLoveWithCycling
In un mondo in cui è quasi totalmente sparita la meritocrazia, almeno lo sport dovrebbe conservare e proteggere i principi Olimpici e premiare coloro che meritano, chi si guadagna sul campo, in questo caso sulle strade, titoli e risultati. Le istituzioni devono muoversi, reagire e far sì che ingiustizie sportive di questo tipo non accadano più. E chi ha operato le scelte deve fornire delle spiegazioni, non solo a chi è rimasto escluso, ma a tutti noi che crediamo nello sport e nei suoi valori.
RCS crede di “arricchirsi” con queste manovre, ma non si rende conto che sta distruggendo la parte sana del movimento sportivo. Vergognatevi.

Meritocrazia, questa sconosciuta!
28 febbraio 2021 11:33 Tobia17
Complimenti a Savio e alla squadra per la signorilità nel rispondere ad una ingiustizia sportiva grandissima. Non solo sempre in testa alle classifiche che “dovrebbero” garantire l’accesso al giro, ma una condotta etica, morale e di cultura del lavoro che poche altre squadre possono vantare.
In particolare l’ultima ammessa..

Sollevazione popolare
28 febbraio 2021 15:12 renatale
Non immaginavo tutti questi commenti, non solo su questo sito specializzato che per me è come la Bibbia, sono state tantissime le reazioni sul web, una specie di sollevazione popolare rispetto a una decisione discutibile se non addirittura meschina. Perchè vorrei capire quali meriti ha la squadra inviatata (avete capito benissimo) diretta dagli stessi personaggi discutibili che, nonostante ciò, restano in auge. Mi meraviglio di Rcs, fanno tanto i puritani e poi - come si dice a Oxford - vanno a puttane. Hanno fatto una figuraccia, non possono porre rimedio. Se non hanno la faccia come il cu....ore, si mettano una mano sul cu....ore e facciano qualcosa. Sempre che siano capaci di consultare i social, oppure nella loro torre d'avorio non c'è segnale internet?

Incredibile
28 febbraio 2021 17:04 Karma80
Incredibile quanti nuovi “utenti” stiano scrivendo/commentando sotto questa lettera aperta.Utenti/nomi mai visti commentare nessun altro articolo in passato.. sembrerebbero quasi persone che creano un account solo per dare voce e portare avanti questa sollevazione popolare a favore di questa squadra. Stranissimo, “sicuramente”non sono persone interne a questo team,sicuramente.

@Karma80
1 marzo 2021 08:22 FrancoPersico
Quelli che lanceranno pomodori e uova marce al passaggio di Vegni non saranno personaggi del team di sicuro ma tifosi delusi. Stando dietro le transenne ovviamente.

Wild Card per meriti sportivi Alpecin
2 marzo 2021 19:03 limatore
wild card per meriti sportivi è quella assegnata alla prima della categoria Professional (Alpecin) quindi non è vero che non è stata asseganta . Dica nome e cognome del team che non vuole al Giro e si prenda le sue responsabilità.

Rode.....
3 marzo 2021 09:36 9colli
Quello che leggo, è una miriade di commenti(come sopra scritto da qualcuno) di Utenti sconosciuti, mai letti in precedenza o quasi. Quello che hanno in comune è che: Gli rode la pancia, fate attenzione perchè NON fa bene alla salute.........

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Enric Mas era il grande favorito e non ha tradito le attese. Sul traguardo della terza tappa della Vuelta Valenciana, la Torrent-Alto de la Reina di 165 km, il capitano della Movistar ha imposto la sua legge staccando nel finale...


Volata incertissima sul traguardo di Marmaris e trionfo di Jasper Philipsen che grazie al colpo di reni batte André Greipel che aveva lanciato la volata. Il belga della Alpecin Fenix è riuscito a centrare il successo dopo tre secondi posti...


Per uno scalatore del calibro di Nairo Quintana, l’incontro con il Tour of the Alps potrebbe definirsi quasi naturale. Nonostante sia all’esordio assoluto sulle strade dell’Euregio, il colombiano del Team Arkéa-Samsic è uno dei più accreditati pretendenti alla nuova maglia verde di...


Una doppia telecronaca e una prima volta. In casa Rai starebbero pensando più che seriamente a qualcosa di estremamente innovativo a livello di narrazione che farà certamente storia, anche perché si tratta di Giro d’Italia, della corsa delle corse, il...


Dopo le gare in Italia a Capoliveri e Nalles, sabato 17 e domenica 18 il Trinx Factory Team affronterà la vicina trasferta in Austria. La formazione diretta da Luca Bramati sarà al completo nell’Ötztaler Mountainbike Festival 2021, gara UCI di Horse Category, che...


Sembrava una caduta come tante, invece quella avvenuta al Trofeo Laigueglia ha avuto conseguenze importanti per Andrea Bagioli. Il giovane valtellinese della Deceuninck Quick Step continuava ad avere dolori al ginocchio: lo staff medico della Deceuninck - Quick-Step, dopo approfonditi...


Da lunedì 19 aprile andrà in scena il Tour of The Alps. Tanti campioni al via con 13 formazioni World Tour e 8 squadre Professional pronti a dare spettacolo. 5 le tappe in programma con due ore di...


Nuova squalifica in Turchia in base ai nuovi regolamenti UCI entrati in vigore dal primo aprile. Questa volta a richiamare l’attenzione, è Alexander Richardson (Alpecin-Fenix), espulso dal Giro per non aver rispettato i nuovi canoni riguardanti la posizione in sella....


Nel giorno della notizia della wild card al Giro d’Italia, anche dalla strada sono arrivate buone notizie per l’Androni Giocattoli Sidermec. Nella tappa regina del Giro di Turchia, quella con l’arrivo in salita ad Elmali, l’argentino Eduardo Sepulveda, infatti, ha...


Jakob Fuglsang si prepara ad affrontare il suo primo grande obiettivo stagionale alle Classiche delle Ardennes, nell’ordine Amstel Gold Race, La Flèche Wallonne e la Liegi - Bastogne - Liegi. Vincitore della Doyenne nel 2019 Fuglsang punta a bissare quel...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155