SOFFI AL CUORE. WEENING E IL PUDORE DI UN GIORNO INDIMENTICABILE

PROFESSIONISTI | 21/11/2020 | 07:52
di Gian Paolo Porreca

Pieter Weening, al ritiro, porta con sè l' immagine di un ciclista gentile e  discreto, come ben illustrato ieri nell'intervista su questo sito. Pieter Weening, fedele olandese della bici, una dedizione alle salite non straripante come l'eccessivo Theunisse, bensì moderato come furono Rooks e Van der Velde, ritira via venti anni di corse, dignitose, onorate, una quindicina di vittorie nei Tour del mondo, il fiore della maglia rosa al Giro 2011...


Ma Pieter Weening, classe 1981, scendendo pure dalle competizioni, non andrà mai via sentimentalmente da noi. Per noi resterà infatti vita natural durante il vincitore ideale, per sobrietà e pudore, del giorno dopo, di un giorno tanto ostile. Sul traguardo di Orvieto, sotto la pioggia, quinta frazione del Giro del 2011, all'indomani della morte tragica in corsa di Wouter Weylandts ed in un gruppo smarrito, l'olandese Pieter Weening, con quel suo silenzioso sorriso all'arrivo, fu il vincitore - solitario - perfetto per una tappa del giorno dopo. Indossando pure quella maglia rosa, sembrava prescelto, che sapeva di un già antico dolore.



Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La bomba è di Beppe Conti, che nell'ultima puntata di Radio Corsa, rotocalco settimanale in ognda su Rai Sport: «Vincenzo Nibali nel 2022 correrà con la maglia della Ineos Grenadiers. Dal team britannico il fuoriclasse siciliano avrebbe ricevuto una sontuosa...


«Oggi compio 109 anni. Attorniato da tanti amici e in particolare da Gérard Mistler che è il presidente del più grande raduno di ciclisti al mondo, l’Ardéchoise, che richiama ogni anno 15mila ciclisti. Io ho sempre il dorsale numero 1,...


Tre nuovi arrivi per il Team Qhubeka Assos che accoglie Lukasz Wisniowski, Sean Bennett e Karel Vacek. Il 28enne polacco Wisniowski arriva dalla CCC e sarà un elemento importante per il treno del campione europeo e italiano Giacomo Nizzolo. Il...


Fabio Jakobsen è tornato in bici ma la riabilitazione per lui sarà ancora molto lunga. A dirlo è il dottor Yvan Vanmol, medico della Deceuninck - Quick-Step, che ha smorzato l’ottimismo dei giorni scorsi, nato quando Jakobsen ha pubblicato una...


Teneva il piede in due scarpe. Anzi, teneva i due piedi in quattro scarpe. Quelle da corridore e quelle da artigiano. Quelle da corridore erano passione, fatica, salita, quelle da artigiano erano professione, ricerca, precisione. Quelle da corridore, personali, e...


Anche il team manager di Androni Giocattoli Sidermec Gianni Savio ricorda Diego Armando Maradona, scomparso mercoledì a 60 anni. «Ho avuto l'onore di conoscere quello che ho sempre considerato il più grande giocatore di tutti i tempi, un genio del...


A trovarsi a parlare con Fabio Canova, il signor Named tanto per esser chiaro, è come ritrovarsi fra amici, perchè gentilezza e semplicità sono nel Dna di questo personaggio che da oltre vent'anni spazia con i suoi marchi nel mondo...


Gli organizzatori de La Vuelta a Andalucia - Ruta del Sol sono al lavoro per organizzare un'edizione importante della loro corsa, anche se non sarà facile a causa della crisi sanitaria legata al coronavirus. Alcune gare sono già state annullate...


Quello di quest’anno è un off-season diverso per tutti e Davide Ballerini lo passa tra le faccende domestiche, le uscite in mountain bike con il suo amico Jacopo Cerutti, pilota motociclistico del team Husqvarna, qualche camminata insieme a Yuma, il...


È l’uomo copertina, difatti ab­biamo deciso di dedicargliela. Non ce ne voglia Tao Geo­ghe­gan Hart, degnissimo vincitore del Giro, ma avevamo almeno due ragioni per fare questo omaggio al granatiere di Vi­gno­ne. Prima, il mondiale di Imola; ora un Giro...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155