ROGLIC. «SI E' CHIUSO UN CAPITOLO, MA SONO ORGOGLIOSO DI QUELLO CHE HO FATTO»

PROFESSIONISTI | 20/09/2020 | 22:00
di Francesca Monzone

Nella sua Slovenia Primoz Roglic viene chiamato l’Aquila di Zasavje mentre Pogacar è soprannominato il Lupo della Gorenjska. L’Aquila il prossimo anno tornerà, questa è una certezza. E tornerà per sfidare il suo avversario e lo farà a partire dal prossimo 26 giugno, quando si alzerà il sipario sul Tour 2021.


"Certo che ho sempre voluto vincere. Sono molto, molto orgoglioso di essere qui. Sono anche grato a tutti i membri della squadra per il lavoro fatto in queste tre settimane. Ma noi continueremo a lavorare, quello che si è chiuso oggi è solo un capitolo e un altro deve ancora iniziare”.


Primoz conosce bene Tadej, sono sloveni e hanno corso con la stessa squadra. Anche se rivali, si rispettano molto e fuori dalle corse sono buoni amici. “Faccio le mie congratulazioni a Tadej, è stato senza dubbio il più forte. Vedremo cosa succederà in futuro, di certo gli auguro di avere una grande carriera”.

Il Tour è finito e poi ci saranno le classiche e la Vuelta e Roglic guarda già ai prossimi impegni, soddisfatto di quello che ha fatto fino ad oggi. “Voglio ragionare su quello che farò. Voglio arrivarci giorno dopo giorno, sto vivendo un momento importante della mia carriera e voglio goderlo pienamente”.

L’Aquila di Zasavje ha vissuto in modo frenetico questi ultimi tre giorni, dove tutto è stato rivoluzionato e tirando le somme è soddisfatto del risultato ottenuto. “Finalmente i giorni più difficili di questo Tour sono alle mie spalle. E’ vero non ho vinto questo Tour, le cose sarebbero potute andare in un modo diverso, ma io sono soddisfatto e sono orgoglioso di quello che ho ottenuto”.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il nuovo leader della Vuelta di Spagna è l'ecuadoriano Richard Carapaz, che ha tolto a Primoz Roglic la maglia rossa della classifica generale. Adesso il corridore della Ineos Grenadiers è al comando della corsa con un vantaggio di 18” su...


Caro Nibali, finisce qui il calvario. Per te e per noi. Non neghiamolo: si avverte anche un certo senso di liberazione. In un Giro nato di suo già parecchio sconclusionato, per i motivi inevitabili che sappiamo, s'è dovuto incassare pure...


D come dubbio. Nel senso di incertezza, dilemma. Al Giro ne sono stati sollevati di continuo: la maggior parte sono rimasti sospesi in aria. Bellino è il direttore generale di Rcs o un giudizio tecnico su questo Giro? Perché si...


Tao Geoghegan Hart ce l’ha fatta, ha vinto il Giro d’Italia. I pronostici non avevano sbagliato, sulla carta veniva dato come netto favorito nei confronti di Jai Hindley e alla fine la strada lo ha confermato. Una crono incredibile, la...


Palermo, Camigliatello Silano, Valdobbiadene e Milano: Filippo Ganna firma uno straordinario poker in un Gior d’Italia che non potrà mai dimenticare e che lo consacra tra i grandi. Per la prima volta, dopo aver divoratouna pizza nella lunga attesa sulla sedia...


Vincenzo Nibali ha chiuso il suo Giro d'Italia con il trentesimo posto nella cronometroa 1'27" da Super Ganna e con il settimo posto finale a 8'15" dal sorprendente vincitore Tao Geoghegan Hart. «E’ stato un anno difficile, complicato, nel quale...


Jai Hindley è lo sconfitto di giornata, anche se il suo Giro d’Italia è stato davvero eccezionale. «Ovviamente in questo momento sono molto deluso e il risultato è difficile da accettare. Ma sarò sempre orgoglioso di quello che ho fatto...


Ion Izagirre mette a segno il colpaccio nella sesta tappa della Vuelta, la Biescas - Sallent de Gállego. Aramón Formigal di 146. km. Lo spagnolo della Astana è stato il migliore sui Pirenei spagnoli, è entrato nella fuga che ha...


Al termine dell'edizione 103 del Giro d'Italia il presidente Renato Di Rocco ha commentato: "Milano ha accolto il Giro con un disciplinato entusiasmo, dimostrando ancora una volta la maturità del pubblico del ciclismo. La corsa rosa ci dice che lo...


Tao Geoghegan Hart è il re del Giro d'Italia, Filippo Ganna firma il poker di vittorie. È questo il verdetto della crono decisiva della corsa rosa: i 15, 7 chilometri della Cernusco sul Naviglio-Milano hanno regalato al campione del mondo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155