ADDIO A DANILO BAROZZI

LUTTO | 25/03/2020 | 12:37

E’ morto stamattina all’ospedale di Reggio Emilia Danilo Barozzi, il corridore reggiano più importante del Dopoguerra. Aveva 92 anni ed era ricoverato da un paio di settimane per la rottura di un femore in seguito ad una caduta nella sua casa di Bagnolo in Piano, alle porte della città. A quanto si è appreso, sono in corso accertamenti per stabilire se anche questo decesso sia dovuto al coronavirus.

Orfano del padre, ucciso da una polmonite, Barozzi comincia a pedalare a 16 anni su una bici realizzata da un meccanico di Bagnolo, allenandosi con i dilettanti della zona. Dipendente di un negozio di ferramenta, una volta alla settimana per lavoro deve raggiungere Milano e ovviamente lo fa in sella.

Già in evidenza nelle categorie giovanili, passa professionista nel 1949: corre nella massima categoria fino al 1957 con Cimatti, Ligye e Atala, cogliendo nove vittorie e risultando fra i più continui dell’epoca con regolari piazzamenti sul podio e nei primi dieci dell’ordine d’arrivo di tutte le classiche nazionali. Partecipa a nove giri d’Italia, dove ottiene quattro secondi posti in altrettante frazioni, un Tour, tre giri di Svizzera e un giro di Catalogna, dove conquista una tappa. Fra i successi più significativi, il gp degli Assi a San Marino nel 1953 davanti a Fausto Coppi, e la doppietta nel gp industria e Commercio a Prato. Una volta chiusa la carriera si era ritirato nella sua Bagnolo, rilevando il negozio di ferramenta che oggi è condotto dal figlio Corrado.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Sono tante le iniziative partite in queste settimane di emergenza sanitaria, a testimonianza dell'ingegno, della capacità e della alacrità della gente d'Italia. Iniziative che hanno sempre un'unica idea di fondo, quella di aiutare. Ci piace segnalarvene una tra queste perché...


La gara vera è stata rinviata ma abbiamo limitato i danni visto che ieri la battaglia sui muri del Fiandre c’è stata ma è stata solo online. Oggi Bkool non è solo una semplice alternativa all’allenamento su strada, ma è...


  Andai a trovare Quirico Bernacchi a casa sua, a Pescia. Mi aprì la porta, il tinello e poi il cuore. Che era grande. “Mia mamma si chiamava Graziosa, lo era di nome e di fatto, un santa. Noi eravamo...


Un solo obbiettivo: la velocità. Velocity HD Race è il prodotto più innovativo ed aerodinamico della gamma Alé, interamente creato usando tessuti testati nella galleria del vento capaci di assicurare il minor attrito possibile con l'aria. per leggere l'intero articolo...


Chi non ricorda l’immagine dello scambio di borraccia al Tour de France del 4 luglio 1952 fra i due campionissimi italiani Fausto Coppi e Gino Bartali? Scambio che finì sulle più famose copertine dei giornali illustrati e rimase impresso una...


Ancora una volta Regala un Sogno è vicino chi soffre e scende in campo al fianco della Protezione Civile per l’emergenza Covid-19. A partire da oggi, infatti, saranno messe all’asta maglie prestigiose come quelle dei due Campioni del Mondo di...


Vicentino di Molina di Malo, a 30 km dal capoluogo, Davide Cattelan è un gigante di 190 centimetri per 80 chili di peso. Un cronoman fatto a misura per tirare il collo agli scalatori, ma anche ai passisti. Un passistone...


  Fino al 31 maggio l’attività ciclistica è sospesa, ma purtroppo come temevamo arrivano le prime soppressioni di gare previste nel mese di giugno. La prima ad essere rinviata al 2021 è la 2^ edizione della Valdibrana-Monsummano Terme per juniores,...


Alla maniera dei grandi: attacco secco sul Paterberg e via, con gli avversari che ti rivedono solo dopo il traguardo. Così Greg Van Avermaet ha vinto la prima edizione della Ronde Lockdown, il Giro delle Fiandre virtuale organizzato da Flanders...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155