FRANCESCA BARONI. «DATEMI LE SALITE E VI SOLLEVERO' LA GARA...»

CICLOCROSS | 25/01/2020 | 07:41

Francesca Baroni, 20 anni, toscana della Versilia, sta vivendo il momento magico della carriera. Domenica scorsa la ciclocrossista della Selle Italia – Guerciotti – Elite ha gareggiato in maglia azzurra nella prova di Coppa del Mondo a Nommay, in Francia. E’ arrivata sedicesima assoluta nella corsa open, tuttavia gran parte delle atlete che l’hanno preceduta erano della categoria elite, più esperte e anziane; Francesca è una under 23.
Domani la Baroni sarà di scena a Hoogerheide (Olanda) sempre con la maglia della Nazionale italiana, in Coppa del Mondo.

Francesca, ritieni di essere al massimo della forma?
«Penso che la mia attuale sia una buona condizione, ma sinceramente se in questo momento è al massimo non sono in grado di dirlo».

In questa stagione invernale hai centrato il triplete: Giro d’Italia, Master Cross Smp e Campionato italiano. Storicamente sei l’unica donna ad esserci riuscita riguardo le competizioni open. Che effetto ti fa?
«Tanta soddisfazione per me e la mia squadra».

Vittoria nel tricolore di Schio a parte, qual è la gara in cui ti sei divertita di più vincendo? E qual è il giorno della stagione invernale 19-20 in cui sei andata più forte, a prescindere dall’ordine d’arrivo?
«Mi sono divertita di più alla gara di “casa” dell’Idroscalo. La corsa in cui credo di essere andata veramente forte è stata quella di Zolder, la prova di Coppa del Mondo del giorno di Santo Stefano».

Preferisci gareggiare su terreno asciutto o vuoi la pioggia ?
«Per me è indifferente, la preferenza può dipendere da planimetria e altimetria del circuito».

Vuoi le salite nel circuito del Campionato del Mondo?
«Lo preferirei con le salite anche se non conosco ancora il percorso, lo vedrò appena arriverò a Dubendorf».

A chi hai dedicato la maglia rosa del Giro?
«Alla mia squadra, a tutti gli sponsor in particolare Selle Italia e Androni Giocattoli e a tutti coloro che mi hanno supportato in un momento particolarmente difficile per me».

Dai primi di marzo correrai subito su strada oppure ti concederai una pausa?
«Ho intenzione di gareggiare su strada possibilmente iniziando dalla Strade Bianche, classica che mi affascina per i tratti di sterrato, per poi disputare l’internazionale di Cittiglio».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

A circa un mese dalla partenza della Milano Sanremo incontriamo Davide Formolo e con il campione italiano parliamo del suo debutto nella Classicissima e degli obiettivi di una stagione che potrebbero proiettarlo in una nuova dimensione.Nei primi anni tra i...


A soli 20 anni Andrea Bagioli sta vivendo le sue prime pedalate da professionista con la Deceuninck - Quick-Step e ci racconta i suoi pensieri.«Le prime settimane della nuova stagione sono andate molto bene. Ho fatto due camp di addestramento...


Luca Guercilena e la sua Trek Segafredo, la più ‘italiana’ fra le formazioni World Tour e Gianni Savio e la sua Androni, la più vincente fra le formazioni italiane. Saranno questi gli ospiti di Radiocorsa, in programma stasera alle...


Reduce da un'intervento all'acetabolo destro (la parte di bacino su cui articola la testa del femore) pochi giorni fa, Matteo Moschetti è già risalito su una bici, seppur indoor, per pianficare il suo rientro. Le immagini sono a dir poco...


È l'apertura tradizionale della stagione - la Coppa San Geo - e segna anche l'inizio della corsa verso l'Oscar tuttoBICI Under 23. Sabato avremo la prima corsa e la prima classifica della challenge che in questa edizione sarà promossa dalla...


  Nell’anno di ricorrenze particolari su Gastone Nencini, 90 anni dalla nascita (1 marzo 1930), 60 dalla vittoria al Tour de France (17 luglio 1960), 40 dalla morte (1 febbraio 19080), si è inserita la cerimonia svoltasi al “Nencini Bike”...


Volata serratissima sul traguardo di Lagos, dove si è conclusa la prima tappa della Volta ao Algarve e successo per il campione olandese Fabio Jakobsen che ci è ripetuto a distanza di un anno. È stato Viviani, che aveva battezzato...


Mentre in Andalusia e Algarve i grandi big del ciclismo mondiale cominciano a mettere chilometri sulle gambe in vista di una lunga stagione, alcuni pesci più piccoli, ma per questo non meno importanti, sono pronti a darsi battaglia sulle strade...


Subito spettacolo alla Vuelta a Andalucia: il Puerto de Palomas (13 km al 5, 9%), ultima salita di giornata, ha ispirato Jakob Fuglsang della Astana e Mikel Landa della Bahrain McLaren, che si sono involati a metà salita e non...


La Casillo Petroli Firenze Hopplà arriva ai primi appuntamenti della stagione con tranquillità e serenità. Le prime sfide motivano i ragazzi di Matteo Provini e Gianni Faresin che saliranno sul palcoscenico agonistico quattro volte nell’arco di quarantotto ore.Pronti dunque i...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155