LINEA VERDE. LARA CRESTANELLO, LA VELOCISTA CHE CRESCE

DONNE JUNIORES | 02/12/2019 | 07:47
di Danilo Viganò

Tra calcio o ciclismo, alla fine Lara ha scelto la bicicletta! Lara Crestanello (Ciclismo Insieme), che da giovanissima ha praticato la Ginnastica Artistica (non le piaceva) ha seguito quello che le diceva il cuore. Il ciclismo ha battuto il pallone ed è così entrato nella sua vita e oggi, a 17 anni compiuti, Lara è tra le atlete più promettenti del panorama femminile nazionale.

Vicentina di Meda di Velo d'Astico, una piccola frazione a 40 km da Vicenza, Lara vive con i genitori Manuela (casalinga) e Simone, operaio in una fabbrica di metalmeccanica, e il fratello minore Samuel. Al suo primo anno tra le juniores si è laureata campionessa italiana a cronometro a squadre, mentre nella prova in linea tricolore di Notaresco, nel Teramano, si è classificata al terzo posto.

Ha indossato per la prima volta la maglia azzurra sia i mondiali che agli europei in pista (settima nello Scratch, sesta nel Keirin), oltre ad essere stata selezionata per la sfida Continentale su strada ad Alkmaar, in Olanda. Crestanello è una velocista di temperamento, alta 170 centimetri per un peso forma di 56 chilogrammi. Frequenta il Liceo Scientifico Sportivo "Baronio" di Vicenza. Il prossimo anno correrà sempre con il team Ciclismo Insieme di Thiene, diretto da Paolo Folco.

Cosa ne pensi del momento del ciclismo italiano?
«E' in buona salute, e sta attraversando un bel periodo».

A quale età hai cominciato a correre?
«A 8 anni con la Scuola Ciclismo Piovene Rocchette. La mia prima bici era una Rampon biancaverdegialla».

Il più forte corridore di tutti i tempi?
«Marco Pantani. Per il suo modo di correre».

Segui altri sport con la stessa passione del ciclismo?
«No».

I tuoi peggiori difetti?
«Sono testarda».

Altruista o egoista?
Altruista».

Cosa leggi preferibilmente?
«Non leggo molto, però se dovessi scegliere mi piacciono i libri di sport».

Cosa apprezzi di più in un uomo?
«La sincerità».

Sei social?
«Abbastanza».

Cosa cambieresti nel ciclismo di oggi?
«Niente, va bene com'è».

Piatto preferito?
«Pizza».

Hobby?
«Non ho dubbi, la bicicletta».

La gara che vorresti vincere?
«Campionato del Mondo».

Televisione, cinema o teatro?
«Televisione, specialmente i programmi che parlano di sport».

I ragazzi di oggi con quelli di ieri: le differenze?
«Oggi sono troppo condizionati dalla tecnologia, e hanno poco dialogo tra loro».



Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Nella sua Slovenia Primoz Roglic viene chiamato l’Aquila di Zasavje mentre Pogacar è soprannominato il Lupo della Gorenjska. L’Aquila il prossimo anno tornerà, questa è una certezza. E tornerà per sfidare il suo avversario e lo farà a partire dal...


Bello? Suggestivo? Affascinante? Scegliete voi l'aggettivo che più vi pice per questa immagine del Burj Khalifa, il grattacielo simbolo degli Emirati Arabi sulla quale stanotte campeggia la foto di Tadej Pogacar in maglia gialla accompagnata dal simbolo del Team UAE...


Mauro Gianetti, Ceo della UAE Emirates, sotto il palco del Tour de France guardava Tadej con il sorriso e gli occhi che brillavano. Gianetti in questa squadra ancora giovane ha avuto un ruolo importante, fin da subito ha creduto in...


È festa grande a Komenda, il paese natale di Tadej Pogacar. Tutti in piazza per celebrare il trionfo del nuovo fenomeno del ciclismo, il suo clamoroso successo al Tour de France. E ad animare la festa, l'allenatore di Tadej, Miha...


Questo non è stato, purtroppo, il Tour di Elia Viviani. Il velocista della Cofidis ha avuto un problema a un piede e nelle poche tappe riservate ai velocisti non è riuscito ad andare oltre un quarto posto. “Siamo finalmente arrivati...


Non è una vendetta, sia chiaro, ma una semplice storia di sport. Il protagonista della storia è Sam Bennett, 30 anni tra un mese, irlandese di Wervik, che ha fortemente voluto andar via dalla Bora Hansgrohe nello scorso inverno perché...


Un lampo verde a Parigi: Sam Bennett trionfa nella tappa conclusiva del Tour de France, 122 km da Mantes la Jolie a Parigi sugli Champs-Elysèes, chiudendo come meglio non avrebbe potuto la sua grande campagna francese. L'irlandese ha battuto l'iridato...


Tadej POGACAR. 10 e lode. Due Grandi Giri, due podi, un terzo alla Vuelta e una maglia gialla sul podio di Parigi. Tre tappe alla Vuelta e una maglia; tre tappe e tre maglie al Tour. Se non è un...


Grande performance del giovane talento Antonio Tiberi nell'internazionale Trofeo città di San Vendemiano-Trofeo Industria e Commercio prestigiosa gara del calendario UCI Europa Tour di classe 1.2MU. Il giovane romano di Gavignano, 19 anni del team Colpack Ballan, si è imposto...


C'è la firma dell'olandese Danny Van Poppel sull'edizione 2020 della Gooikse Pijl. Il portacolori della Circus Wanty Gobert ha vinto allo sprint precedendo nell'ordine Gerben Thijssen della Lotto Soudal e Arvid De Kleijn della Riwal Securitas). ORDINE D'ARRIVO 1. Danny...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155