MANZONI: «LA FAMIGLIA DELLA NIPPO FANTINI FAIZANÉ, LA NUOVA SFIDA ALLA BARDIANI CSF FAIZANÉ»

INTERVISTA | 31/10/2019 | 07:29
di Giorgia Monguzzi

Un flashback, un incontro, una riflessione su quel che (di molto importante) è stato e uno sguardo su quello (altrettanto importante) che sarà. Protagonista dell'incontro, Mario Manzoni.

Splende un sole fioco nel cielo sopra Agliè, tra poco più di due ore proprio davanti al castello, divenuto famoso grazie ad Elisa di Rivombrosa, verrà dato il via al Gran Piemonte. Parecchi metri più sotto nella zona dei bus si respira un’aria strana, niente musica di sottofondo per accompagnare gli atleti, quanto piuttosto un silenzio interrotto qua e là di gruppi di tifosi. È una delle ultime corse della stagione ciclistica, o almeno per quanto riguarda quella in Italia che si concluderà due giorni dopo con il Lombardia. È tempo di bilanci, di rimpianti e di saluti dandosi appuntamento all’anno successivo. È però la zona riservata alla Nippo Fantini Faizane' ad attirare l’attenzione con il silenzio, la concentrazione, la tranquillità solo apparente.

È un giorno particolare per la Nippo Fantini Faizane',squadra che per tanti anni ha rappresentato il ponte tra il ciclismo nostrano e quello asiatico e che proprio il giorno del Gran Piemonte ha affrontato la  sua ultima competizione su suolo italiano. C’è palpabile emozione soprattutto nello staff di lunga data che in compagnia del team è cresciuto e ha vissuto emozioni indelebili.

Mario Manzoni è uno dei principali direttori sportivi della squadra, alla corte dei nipponici ha passato i suoi ultimi 5 anni formando atleti e imparando molto: c’è un po’ di amarezza sul suo volto e l’occasione è giusta per raccontare a tuttobiciweb le grandi emozioni regalategli dalla Nippo Fantini Faizane' una squadra che è diventata per lui come una seconda famiglia. Un’occasione per ricordare le grandi emozioni che ha provato ma anche i suoi progetti futuri.

Che effetto ti fa sapere che questa sarà l’ultima gara in italia della Nippo Fantini Faizane'?
«Devo ammettere che oggi c’è anche un velo di tristezza. In questi anni io e la squadra abbiamo cercato di trovarci, di creare qualcosa insieme e di crescere insieme, è inutile dire che pensare che sarà l’ultima corsa con questa famiglia nasconde molto rammarico».

Quali sono i ricordi più belli legati a questi ultimi cinque anni?
«La prima cosa che mi viene da rispondere è che mi ricordo maggiormente delle vittorie. Nel corso di questi cinque anni ho avuto a che fare con dei ragazzi veramente forti che mi hanno regalato delle grandi soddisfazioni. È impossibile dimenticare le vittorie di Marco Canola in America che abbiamo vissuto in modo diretto. La Japan Cup è stata un’esperienza straordinaria, in quelle competizioni giocavamo praticamente in casa e siamo sempre stati accolti da un entusiasmo incredibile, non sono cose all’ordine del giorno! L’anno scorso alla Coppa Sabatini Lobato ci ha regalato veramente una grandissima vittoria inaspettata e Marini con le sue volate ha portato lustro alla squadra. Abbiamo colto molti successi in territori lontani come la Cina; visto da fuori può sembrare facile vincere in quelle corse, ma in realtà c’è una competizione altissima».

Se dovessi scegliere la vittoria più bella del tuo team, il tuo cuore dove ti guiderebbe?
«Tra tutte le vittorie dei miei corridori devo mettere assolutamente al primo posto la vittoria di Damiano Cima nella 18^ tappa del Giro 2019. È stata una gioia veramente incredibile, per un team che non appartiene al WorldTour vincere una gara importante è sempre una soddisfazione enorme, ma vincere alla corsa rosa, dove a fatica abbiamo ottenuto un invito, devo dire che è stato veramente pazzesco. Tra l’altro quel giorno in macchina non andava nemmeno la televisione e quindi l’abbiamo vissuta alla radio come si faceva ai vecchi tempi. Ancora mi emoziono a ricordare quella tappa, è stata un’esperienza unica e straordinaria».

Come direttore sportivo come hai vissuto queste vittorie?
«Bisogna dire che ogni vittoria che abbiamo fatto è stata importante, ma anche un piazzamento lo è, soprattutto se si sa il lavoro che c’è dietro. Normalmente si è abituati ad esultare ad una vittoria così com’è, ma per noi direttori sportivi tutto è vissuto da un’altra prospettiva. Un successo è il coronamento di un lavoro intenso di preparazione che viene studiato a puntino, i ragazzi fanno dei sacrifici, ma anche noi ne facciamo davvero tanti. Li vediamo crescere, mettiamo tutta la nostra anima per fare in modo che siano il più preparati possibile, puntiamo ad ottenere il massimo e quando ci riusciamo non possiamo che essere soddisfatti. Spesso dall’esterno si prova ad immaginare i sacrifici che ogni atleta fa, le scelte e le rinunce, ma anche noi ne compiamo. Questa è una vita dura che si sceglie anche per passione e che implica purtroppo lo stare lontano dai propri affetti per molti mesi all’anno: l’unico modo per farcela è riuscire a ricreare in squadra una famiglia ciclistica».

Quanto è importante riuscire a creare questa famiglia?
«Nella mia carriera di direttore sportivo ho sempre cercato di ricreare un ambiente dove si sta bene insieme, non è facile perché ci sono tante teste, tanti pensieri e tanti problemi, ma è fondamentale riuscirci. Tutti passiamo moltissimi mesi all’anno lontano da casa, una situazione non così semplice d vivere e quindi è fondamentale crearsi una specie di famiglia all’interno del team per vivere bene sia le dinamiche di squadra che lo sport e il lavoro».

In Nippo Fantini Faizane' ci sei riuscito?
«Assolutamente sì, infatti uno dei ricordi più belli che mi porterò dietro da questa esperienza è il bellissimo rapporto con lo staff, le serate sul bus a parlare non solo del nostro lavoro ma soprattutto di altro, come di chi ci aspetta a casa. Credo che nel ciclismo sia fondamentale riuscire a creare tutto ciò, solo così si può vivere la squadra in modo più bello e più pieno».

Dalla prossima stagione, dopo cinque anni in Nippo Fantini passerai alla Bardiani Csf Faizane'. Qual è il tuo rapporto con Bruno e Roberto Reverberi?
«Con i Reverberi c’è un rapporto di assoluto rispetto. Verso Bruno nutro una grandissima ammirazione, ormai da molti anni allestisce squadre con giovani promettenti che allena per farli diventare grandi campioni, continua a mantenere una grinta incredibile. Lavorare con loro sarà per me una nuova sfida, la possibilità di vedere il ciclismo e la squadra in modo ancora diverso. Sicuramente sarà un ambiente molto differente rispetto alla Nippo, ma sono sicuro che mi permetterà di crescere e io farò il mio, mettendoci l’esperienza e anche qualche idea nuova. Proveremo a mettere insieme i nostro progetti e a creare un team migliore e ancora più forte».

In squadra troverai anche atleti con cui hai già avuto modo di lavorare….
«Ritroverò Iuri Filosi che prima di approdare alla Delko correva proprio in Nippo. Inoltre mi porterò dietro, per così dire, dei ragazzi come Filippo Zaccanti e Giovanni Lonardi e sarà bello continuare il lavoro intrapreso con loro. Sono però molti gli atleti che conosco poco, forse li ho già visti in gruppo ma non sono mai stato loro direttore sportivo, sarà una bella sfida con tutti e spero di portare a casa della belle soddisfazioni».

Copyright © TBW
COMMENTI
juri
31 ottobre 2019 09:44 tiz
Ma quando si deciderà a diventare grande questo Juri?

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

La Toscana del pedale ha un altro Gonfalone d'Argento. L'ultimo ad unirsi ad una lunga lista di campiono è stato Alberto Bettiol. Il re del Giro delle Fiandre è stato premiato quest'oggi a Firenze, nella sala Gonfalone di Palazzo del...


Arriva un altro talento colombiano alla corte del Team INEOS: si tratta del ventitreenne Brandon Rivera che ha firmato un contratto di due anni. «Sono molto felice e posso dirmi fortunato perché il Team INEOS è la squadra perfetta per...


Che anno è stato il 2019 per il ciclismo italiano? Se ne parla questa sera a Radiocorsa oggi alle 19 su Raisport HD con il ct Davide Cassani. In scaletta ci sono poi tutte le gare di ciclocross del momento...


Ha vinto quattro scudetti, tre volte la Coppa Italia e altrettante la Supercoppa, gioca al centro dell'attacco nella Juventus, ed è stata protagonista con l'Italia nel giugno scorso ai Mondiali di calcio femminile in Francia. E' Barbara Bonansea, diventata una...


Il Tour of Fuzhou conferma - come già visto quest'anno con Egan Bernal, Tadej Pogačar e Remco Evenepoel, tanto per fare qualche nome - la presa di potere di corridori giovanissimi. utto il podio della quinta tappa è formato, infatti,...


Si avvicina il debutto in un grande giro per Mathieu Van der Poel: il corridore olandese, infatti, sta valutando la possibilità di disputare la Vuelta nel prossimo mese di agosto. È stato lui stesso a parlare di questa opportunità nel...


Per celebrare una stagione ciclistica ricca di successi, la Filiale della Suzuki ha realizzato un esemplare speciale della Vitara che ha donato alla Federazione Ciclistica Italiana. Caratterizzata da grafiche specifiche, l'auto è stata consegnata al Presidente della federale Renato Di...


Dopo essere tornata in calendario nelle due ultime stagioni, la Vuelta a Aragon va incontro ad un nuovo stop e nel 2020 non si correrà: lo hanno annunciato ufficialmente gli organizzatori, spiegando che la decisione è dovuta al fatto che...


Alberto Dainese è un ragazzo che non ha problemi a dire quello che pensa. È bastato qualche minuto di chiacchierata per capire la sua forte e genuina personalità. Risposte mai banali e buona tendenza a fare ironia. Ma, soprattutto, in...


Finalmente una bella dormita per me e anche per Giorgio, che ha recuperato al 100%. Dopo 10 giorni di convivenza abbiamo scoperto che Dil è un Lama, ovvero una guida buddista: ci ha portato a casa di alcuni suoi parenti...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy