TRAGEDIA. GIOVANNI IANNELLI NON CE L'HA FATTA

LUTTO | 07/10/2019 | 13:23
di Antonio Mannori

Non ce l’ha fatta Giovanni Iannelli, è morto inseguendo la sua passione, e questa è una di quelle notizie che non vorremmo mai scrivere. Ma Lui “ci sarà ancora, vivrà ancora” grazie all’espianto degli organi, autorizzato dai suoi genitori, Carlo e Anna Maria, in questo momento di immenso dolore. Un gesto che fa onore a questa famiglia pratese.

L’atleta nato il 20 novembre 1996, era stato ricoverato in coma sabato pomeriggio dopo la terribile caduta durante la volata sul circuito a Molino dei Torti in provincia di Alessandria, quando andò a sbattere contro un pilone in cemento disintegrando il casco protettivo che indossava. Sabato sera all’ospedale civile di Alessandria dove era stato ricoverato con l’elisoccorso, Iannelli era stato sottoposto a un delicato intervento alla testa, per cercare di rimuovere l’ematoma. Le condizioni erano gravissime e tali erano rimaste anche dopo l’intervento. Stamattina i medici hanno provato a togliere le sedazioni per svegliarlo dal coma, ma la situazione purtroppo è precipitata e per il giovane non c'è stato nulla da fare.

La notizia in breve ha fatto il giro dei social, e tanti coloro che hanno espresso profondo dolore e sgomento per la sua scomparsa. Se ne va un giovane che abbiamo visto correre giovanissimo con la maglia della Ciclistica Pratese 1927, la società che suo padre ha presieduto per alcuni anni e che abbiamo seguito nella sua ascesa fino nei dilettanti dove gareggiava nella Hato Green Tea Beer Cipriani e Gestri.

Dopo essere stato esordiente e allievo nella Pratese-Grassi con vari piazzamenti, da juniores Giovanni gareggiò nella stessa Cipriani e Gestri sostenuta prima dall’azienda Palma e poi da quella cinese Uniontrade. La sua prima vittoria arrivò il primo settembre 2013 nella Coppa Fiera di Signa con una travolgente volata, e giunse terzo a Poggio a Caiano nella Coppa Giulio Burci. Splendida e brillante l’annata successiva con tre vittorie (Guastalla, Caivano e Massa) e la conquista della maglia azzurra della Nazionale Italiana per una trasferta sul pavé in Belgio. Ha indossato le maglie anche della Big Hunter Seanese, del Team Malmantile per poi tornare con l’inizio del 2019 nella Cipriani e Gestri con la quale quest’anno aveva affrontato anche il Giro dell’Albania ottenendo un quinto posto. Sabato il terribile incidente, oggi l’addio per sempre

Alla famiglia Iannelli e alla sua squadra giungano le condoglianze della nostra redazione.

Copyright © TBW
COMMENTI
Rip
7 ottobre 2019 14:24 Anbronte
R.i.p

Tristezza
7 ottobre 2019 14:37 noel
Grande tristezza !

Triste notizia
7 ottobre 2019 15:24 9colli
Troppo Giovane per Morire.........R.i.P. Giovanni condoglianze alla famiglia

condoglianze
7 ottobre 2019 15:34 noodles
Condoglianze e un abbraccio grande e sincero a Carlo e a tutta la sua famiglia, da sempre innamorati di questo sport che oggi ha dato loro il dolore più terribile e inaccettabile. Gianni Marroni

Grande dolore
7 ottobre 2019 15:36 vecchione
Il pensiero, il dolore, per un giovane che termina la sua vita in modo così tragico. E affettuose condoglianze alla famiglia e a papà Carlo, da sempre vicino e impegnato nel ciclismo con passione.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ancora una fuga vincente che va a segno sulle strade della HTV Cup, la lunga corsa a tappe che si sta disputando sulle strade del Vietnam. La dodicesima frazione - che ha portato la carovana da Buon Me Thuot a...


Se si pensa a lui in noi affiora un sorriso. Dino Zandegù è chiaramente un uomo di compagnia, una personalità forte e garbata, porta gioia in ogni luogo, casa o piazza. È l’uomo della festa e suona strano sapere che...


Dal 9 al 31 maggio si sarebbe dovuto disputare il Giro d’Italia 2020. Tuttobiciweb lo corre comunque, giorno per giorno, con la forza della memoria. Oggi la ventunesima tappa: Toni Bailetti ci racconta quella del 1963. “I giochi al Giro...


Conosce tutti gli sport ma ama soprattutto la bicicletta, che utilizza quotidianamente anche in città. «Ne ho tre, l’ultima me la sono regalata due anni fa: un’e-bike , una bellissima MTB customizzata di cui sono molto orgogliosa e che uso...


Il periodo della quarantena è stata un’inconsapevole occasione che ha dato un’importante accelerata all’innovazione e alla diffusione degli strumenti digitali nella so­cietà. Gli studenti ed i lavoratori fruiscono in modo massiccio dei software che han­no consentito loro di lavorare e...


Il Giro delle Fiandre ha perso il suo decano: si è spento a 93 anni Roger Decock, vincitore dell’edizione 1952 della Ronde, un’edizione memorabile a causa di vento, pioggia e freddo. Decock aveva scoperto la bicicletta durante la seconda guerra...


Tra qualche anno, il mondo guarderà al 2020 e al Covid-19 come ad uno snodo decisivo per la nostra generazione. Con la fase di progressiva ripartenza che sta coinvolgendo tutte le nazioni, è sempre più evidente come questo momento sia destinato a...


il grande ciclismo sta provando a rimettersi in moto con i corridori che hanno ripreso ad allenarsi e i calendari che forniscono finalmente degli obiettivi a cui mirare, anche se ancora distanti, ma anche il ciclismo di base ha bisogno...


Siamo molto dispiaciuti, sia come associazione A.C.O.F.I. che come addetti ai lavori facenti parte del fuoristrada, che il nostro Presidente Federale non abbia ancora dato una risposta alla nostra presentazione, questo ci fa pensare che il fuoristrada non sia proprio di suo...


Al lungo elenco delle giovani promesse del Bresciano che vanno in bici si aggiunge Gabriele Raccagni, in sella da quando aveva 7 anni: «Il merito è dei miei nonni Bruno e Francesco che correvano tra i cicloamatori. Grazie a loro...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155