MERCATO: COLPO VO2 PINK, ARRIVA FRANCESCA BARALE

DONNE ALLIEVE | 22/08/2019 | 18:27

Il VO2 Team Pink guarda al futuro e per la prossima stagione ciclistica (2020) accoglie tra le proprie fila una nuova “panterina”. Si tratta di Francesca Barale, piemontese classe 2003 e che nella prossima annata in sella approderà al sodalizio piacentino affrontando con la nuova maglia il passaggio tra le categorie Allieve e Donne Juniores. Ancora una volta, un talento di assoluto livello italiano sceglie il VO2 Team Pink per completare il percorso di crescita giovanile, aspetto che riempie d’orgoglio la società nata nel 2016, presieduta da Gian Luca Andrina e che in pochi anni si è ritagliata uno spazio importante nel panorama femminile giovanile italiano grazie  al proprio progetto della “filiera rosa” (Esordienti, Allieve e Donne Juniores).


LA SCHEDA – Francesca Barale è nata il 29 aprile 2003 a Domodossola, città dove risiede. Il ciclismo è questione di dna in famiglia: il nonno Germano ha corso tra gli anni ’50 e ’60 insieme a Fausto Coppi, mentre papà Florido è stato professionista per due stagioni nell’Amore & Vita. Francesca è salita in sella all’età di 6 anni, iniziando da G1 nel Pedale Ossolano dove il papà è presidente e per dieci anni ha sempre indossato la stessa casacca, facendo tutta la trafila da Giovanissima per poi affrontare i bienni da Donna Esordiente e da Allieva. In carriera ha vinto quattro titoli italiani giovanili, inaugurando la bacheca tricolore personale nel 2016 a Comano Terme vincendo tra le Donne Esordienti primo anno salvo poi concedere il bis dodici mesi dopo nella stessa località trentina, dove infine ha sfiorato il podio Allieve nel 2018 (quarto posto).


Nel 2019, una sfortunata caduta nel finale le ha precluso un risultato di grande prestigio al tricolore su strada di Chianciano Terme, ma il bilancio è ampiamente positivo, con il titolo italiano a cronometro Allieve a Corsanico (dopo l’argento 2018 a Villadose) e quello su pista nell’Americana a San Francesco al Campo in coppia con Sara Fiorin (Cicli Fiorin). Tra cronometro e strada, il 2019 in sella l’ha vista trionfare in tredici occasioni. L’estate corrente ha segnato anche prestigiosi risultati in campo internazionale giovanile con la partecipazione in maglia azzurra agli EYOF (European Youth Olympic Festival) di Baku, centrando prima il quarto posto a cronometro e poi l’argento nella prova in linea.

LA PAROLA A FRANCESCA – “Come caratteristiche – spiega la Barale – sono una passista-scalatrice. Quest’anno ho dovuto compiere una scelta molto importante, visto che per la prima volta devo cambiare società e fin qui non mi ero mai posta il problema. Perché il VO2 Team Pink? Fin da subito mi è sembrata una squadra organizzata e competitiva, inoltre conosco diverse ragazze. Come obiettivi per il 2020 mi pongo in primis quello di maturare esperienza, sapendo come lo scalino da Allieva a Juniores sia un grande passo, poi se dovessero arrivare risultati importanti tanto meglio. I miei modelli di ciclisti sono Elisa Longo Borghini, che abita vicino a me e che conosco, Vincenzo Nibali e Julian Alaphilippe. Oltre al ciclismo, mi piace leggere e a settembre inizierò il terzo anno al liceo scientifico”.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La giornata di denuncia della violenza sulle donne tocca ogni settore della società e naturalmente anche lo sport e il ciclismo. Il segno rosso sul viso campeggia sul volto di tanti campioni e le panchine rosse sono il simbolo di una lotta...


«Michele Bartoli è stato un campione straordinario, buono come il pane. E con me ha vinto sette classiche, dico sette...». Giancarlo Ferretti, il sergente di ferro, apre il suo cuore nella nuova puntata di BlaBlaBike e racconta i suoi campioni,...


È stata la riunione più veloce della storia di Zoom: non per problemi tecnici, anzi, ma per l'accordo praticamente unanime sulla decisione da prendere: conferma totale delle indicazioni espresse dai lettori di tuttobiciweb, Marco Villa conquista l'Oscar tuttoBICI come miglior...


Il campione kazako Alexey Lutsenko ha rinnovato il suo contratto con l’Astana - Premier Tech per un'altra stagione, mentre il canadese Steve Bauer e il kazako Dmitriy Muravyev entreranno nel team come direttori sportivi. Così l’Astana- Premier Tech ha completato...


Dallo scorso 11 ottobre, dopo la corsa a Montecatini Terme in Toscana, ha attaccato la bici al chiodo e ha già trovato lavoro, ma il suo obiettivo è arruolarsi nell’Esercito. Questa è la storia di Aldo Caiati, nato il 19...


«Mi sentivo come su un Ferrari nel traffico di Milano alle 8 del mattino... magicamente questo test negativo mi ha proiettato direttamente nell’autodromo di Monza ! Finalmente!»: Filippo Ganna esulta e torna finalmente libero. Il quarto tampone ha dato esito...


La data è di quelle da ricordare: il 25 novembre del 1945, a poco più di 13 anni e mezzo, con tanto di documento “aggiustato” per raggiungere l’età consentita, Ernesto Colnago varcava i cancelli della “Gloria” e iniziava ufficialmente il...


I medici in questo periodo fanno, comprensibilmente e giustamente, più notizia degli sportivi. Non è però per questo che Matteo Bellia ha deciso di appendere la bici al chiodo e indossare il camice. Il 23enne di Domodossola, fino a quest’anno...


La loro è una storia d’amore nata sulla bici in Slovenia e oggi vengono considerati la coppia più bella del ciclismo. Stiamo parlando del vincitore del Tour de France Tadej Pogačar e di Urška Žigart, entrambi campioni nazionali, che stanno...


Enrico Battaglin, Bardiani-CSF-Faizanè, Capitolo II. I Reverberi lo avevano lanciato nel mondo dei grandi nel 2012 e ora, cinque anni dopo l’arrivederci, lo riaccolgono, ritrovando un corridore più maturo, consapevole dei propri pregi e difetti, e con ancora tanto da...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155