ARU. «IL RECUPERO MI HA SORPRESO, ORA SOTTO CON I TRICOLORI»

PROFESSIONISTI | 24/06/2019 | 12:08
di Giorgia Monguzzi

L’inizio di stagione per Fabio Aru è stato tutt’altro che positivo, ma il corridore sardo - dopo dei mesi di stop forzato - sembra essere sulla strada giusta per raggiungere una buona forma. Durante la settimana di Tour de Suisse ha dimostrato che in gruppo è pronto a far sentire la sua voce

«Vengo da un lungo periodo di stop, ma fortunatamente il recupero è stato più breve del previsto, ho stupito anche me stesso. Con la squadra abbiamo visto che c’era l’occasione per rientrare e così abbiamo deciso di sfruttare al meglio questa possibilità - racconta il talento sardo a tuttobiciweb -: in realtà non era nemmeno in programma la partecipazione a questo Tour de Suisse, ma dopo il buon rientro nel Gran Premio città di Lugano con la squadra abbiamo capito che questa corsa a tappe sarebbe stata un banco di prova molto importante e così abbiamo deciso di essere al via».

La corsa a tappe elvetica ha visto il successo di Egan Bernal, ma Aru ha avuto momenti per distinguersi e anche nell’ultima tappa non ha mancato di farsi vedere. «Il Tour de Suisse è una corsa di alto livello con un percorso molto impegnativo, io ho cercato di approfittare di questi giorni per testare la gamba, soprattutto per capire a che punto del recupero sono. Indubbiamente in gruppo c’erano atleti molto più forti di me, ma tutto sommato devo dire che sono piuttosto soddisfatto: l’importante era essere lì ed avere buone  sensazioni, penso di aver dimostrato di essere sulla strada giusta».

Il prossimo appuntamento per il portacolori del Team Uae sarà la prova in linea dei campionati italiani, un tracciato molto movimentato e che vede tra i favoriti proprio il suo compagno di squadra Diego Ulissi che in questi giorni ha avuto l’occasione di distinguersi in Slovenia. «Penso che il lavoro di questi giorni al Tour de Suisse mi sarà molto utile nei prossimi appuntamenti, primo fra tutti il campionato italiano. Penso di presentarmi al via piuttosto bene, noi in squadra abbiamo Ulissi che in questi giorni ha fatto vedere di avere una forma incredibile, se manterrà questa condizione è logico che con la squadra si punterà tutto su di lui. Diego ed io siamo molto amici anche fuori della corsa, se si deciderà di correre per lui io non mi tirerò certo indietro ma sarò pronto per aiutarlo, avrà il mio completo supporto. Per quanto riguarda me, sarà il percorso di domenica a dire fino a dove posso arrivare, la voglia di fare bene è tanta, in questi giorni ho cercato di dimostrarlo, ma qui in Svizzera ho visto che ci sono molti corridori che stanno andando parecchio forte, bisognerà guardarsi le spalle anche da loro».

Tra meno di due settimane a Bruxelles scatterà il Tour de France, tra gli italiani quello di Fabio Aru è uno dei nomi più gettonati, ma il sardo preferisce ancora non sbilanciarsi sulla sua partecipazione. «Per il momento il mio futuro sono i campionati italiani, il mio obiettivo è quello di fare bene domenica per testare ancora una volta fino a che punto posso arrivare. Per quanto riguarda il Tour logicamente con la squadra se ne è parlato, ma bisognerà discuterne ancora per capire bene cosa fare. Ad oggi non è ancora stato ufficializzato nulla e non abbiamo nemmeno preso una decisione, penso che in questa prospettiva i campionati italiani di domenica saranno fondamentali per fare poi un programma per il resto della stagione».

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Il Giro d'Italia di "Gambe, la strada è di tutti" continua. Lunedì prossimo la Fondazione Michele Scarponi porterà a Pinerolo (TO) il documentario che racconta, a partire dalla storia di Michele, ucciso nell'aprile del 2017 mentre si stava allenando in...


Continua a essere versato sangue sulle strade del mondo. Continuano a morire ciclisti, spesso giovanissimi. Ieri in Bretagna, a margine del ciclocross organizzato a Pleumeur-Bodou, ha perso la vita un ragazzo di 16 anni. Poco prima delle 15, l'adolescente originario di...


Ragazzi, ci siamo! Abbiamo spento presto la luce ieri sera, chiudendo Katmandu fuori dalle finestre. Ma addormentarsi non è stato facile, adrenalina a mille in corpo, anche se dovrei esserci abituato… Ma è così, ogni vigilia porta emozioni diverse e...


  Il suo nome è Beatrice Roda, ha compiuto quattordici anni lo scorso 4 novembre e nella stagione agonistica che si è conclusa a fine settembre, assieme a Marta Vergobbi e Michelle Di Paolantonio, ha difeso i colori di Bike...


Per quanto riguarda la categoria Allievi gli applausi sono tutti per Edoardo Zamperini. Il veneto della Officine Alberti Val d'Illasi si è imposto nell'Oscar tuttoBICI Gran Premio Nove Colli precedendo nell'ordine il toscano Ludovico Crescioli dell'Uc Empolese e l'altro veneto...


Un po' d'Italia al fianco di Mathieu Van der Poel: il prossimo anno, infatti, la Corendon Circus potrà contare su Kristian Sbaragli. Il toscano, classe 1990, ha firmato infatti un contratto biennale con il team belga, come ha anticipato il...


Tappa Olimpica e pista ciclabile più alta d’Europa. Cosa significa questa frase? In vista delle Olimpiadi del 2026 la Valtellina si prepara ad allestire una tappa del Giro d’Italia affascinante e su un tracciato inedito con possibile arrivo a Livigno....


  Negli ultimi 6 mesi, la tematica relativa alla mobilità sostenibile ha preso sempre più piede nelle città italiane tra decreti approvati, sperimentazioni, limitazioni e sharing. I cittadini italiani stanno rivolgendo grande attenzione verso questa soluzione che permette di non...


  Trecento chilometri, da Piacenza a Rimini, sola andata. La via Emilia, la statale 9, la route 77. Un uomo solo in bicicletta, e c’è da scommetterci, con il cappello. E’ il 1941, piena Seconda guerra mondiale. Giovanni Guareschi cavalca...


Sarà una "proma volta" carica di emoziuone. Scatta stasera la Sei Giorni di Gand e sarà la prima volta senza Patrick Sercu. Il re delle Sei Giorni e per lunghissimi anni organizzatore dell'appuntamento più atteso della stagione belga dei velodromi...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy