VIVIANI: «BISOGNA CAPIRE FINO A DOVE E' GIUSTO RISCHIARE»

PROFESSIONISTI | 15/05/2019 | 18:00

Altra giornata no per Elia Viviani, che ha provato a spintare ma nel momento decisivo si è trovato con le gambe pesanti per colpa di pioggia e freddo che quest'oggi non hanno concesso tregua ai girini. «Quando mancava un chilometro, il mio compagno Senechal ha preso la testa della corsa, ci abbiamo provato, la strada era allagata, la scelta migliore era stare davanti. Poi il treno della Groupama FDJ ci ha affiancati e quando Gaviria e Ackermann sono partiti non c'è stato nulla da fare perchè avevano un’altra marcia. Per il piazzamento era davvero una guerra, non valeva la pena rischiare. Ritengo sia stata un'ottima scelta neutralizzare l'ultimo giro, bisogna capire fino a dove è giusto rischiare» racconta tremando al Processo alla Tappa. La domanda ora è, arriverà fino a Verona? «L'unica motivazione per arrivare fino alla fine, nella mia città, era la maglia ciclamino visto la durezza dell'ultima settimana. Con la penalità dell'altro giorno e il risultato di oggi ormai è impossibile che io possa vestirla. Proverò a vincere a Modena e Novi Liguri, ultime due occasioni per i velocisti, poi con la squadra tireremo le somme».

Copyright © TBW
COMMENTI
Caro Processo ,
15 maggio 2019 19:27 canepari
ti scrivo per chiederti se era proprio il caso di far venire a casa tua Elia Viviani a tremare dal freddo per ascoltare quattro domande insulse e banali poste da personaggi ancora più banali. Gli ospiti fissi ben fasciati in abiti pesanti, il povero Viviani, gonfio di pioggia, con tremori convulsi e una voglia matta di andarsene al caldo. Caro Processo, nonostante la gradita presenza di Gigi Sgarbozza a nobilitare il parterre, oggi non mi sei proprio piaciuto.....

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Ha tagliato per ultimo il traguardo di Toulouse, Giulio Ciccone: sofferente in visto, nella scia di Nizzolo e Langeveld ad oltre 12 minuti da Caleb Ewan. L'abruzzese della Trek Segafredo è rimasto coinvolto nella caduta verificatasi ad una ventina di...


Caleb EWAN. 10. Finalmente il folletto di Sydney. Ci voleva, se lo meritava perché in fin dei conti in più di un occasione era arrivato vicino alla linea del traguardo. Oggi il piccolo velocista australiano corona il sogno e centra...


È mancata ieri notte all'età di 85 anni dopo una lunga malattia la signora Bruna Cassone in Damiani, mamma di Roberto, attuale tecnico della Cofidis, tornato di fretta a casa dalle strade del Tour de France. Domani a Castellanza ore...


Ancora un piazzamento di prestigio per Elia Viviani che oggi, però, non è mai entrato nella sfida per la vittoria di tappa, finendo terzo nella scia di Ewan e Groenewegen. «Qualcosa non ha funzionato nell'impostare l'ultima rotonda, credevamo fosse più...


Decima tappa in linea e decimo vincitore diverso in un Tour de France equilibratissimo per quanto riguarda i velocisti. A Tolosa sorride Caleb Ewan che ha fulminato in un arrivo serratissimo Dylan Groenewegen mentre Elia Viviani ha chiuso al terzo...


Giro della Valle d’Aosta, prima tappa, interamente francese, atto primo. Succede al km 98 di corsa, quando ne mancano 28 all’arrivo, poco prima dell’ingresso in Praz-sur-Arly. A quell’incrocio sono già passati tre fuggitivi (il belga Vansevenant, il francese Chevalier e...


Piccole storie di ordinarie giornate di riposo al Tour. Accade ad Albi, a poche distanza dal Grand Hotel d'Orleans: i corridori chiudono la sgambata con il rituale caffé al bar. Li serve direttamente il proprietario, grande appassionato di ciclismo, che...


Andrea Bagioli, 20 anni, passerà professionista il prossimo anno con la Deceuninck Quick Step. Il valtellinese della Colpack ha dominato quest’anno la Ronde de l'Isard e il Trofeo Città di San Vendemiano.«Sono al settimo cielo, è un sogno che si...


Dopo l'Isola d'Elba, Marco Aurelio Fontana ha conquistato la Val di Pejo. In occasione della tappa della eEnduro, nella quale ha colto un buon 2° posto, il Prorider della Scuderia Fontana è andato alla scoperta di uno dei posti più belli dove girare in...


Un sondaggio da Aigle, un tweet da Copertino, un’inchiesta dalla Gran Bretagna. Sono i tre elementi della svolta tecnologica del ciclismo e del solco sempre più profondo che si va scavando tra le istituzioni e la realtà. Cominciamo dal tweet....


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy