LECHNER GUARDA AVANTI, SUPERPRESTIGE E OLANDA I PROSSIMI OBIETTIVI

CICLOCROSS | 05/02/2019 | 11:12

"Alla partenza avevo tanto freddo che non sentivo le gambe... Ho fatto tanta fatica nei primi giri addirittura a pedalare e a guidare la bicicletta. Il virus influenzale che mi ha colpito dopo il tricolore di Milano mi ha debilitato e ad un appuntamento come il Mondiale se non arrivi in condizione al 100% con la grande concorrenza di altissimo livello, non puoi competere".
Queste le riflessioni della campionessa italiana in carica di ciclocross Eva Lechner al termine del Campionato del Mondo Donne Elite di ciclocross disputato a Bogense in Danimarca dove l'azzurra ha chiuso al 17° posto a 2'48” dalla vincitrice la belga Sanne Cant, al terzo successo iridato consecutivo.

“Ovviamente sono delusa, speravo in qualcosa di più, mi spiace per queste ultime gare alle quali sono arrivata in condizioni di forma non ideali. E' stata una stagione sicuramente diversa dalle altre: ho cambiato squadra e ho dovuto scoprire chiaramente qualcosa di diverso. Ho disputato tante corse in Belgio a livello altissimo e non è stato facile abituarsi: ma è stata una bella esperienza che mi ha insegnato tanto, adesso devo lavorare sulle cose che non sono andate bene per fare meglio il prossimo anno. Come risultati non è stata una delle mie stagioni migliori, ma non è andata neanche malissimo: non sono andata sul podio nelle gare di Coppa del Mondo ma sono entrata quattro volte nei top ten, e tante volte ero lì con le prime. E poi ho conquistato il decimo titolo Italiano, risultato sicuramente importante”.

La stagione del ciclocross per la trentatreenne bolzanina si concluderà con 4 gare nei prossimi fine settimana. Si comincia sabato 9 febbraio a Lille in Belgio, gara del calendario UCI internazionale, il giorno dopo il Superprestige a Hoogstraten in Belgio, sabato 16 l'ultima prova, sempre in Belgio, a Middelkerke. Lechner chiuderà la stagione correndo l'internazionale di Hulst, nei Paesi Bassi, domenica 17. (foto Anton Vos)

comunicato stampa

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ve ne avevamo già dato contezza: il Giro dovrebbe effettivamente partire da Palermo. Oggi anche l’ottimo Cosimo Cito su “La Repubblica” ha riportato questa nostra anticipazione arricchendola di qualche particolare molto interessante. Intanto lo scambio di Grandi Partenze o Grand...


Grazie all'impegno e alla disponibilità della famiglia di imprenditori Pedron, grande amica del ciclismo, il Reparto di Terapia Intensiva e Patologia Neonatale dell'Azienda Ospedaliera dell'Università di Padova potrà disporre di una preziosa apparecchiatura ad ultrasuoni necessaria a monitorare le funzioni...


La diciasettesima tappa della HTV Cup . la Da Lat - Bao Loc di 110 km - ha visto l'ennesima volata sulle strade del Vietnam ed il successo è andato a Le Nguyet Minh (Ho Chi Minh City - MM...


«Dopo tre mesi di stop, comincio ad accusare l'astinenza da corse, ho bisogno dell'adrenalina da competizione...». Gianni Savio scalpita, non vede l'ora di tornare in ammiraglia, anche se ovviamente in questi mesi di pandemia non è mai stato fermo. «È...


Una storia che profuma d’altri tempi sia per il personaggio a cui si ispira che per quella sorta di dilettantismo - nel senso più puro della parola - che le ruota attorno. La storia è quella dell’Università Saint Augustine di...


Pochi giorni fa, per la precisione il 27 maggio, ha tagliato il traguardo dei suoi primi 50 anni e per l'occasione ha fatto uno strappo alla regola, accettando l'invito di BlaBlaBike che lo ha voluto intervistare: è proprio Michele Bartoli...


Parliamo di Gabriele Landoni, corridore professionista dal 1977 al 1983, passato nella massima categoria all’età di 24 anni essendo nato il 26 marzo 1953. E’ di Cislago, paese in provincia di Varese, ai margini con quelle di Milano e Como,...


Viene da Olbia uno fra i giovani più interessanti della Sardegna. Parliamo di Lorenzo Mura, diciotto anni compiuti, con alle spalle una bella lista di successi dei quali quattro conseguiti nella passata stagione, la prima con gli Juniores. Bicampione...


Sei giugno, dolce sei giugno. Giuseppe Saronni oggi sei giugno 2020 ha buoni motivi per brindare: sono trascorsi esattamente 41 anni dal suo primo trionfo in classifica generale al Giro d’Italia. Lo straordinario campione nel 1979 al Giro vinse maglia...


Ora che possiamo finalmente rimetterci in viaggio e superare in auto i confini regionali, ritorna il desiderio di spostarsi per le vacanze, magari portandoci dietro la nuova bici acquistata anche grazie al Bonus Mobilità. Come trasportare la bici se l’auto...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155