FATTURE FALSE, CONDANNA IN PRIMO GRADO PER BERTINOTTI DELL'AC ARONA

GIUSTIZIA | 19/11/2018 | 07:43

L’unico responsabile è Antonio Bertinotti. Tra accertate prescrizioni e assoluzioni è l’ex sindaco di Arona, anima e deus ex machina della Ciclistica, l’unico degli imputati del processo per le sponsorizzazioni gonfiate nelle gare di ciclismo a finire condannato. Il giudice Rosa Maria Fornelli l’ha ritenuto colpevole dei reati che la Procura di Verbania gli ha contestato relativamente alle edizioni 2010 e 2011 del Gran Premio Nobili Rubinetterie, la prestigiosa kermesse ciclistica che per anni s’è disputata sul Lago Maggiore in coda al Giro d’Italia, con la partecipazione di alcuni dei più forti corridori del mondo.

Costola di altri procedimenti e nata da un controllo dell’Agenzia delle Entrate di Novara, l’inchiesta s’è chiusa in primo grado con la condanna a 9 mesi (la Procura, con i pm Fabrizio Argentieri e Anna Maria Rossi, aveva chiesto due anni e mezzo) del 66enne Bertinotti, e con l’assoluzione, sia degli altri dirigenti sportivi coinvolti (Marta Malatesta, Paola Albertinazzi e Franco Clerici), sia dell’unico imprenditore alla sbarra, il titolare della Sbs di Armeno Alessandro Storti.

Secondo l’accusa Bertinotti, Malatesta, Albertinazzi e Clerici, insieme a Giorgio Sinigaglia (presidente della Ciclistica Arona, deceduto nei mesi scorsi) e a Giovanni Guffanti Fiori (per cui, già in atti preliminari, è stato dichiarato il non doversi procedere per l’intervenuta prescrizione trattandosi di fatture del 2010) avevano creato un sistema per cui, utilizzando quattro associazioni diverse –Ciclistica Arona, Ciclistica Arona Amatori, Ente organizzatore eventi, Organizzazione Gare Ciclistiche– fatturavano rilevanti importi di contratti di sponsorizzazioni alle ditte (Sbs, Nobili Rubinetterie soprattutto e Bis), incassando il dovuto ma poi retrocedendo indietro, e in nero, una parte del denaro. Un sistema di “cartiere” – ha detto il pm Argentieri – per eludere il tetto massimo di fatturazione di ciascuna e restituire parte del denaro, come provato da uno dei testi ascoltati, coimputato in un procedimento collegato che pende in un altro Tribunale. Un teste che, riferendo di aver appreso da Bertinotti del sistema utilizzato, è stato contestato dall’avvocato Marco Rino Orioli, difensore dei dirigenti sportivi, secondo cui le società non erano fittizie ma, anzi, organizzavano altri eventi ciclistici. Orioli ha anche insistito sul fatto che le incongruenze nelle rendicontazioni delle spese possono tutt’al più essere irregolarità fiscali, mentre le sponsorizzazioni erano reali.

L’articolata requisitoria del pm Rossi ha preso in esame la cronistoria di questa inchiesta e di un processo celebrato a tappe forzate per evitare la prescrizione dei reati. Una parte dei quali è già “passata in cavalleria”, tanto che è stata la stessa rappresentate dell’accusa a chiedere il non doversi procedere per tutte le fatture emesse nel 2010 e contestate ai singoli imputati. Nell’individuare le responsabilità, anche alla luce del dibattimento, ha escluso che vi siano prove del coinvolgimento fattivo di Albertinazzi e Clerici, per i quali ha chiesto l’assoluzione. Non per Malatesta, colei che materialmente realizzava le fatture, per la quale ha chiesto un anno e mezzo. Quattro i mesi di condanna proposti per Storti, difeso dall’avvocato Paolino Ardia di Milano e, alla fine, accusato solo di una fattura di 12.000 euro del 2011. Quest’ultimo è stato assolto con la formula perché il fatto non costituisce reato. Malatesta, Albertinazzi e Clerici perché il fatto non sussiste (Malatesta con formula dubitativa). Bertinotti è stato condannato a 9 mesi. Con il prevedibile appello, che sarà depositato solo dopo la pubblicazione delle motivazioni (entro 90 giorni), molto facilmente si arriverà a dichiarare prescritti anche gli ultimi capi d’imputazione rimasti in piedi.

Copyright © TBW
COMMENTI
Come tante società sportive
19 novembre 2018 08:04 geo
La tecnica di fatturare e parte del denaro restituito a chi la fattura l'ha emessa, è una pratica usata da tantissime società sportive in tutti i campi: è l'unico modo per tenere in piedi società senza sponsor, che alimentano il vivaio delle squadre più grandi, che altrimenti chiuderebbero per mancanza di sostentamento. Soldi che generalmente non servono per diventare ricchi, per lucrare, ma solo per pagare maglie, noleggi attrezzi, benzina per il pulmino che porta alle partite

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Telefonica, azienda proprietaria del marchio Movistar, ha annunciato ufficialmente di aver rinnovato la propria partnership con il team di Eusebio Unzue fino al 2021.In otto anni di partnership, Movistar è stata per quattro volte la squadra numero uno del mondo...


Il Veneto, "culla" del ciclismo italiano, ha festeggiato sabato pomeriggio nel Teatro Elios Aldò di Scorzè, in provincia di Venezia, i protagonisti di una stagione ad alto livello che hanno contribuito a fare dell'Italia il Paese con più medaglie in...


Per la prima volta il ciclismo per una cerimonia di premiazione, è entrato nel Museo del Calcio presso il Centro Tecnico di Coverciano. Sala gremita, applausi e soddisfazione per il Comitato Provinciale di Firenze della Federciclismo presieduto da Elisa Lari,...


Caro Direttore, l'avvicinarsi del Natale dovrebbe, tradizionalmente, renderci anche più buoni. All'evidenza non è così facile per tutti noi, almeno per poco tempo, cambiare abitudini censurabili e allontanare i cattivi pensieri. Se ciò non fosse sufficiente a renderci immeritevoli di...


Ventimila chilometri sopra le terre. Da Forlì a Capo Nord spaziando, fuggendo e inseguendo, divagando (per Santiago di Compostela), esagerando, esplorando, sbagliando (strada), anche un po’ soffrendo e molto godendo, e sempre pedalando. Perché i ventimila chilometri sopra le terre...


Che magnifica festa con i colori rosa, quelli del ciclismo femminile, protagonista anche nel 2018 con la Challenge che ha coinvolto sei regioni: Toscana, Emilia Romagna, Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo. Colore rosa anche i capelli di Maria Bruni, vice...


Celebrata nella notte italiana a Los Angeles, presso il ristorante "N.10" di proprietà di Alessandro Del Piero,  la candidatura all'Oscar del film documentario lituano "Wonderful Losers. A Different World", girato in gran parte al Giro d'Italia 2015.Alla presenza di una...


Davvero un bel successo per il I Trofeo Impermit Service Srl - Città di Foligno, gara di ciclocross valida come campionato provinciale di Perugia e Terni e come tappa del TU-Cross. La manifestazione si è svolta al ciclodromo “Giuseppe Casini”...


Stefano Sala, 21 anni, è il re del Master Ciclocross internazionale 2018-19. Il corridore della Selle Italia – Guerciotti-Elite oggi a Vittorio Veneto (Treviso) ha vinto per distacco la prova conclusiva a punteggio doppio. Grazie al successo ha anche trionfato...


Missione compiuta di Elia Viviani a Londra. Sceso in pista per migliorare il quinto posto di Berlino nell’omnium, l’azzurro ha conquistato il bronzo riportandosi al vertice mondiale della sua specialità. La vittoria è andata al britannico Matthew Walls con 131...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy