BIANCHIN. POGACAR IN FORMA MONDIALE BATTE BAGIOLI

DILETTANTI | 23/09/2018 | 16:59

Ancora lui! Un eccellente Tadej Pogacar (Slovenia National Team), dopo la vittoria del Tour de l’Avenir  e del Giro del Friuli, torna al successo sulle strade italiane andando a cogliere una strepitosa vittoria al  49^ Trofeo Bianchin, alla fine di una lunga fuga cominciata dopo 78 chilometri di gara, confermando ancora una volta di essere lui l’uomo da battere ai prossimi Campionati del mondo di Innsbruck.

Il Trofeo Bianchin numero 49 può così festeggiare un "podio mondiale": Tadej Pogacar ha preceduto, infatti, sulla linea del traguardo l'azzurro Andrea Bagioli (Colpack) e il transalpino
Clement Champoussin (Chambery).

In 141 atleti hanno preso il via da Ponzano Veneto (Tv) dalla Becher House, con la regia organizzativa del Vc G. Bianchin, sotto un cielo grigio per una gara che prevedeva complessivamente 163 km, nove giri di un circuito pianeggiante per poi spostarsi verso il Montello dove i corridori hanno affrontato per quattro volte un circuito collinare e successivo rientro a Ponzano Veneto per l'arrivo.

I primi 75 chilometri pianeggianti sono stati corsi ad una andatura sostenutissima che ha visto il gruppo annullare tutti i tentativi di fuga.

Verso il primo GPM posto sulla Presa X nasce la fuga di giornata composta da Tadej Pogacar (Slovenia), Andrea Bagioli (Team Colpack), Clement
Champoussin (Chambèry Cyclisme Formation), Flavio Tasca (Work Service Videa Coppi Gazzera), Samuele Zoccarato (General Store Bottoli), Nicola Genuin (Gaiaplast Maglificio Bibanese) e Simone Zandomeneghi (Iseo Serrature  Rime Carnovali).

Durante i giri collinari del Montello perdono contatto Genuin e Zandomeneghi che non riescono più a ricucire il gap via via sempre più ampio sui cinque battistrada, mentre il gruppo perde terreno arrivando ad accumulare un ritardo di più di 3’ dai fuggitivi.

Un’indomabile  Pogacar  vince i cinque GPM della giornata, forza il ritmo assieme al francese Champoussin verso l’ultimo  GPM e a farne le spese sono Zoccarato e Tasca. Tasca però non si arrende, e riesce a ritornare sulla testa della corsa, cosa che non riesce a un generoso Zoccarato che lungo la strada verso l’arrivo di Ponzano è costretto ad alzare bandiera bianca.

Lo sprint finale vede un entusiasmante testa a testa fra Bagioli e Pogacar risolto solo dal fotofinish in favore di quest’ultimo che con un formidabile colpo di reni riesce a bruciare un altrettanto bravissimo Bagioli.

"Oggi sentivo di stare bene e in salita ho provato più volte ad accelerare ma i miei compagni di fuga non mi hanno lasciato spazio. Sono felice di aver vinto su questo traguardo così prestigioso. Si tratta di un risultato importante che mi da ancora più entusiasmo e fiducia in vista del Campionato del Mondo in linea di Innsbruck" ha spiegato dopo il traguardo un sorridente Tadej Pogacar.

Qualche rammarico, invece, per Andrea Bagioli che da martedì sarà in ritiro con la nazionale guidata dal ct Marino Amadori: "Ci ho provato fino all'ultimo ma purtroppo Pogacar mi ha preceduto di pochi centimetri. Anche oggi le sensazioni sono state buone, spero di potermi prendere la rivincita venerdì al mondiale."

Guarda a Innsbruck anche il francese Clement Champoussin"Oggi in salita ci siamo dati battaglia con Pogacar. E' stata una gara bellissima, mi sono divertito molto. Purtroppo ho trovato due atleti più veloci di me che mi hanno preceduto sul traguardo ma posso dire di essere comunque soddisfatto e pronto per la sfida di venerdì".

Entusiasta per lo spettacolo della 49^ edizione del Trofeo Bianchin, il presidente del Vc Gianfranco Bianchin, Bonaventura Pizzolon che ha sottolineato: "Oggi abbiamo vissuto una corsa straordinaria interpretata in maniera superba da un gruppo di giovani campioni. Per noi è un orgoglio poter applaudire questi atleti sulle nostre strade e questo podio è all'altezza della storia e del blasone della nostra manifestazione. Voglio ringraziare tutti i nostri sponsor, a partire da Becher House e Conad, tutta l'amministrazione comunale e tutti i volontari che oggi hanno collaborato per la piena riuscita di questa manifestazione. Ora guardiamo con entusiasmo all'edizione numero 50 per cui vogliamo mettere in cantiere molte importanti novità".


Ordine d'arrivo


km.163 in 3h 42'55 media/h 43.873

1 POGACAR Tadej Slo - Team Ljubljana Gusto Xaurum

2 BAGIOLI Andrea Team Colpack

3 CHAMPOUSSIN Clement Fra - Chambery Formation Cyclisme 1"

4 TASCA Flavio Work Service Coppi Videa 4"

5 ZOCCARATO Samuele General Store Bottoli

6 ROCCHETTA Cristian General Store Bottoli

7 SARTORI Mirco Mastromarco Sensi Dover

8 FIASCHI Tommaso Mastromarco Sensi Dover

9 MARCHIORI Leonardo Zalf Euromobil Désirée Fior

10 FAVERO Emanuele Cyberteam

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il titolo italiano, quello europeo e poi la vittoria alla regina delle Classiche, la Parigi-Roubaix: Sonny Colbrelli è stato protagonista di una stagione davvero indimenticabile. Sidi ha deciso di concentrare le emozioni delle più belle vittorie sulla tomaia della sua Wire 2, una scarpa alla...


Prima o poi si torna alle origini. Capita anche a Sonny Colbrelli, il miglior ciclista italiano dell’anno: presentandosi nella sede della Merida Italy, a Corte Tegge, per ritirare una mountain bike realizzata in esemplare unico per lui, il Cobra rivive...


A pochi mesi dell'inizio della nuova stagione, il team Caja Rural-Seguros RGA completa la sua squadra con la firma di un corridore del valore e dell'esperienza di Mikel Nieve (Leiza, 1984). Il ciclista della Navarra arriva con la motivazione di...


Non è stato lui a scegliere la bici, ma la bici a volere lui. Come una dea che s’impadronisce di un guerriero fino a renderlo eroico, leggendario, mitico. E Piero Marchesi, a suo modo, eroico, mitico, leggendario lo è. Anche...


Oggi inizia dicembre, ultimo mese dell'anno solare ma già il primo della nuova stagione agonistica. Il calendario di un ciclista professionista non è lo stesso di una persona che svolge un lavoro con ritmi più canonici. Noi corridori in genere...


È una storia che va avanti quella tra Drone Hopper Androni Giocattoli e Bottecchia. Saranno, infatti, le biciclette dell’azienda di Cavarzere ad equipaggiare il team. Sarà il sesto anno di una partnership solida come spiega Marco Bellini, il responsabile sponsor...


Astoria Wines è protagonista non solo sul podio del grande ciclismo (come avviene al Giro d’Italia, a La Vuelta Espana o in tante altre occasioni internazionali), ma stavolta anche in gara. Filippo Polegato, AD di Astoria Wines, è stato infatti...


Il 2022 sarà l’anno dei colombiani: a dirlo è stato Rigoberto Uran alla stampa nazionale, fermamente convinto che il prossimo anno la vittoria al Tour de France sarà di Egan Bernal. A voler brillare però, non ci saranno solo i...


Dopo i direttori di corsa, buona la prima anche per l’aggiornamento delle moto staffette e scorte tecniche svoltosi a Bologna il 28 novembre. La recente facoltà accordata alle Commissioni Regionali di fare formazione nel comparto sicurezza, con più autonomia, valorizzando...


La Pedala con i Campioni è pronta per mostrarsi per la ventiduesima volta nel ricordo di Michele Scarponi mercoledì 8 dicembre a Brinzio, nell’alto Varesotto. La manifestazione cicloturistica a scopo benefico più amata e partecipata della provincia di Varese è...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI