PELLIZOTTI: «IO AL SOGNO IRIDATO CI CREDO...»

PROFESSIONISTI | 23/09/2018 | 07:30
di Alessandra Giardini

Se lo è chiesto tante volte come sarà il primo giorno della nuova vita, e non si è mai dato una risposta. Poi ci ha pensato la Bahrain a convocarlo per il ritiro con i nuovi corridori: il raduno è la sera del Lombardia, così non ci sarà tempo neanche per le emozioni. «Mi tolgo la divisa da corridore e qualche ora dopo sono già un direttore, cosa vuoi di più? Certo, sarà un bel po’ strano». La risata di Franco Pellizotti ha l’eco, e attorno i suoi figli hanno esigenze diverse. Giacomo fa la seconda superiore, gioca a pallone, tifa Inter ma l’altra sera si è commosso vedendo le lacrime di Ronaldo, «lui ci mette passione, anche quando è soltanto spettatore». Giorgia è in seconda elementare e la malattia della bici l’ha ereditata lei, «io non ero contento, troppa fatica per una ragazza, ma a lei piace, dà del filo da torcere anche ai maschi». E poi c’è Mia, quindici mesi, «abbiamo ricominciato tutto da capo, le notti senza dormire, quando sono in ritiro mi riposo». In ritiro con lui c’è Vincenzo Nibali, suo capitano e compagno di squadra. È stato così ieri in Romagna e anche domenica prossima a Innsbruck. 

In 17 anni di carriera è soltanto il secondo mondiale, possibile?

«Strano vero? Ho corso soltanto Verona, nel 2004. E il ricordo più tenero ce l’ho del mondiale che non ho corso, quello del 2001. Ero neoprofessionista, dopo una bella Vuelta ero fra i probabili azzurri poi però a Lisbona andò Lanfranchi. Un mese dopo trovai Martini e Ballerini alla premiazione del Giglio d’oro. Mi dissero: se avessimo convocato te non sarebbe finita così». (Per i più giovani: Lanfranchi andò a riprendere Simoni, che era in fuga: diciamo che non fu proprio un trionfo di squadra).

A Innsbruck sarà il regista. Cioè?

«Sono un veterano, posso mettere a frutto la mia esperienza. Cioè: sono vecchio e darò consigli ai più giovani».

Che cosa si aspetta da questo mondiale?

«Una maglia di tanti colori. Chiudere vincendo quella sarebbe il massimo. Io ci credo».

Sta parlando del suo compagno di camera, Nibali?

«Ovviamente. In questo momento non partiamo come favoriti. I francesi hanno molte punte, gli inglesi sono fortissimi, però noi siamo più squadra. A volte avere tanti corridori forti può essere controproducente. E poi Vincenzo non sarà magari al massimo della condizione, ma io alla Vuelta ho parlato con gli altri corridori, hanno tutti paura di lui. Qualcosa può sempre inventarsi. E poi c’è Moscon, sta dimostrando di essere in ottima condizione».

Il percorso lo ha visto assieme a Nibali.

«E’ difficile perché non è dura soltanto l’ultima salita, ma anche i giri prima. E pure gli 80 chilometri in linea non sono facili, anche la freschezza avrà il suo peso».

Sagan è tagliato fuori?

«Mai. L’ultimo sabato della Vuelta io e De Marchi ce lo siamo trovati davanti sull’ultima salita... Lui è come Nibali, non puoi mai sottovalutarlo».

A proposito di Nibali. Com’è dividere la stanza con lui?

«Andiamo molto d’accordo. L’unico problema è abituarsi ai suoi orari: la sera va a letto sempre molto tardi e la mattina non si alzerebbe mai».

Come ha vissuto quello che è successo al Tour?

«Male, una parte di me è tornata a casa con Vincenzo. I sacrifici si fanno più volentieri se puoi spingere qualcuno al successo».

Alla Vuelta com’era l’umore di Nibali?

«A giorni soffriva, a giorni era felice. Io dovevo tirargli su il morale o assecondarlo, a seconda».

Al mondiale possiamo contarci?

«Lui ci ha abituato a tirare fuori questi lampi di classe, anche quando è all’ottanta per cento riesce a fare la differenza. Gli capita spesso. Una cosa come quella che ha fatto alla Sanremo non ha prezzo».

Pellizotti, perché smette?

«Perché ho quarant’anni, e c’è un tempo per tutto. Il ciclismo mi ha dato tanto, e mi ha tolto tanto. Ma è stata una parentesi. Adesso comincia un’altra vita».

dal Corriere dello Sport-Stadio

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

La lettura del pezzo che Marco Pastonesi  ha dedicato ieri al Dizionario della Lingua del Ciclismo di Mauro Parrini nella sua "L'ora del Pasto" ci ha richiamato alla mente l’edizione 2018 di BICICLETTE RITROVATE, manifestazione che lo storico negozio milanese...


Jacopo Mosca si presenta concentrato alla partenza sotto il sole caldo della prima tappa del Tour of Hainan 2018. Il vincitore uscente della corsa cinese è ben conscio che ripetersi quest’anno non sarà così scontato vista la presenza di numerosi...


L'azzurra padovana Camilla Alessio, portacolori del Team Lady Zuliani, medaglia d’argento ai Campionati Mondiali di Innsbruck (Austria) della specialità cronometro individuale, è stata l’ospite d'onore al Palasport di San Martino di Lupari (Padova) del match proposto dalla seconda giornata del...


Il cinquantasettesimo numero della nuova era di tuttoBICI è disponibile nei chioschi virtuali. Da oltre quattro anni e mezzo, infatti, abbiamo detto addio alla carta, addio alle edicole: tuttoBICI è stato il primo ad entrare nella nuova era digitale e...


Questa notizia esula dallo stretto contesto ciclistico ed entra in quello molto più ampio della storia. Ma sul Monte Grappa e nel corso della Prima Guerra Mondiale anche molti ciclisti e sportivi hanno perso la vita e non è un...


E’ iniziata nel migliore dei modi la Coppa del Mondo di ciclismo su pista degli atleti Northwave. Nell’appuntamento d’apertura della stagione 2018/19 andato in scena a Saint-Quentin-en-Yvelines (Francia) da Venerdì 19 a Domenica 21 Ottobre, i pistard equipaggiati con calzature...


Il Tour of Guangxi ha messo la parola fine alla stagione e all'Oscar tuttoBICI Gran Premio Vittoria che si è concluso con il trionfo di Elia Viviani. Il veronese della Quick Step Floors, plurivincitore della stagione - 19 successi per...


Ed alla fine anche un po’ di commozione come giusto che sia ha fatto capolino in occasione del tradizionale appuntamento conviviale di fine stagione della “Ciclistica Maranello” che ha anche festeggiato i 50 anni di fondazione. Un traguardo del tutto...


Il Tour of Hainan 2018 è pronto a scattare con la prima tappa a Danzhou e la partecipazione italiana è tra le più rappresentate sia per squadre sia per atleti iscritti. Il numero uno è affidato al vincitore uscente, Jacopo...


Inizia a prendere forma il Gran Premio Bike Park by Monzon di ciclocross a Montesilvano in programma domenica 28 ottobre come quarta prova di Adriatico Cross Tour.In casa Team Abmol si sta lavorando con il massimo dell’impegno per approntare tutto...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy