COPELAND: LA CAUSA AL TOUR? CI STIAMO LAVORANDO

PROFESSIONISTI | 21/08/2018 | 12:57

Brent Copeland sta preparando la valigia: domani il team manager della Bahrain Merida volerà a Malaga con Vincenzo Nibali e gli altri corridori che disputeranno la Vuelta.
«Vincenzo sta bene - spiega a tuttobiciweb il manager sudafricano - per quanto possa star bene un atleta che quaranta giorni fa ha riportato la frattura di una vertebra e che il 31 luglio è stato operato. Nibali è fenomenale, ha una grinta e una voglia che sono contagiose. La classifica generale non è un obiettivo perseguibile, ma lui onora sempre la corsa è intende farlo anche in Spagna».

Correrà con il numero 1 sulla spalle...
«Il gesto degli organizzatori della Vuelta è stato carino e Vincenzo non è indifferente a queste cose. Sono certo che onorerà la corsa nel miglior modo possibile».

Un passo indietro: siete sempre dell’idea di far causa al Tour?
«Ci stiamo lavorando con impegno, stiamo raccogliendo tutto il materiale necessario per preparare un dossier sostanzioso. Se ne stanno occupando l’avvocato Fausto Malucchi, che da sempre è al fianco di Vincenzo e che per conto di Nibali ha scritto anche due lettere all’Uci e alla Aso, e un grande studio legale del Bahrain. D’altra parte è innegabile che ci sia stato un grave danno per l’atleta e per la squadra, con una stagione rovinata a quattro chilometri dal traguardo dell’Alpe d’Huez».

Un passo avanti: come sta andando la campagna acquisti?
«Abbiamo rinnovato parecchio, ci saranno ben undici corridori che lasceranno i nostri colori: Visconti, Siutsou, Boaro, Bonifazio, i fratelli Izagirre, Navardauskas e Per, oltre a Pellizotti e Bozic che chiuderanno la loro carriera agonistica. Franco entrerà nello staff tecnico (tutti confermati gli altri membri dello staff, ndr) e potrebbe accadere la stessa cosa anche per Borut, al quale pensiamo di affidare i nostri giovani velocisti. Di contro abbiamo ingaggiato alcuni giovani come Williams e Bauhaus e corridori già affermati come Teuns, Sieberg, Dennis, Caruso e Tratnik. Allestiremo un gruppo di 24 corridori e siamo convinti di esserci rafforzati in maniera importante».


Copyright © TBW
COMMENTI
giusto far causa!!
22 agosto 2018 11:04 antani
ritengo assolutamente giusto far causa per quanto successo a Vincenzo.
A prescindere che poteva accadere un danno anche più grave, è normale adesso che chi non ha messo i corridori in sicurezza debba pagare. Un campionissimo come Nibali ci poteva rimettere la carriera oltre che la salute che è la cosa più importante. E poi anche il suo team che, come normale, aveva programmatto e puntato tutto sul Tour sia stato gravemente danneggiato. A mio avviso l'idea di Fanini di chiedere un risarcimento di minimo 20 milioni di euro sarebbe giusta. Se si pensa di quanto viene speso nel calcio.....

giusto far causa!!
22 agosto 2018 16:01 antani
ritengo assolutamente giusto far causa per quanto successo a Vincenzo.
A prescindere che poteva accadere un danno anche più grave, è normale adesso che chi non ha messo i corridori in sicurezza debba pagare. Un campionissimo come Nibali ci poteva rimettere la carriera oltre che la salute che è la cosa più importante. E poi anche il suo team che, come normale, aveva programmatto e puntato tutto sul Tour sia stato gravemente danneggiato. A mio avviso l'idea di Fanini di chiedere un risarcimento di minimo 20 milioni di euro sarebbe giusta. Se si pensa di quanto viene speso nel calcio.....

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Non poteva che essere Elisa Longo Borghini a regalarmi la prima medaglia azzurra da inviata ai Giochi Olimpici. Una ragazza intelligente, educata e tenace come poche che sono davvero fortunata di aver ammirato dal vivo ancora una volta in una...


Juan Ayuso ha confermato di non soffrire di particolari difficoltà in merito al suo salto tra i professionisti, centrando il 2° posto nella Klasika Ordizia (1.1), gara disputatasi nei Paesi Baschi. Il diciottenne ha potuto beneficiare dell’impeccabile supporto dell’UAE Team...


Se l’Olanda sarà favorita nella gara di Mountain Bike con Mathieu van der Poel, anche la Francia potrà dire la sua, grazie al campione del mondo in carica Jordan Sarrou. Il campione iridato ha staccato il biglietto per Tokyo a...


In gara ha dimostrato una gran gamba, in conferenza stampa una gran testa. Anna Kiesenhofer è la nuova campionessa olimpica di ciclismo ma è un'atleta part time perchè è una ricercatrice ed è questo il lavoro che le dà da...


Ha esultato come se avesse vinto... perchè era convinta di essersi laureata campionessa olimpica. Annemiek Van Vleuten, grande favorita della prova in linea femminile di Tokyo2020, non riesce a nascondere la delusione. In conferenza stampa, ore dopo essere salita sul...


Seconda vittoria stagionale per Riccardo Barbuto. Il giovane comasco di Inverigo, 16 anni da festeggiare dopodomani, si è aggiudicato la 101sima edizione della Targa d'Oro Città di Legnano per la categoria degli allievi. L'atleta in maglia Equipe Corbettese, già vincitore...


“Siamo felicissimi della medaglia conquistata oggi da Elisa Longo Borghini alle Olimpiadi di Tokyo”, questo il commento a caldo di Mario Minervino, presidente della Cycling Sport Promotion. “Elisa ha sempre onorato il trofeo Alfredo Binda vincendo nel 2013 e quest’anno...


Elisa Longo Borghini ha gli occhi che sorridono, le emozioni che le riempiono il cuore ma nella sua analisi è lucida e spiega: «Oggi, devo dire la verità, ho sofferto molto il caldo. Al via della corsa, non mi aspettavo...


Edoardo Salvoldi, ct delle azzurre, festeggia l'ennesima medaglia di una lunghissima serie: «Già alla vigilia ho sempre cercato di spiegare che l'Olimpiade è una gara fuori contesto. Credo che abbiamo corso con grande pazienza e lucidità, anche se chi capisce...


È gioia pura quella delle ragazze italiane, che ancora una volta si esaltano in maglia azzurra e firmano una bellissima impresa con la medaglia di bronzo di Elisa Longo Borghini. Marta Cavalli, ottava al traguardo, è un fiume in piena:...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI