GLI ATTIVISTI DI BDS VOGLIONO MANIFESTARE AL GIRO E AL TOUR PER FERMARE LA ISRAEL PEMIER TECH

NEWS | 13/04/2024 | 10:24
di Francesca Monzone

Il Gruppo di attivisti filo-palestinesi BDS, attraverso i propri canali social, ha deciso di invitare tutti a manifestare durante il Giro d’Italia e le tappe italiane del Tour de France affinchè la squadra Israel Premier Tech non partecipi alle due grandi corse a tappe. BDS sta per Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni per i diritti del popolo palestinese e sul proprio sito, ha pubblicato un’immagine di zone bombardate su fondo rosa e la scritta “Giro d’Italia strade chiuse”.


Sul sito si legge che dalla Palestina è partito un appello affinchè ci sia una mobilitazione lungo tutto il percorso del Giro d’Italia, inserendo un link in cui è possibile vedere l’intero tracciato e le date in modo da organizzare delle manifestazioni. Continuando a leggere, si trova poi un secondo link in cui vengono indicate date e percorso delle tappe italiane del Tour de France.


La Israel Premier Tech è stata definita da BDS la squadra del genocidio, sostenendo inoltre che permettendo alla squadra di Sylvan Adams di partecipare, sia il Tour de France e il Giro d’Italia stanno premiando la squadra sponsorizzata dal Governo di Israele.

Al tempo stesso BDS sta esortando l’Unione Ciclistica Internazionale affinche sanzioni lo Stato di Israele, nello stesso modo in cui ha sanzionato la Russia e la Bielorussia, sottolineando che gli organi sportivi sono degli ipocriti se non escluderanno Israele, perché verrebbe meno il principio di neutralità.

L'opposizione di BDS contro la squadra Israel - Premier Tech non è nuova e risale addirittura alla sua creazione nel 2015. Negli ultimi anni i manifestanti filo-palestinesi sono stati individuati spesso lungo le strade del Tour de France e di altre gare ciclistiche. Ad esempio domenica scorsa, poco prima dell'arrivo della Parigi-Roubaix, alcuni aderenti a BDS sono saliti sugli spalti del Vélodrome André Pétrieux di Roubaix e l’intervento della polizia locale ha allontanato il gruppo. Ma mezz'ora dopo, l'autobus della squadra Israel-Premier Tech si è dovuto confrontare ancora una volta con alcuni membri dell’organizzazione filo palestinese ma, dopo alcune discussioni, fortunatamente tutto è rientrato.

Al momento la Israel-Premier Tech non ha risposto ufficialmente alle dichiarazioni di BDS ma in precedenza aveva espresso la ferma speranza e aspettativa che, nonostante il pieno rispetto del diritto di protesta e della libertà di espressione di ogni individuo, qualsiasi manifestazione non avrebbe violato mai la legge. Al momento si sono astenuti dal rilasciare dichiarazioni e qualunque altro tipo di commento al riguardo anche UCI, ASO per il Tour de France e RCS per il Giro d’Italia.

Copyright © TBW
COMMENTI
Sarà l'unico motivo
13 aprile 2024 15:56 lupin3
per cui si parlerà di Giro d'Italia sui media generalisti. Speriamo si mantenga tutto nell'ambito della manifestazione legittima.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Andrea VENDRAME. 10 e lode. Si fa chiamare Joker, perché da sempre il suo film culto e di riferimento è Batman, il personaggio nato nel lontano 1939 dalla fantasia di Bob Kane e Bill Finger. Batman e Joker, il bene...


«Bisogna ringraziare Thomas che oggi ci dà modo di dire qualcosa». Mario Cipollini attacca con il sorriso. Del resto la caduta nei chilometri finali del gallese della Ineos, 3°nella generale, è da principiante per non dire ridicola. «No no, oggi...


Aveva segnato questa tappa, aveva detto che ci avrebbe provato e lo ha fatto, anche se in cuor suo Alessandro De Marchi sapeva che arrivare alla vittoria sarebbe stato difficilissimo. «In questo ciclismo, già essere nella fuga, capire come vanno...


Jonathan Milan ha corso sulle strade di casa anche se la frazione odierna non era certamente adatta alle caratteristiche della maglia ciclamino: «Non era una tappa per me, all’inizio ho aiutato i miei compagni a prendere la fuga, poi ho...


È una costante da inizio Giro: Manuele Tarozzi è sempre tra i protagonisti: «Sapevo che era una delle ultime occasioni per me. Ho provato ad andare in fuga, ce l’ho fatta, all’Intergiro ho voluto togliere punti agli altri per difendere...


Finalmente Simone Velasco è riuscito ad essere protagonista sulle strade del Giro anche se a fine tappa il camopione italiano non riesce ad avere il sorriso sulle labbra: «Oggi ho fatto il mio. Sono entrato subito nella prima fuga, poi...


Axel Laurance ha vinto la seconda tappa del Tour of Norway mettendo tutti in fila sulla salita che ha concluso la Odda - Gullingen di 205 km. Il portacolori della Alpecin Deceuninck ha preceduto il britannico Ethan Hayter della INEOS...


La location – dove vai al giorno d'oggi senza una location – è adeguata al prestigio dell'evento (cosa fai al giorno d'oggi senza un evento): monte Grappa, di nome e di fatto, perchè è forte e dà alla testa. Ingresso...


Tappa da fughe doveva essere e tappa da fughe è stata. E a centrare il colpo vincente è stato Andrea Vendrame, trevigiano della Decathlon AG2R La Mondiale che conquista così a Sappada (157 km dopo la partenza da Mortegliano) il...


Fallito un altro tentativo dei dirigenti Uae di convincere Pogacar a evitare rischi: alla partenza di Mortegliano lo sloveno è arrivato in sella alla bici sul tetto sull’ammiraglia. Nuova conferma nel sentire il coro «Milan, Milan» alla partenza della tappa...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi