LEFEVERE CORREGGE LE SUE PAROLE: «NEL 2022 DISSI A JULIAN "O CAMBI O VAI" MA DA ALLORA...»

PROFESSIONISTI | 21/02/2024 | 17:19
di tuttobiciweb

Patrick Lefevere sfuma, attenua, corregge, rettifica e... individua anche i colpevoli. «Sto pensando di rilasciare una dichiarazione su Twitter, perché ancora una volta le mie parole in inglese – senza il contesto dell’intervista – suonano più pesanti di quelle che ho detto in olandese». Peccato che i primi a riprendere le sue parole siano stati i quotidiani fiamminghi seguiti a ruota da quelli di lingua francese, va beh...


E a Het Nieuwsblad il general manager della Soudal Quick Step spiega: «Che cosa ho detto? José De Cauwer mi è testimone: non l'anno scorso, ma nel novembre 2022 presi da parte Julian Alaphilippe a Diegem (in occasione del raduno della squadra, ndr) e gli ho detto "le cose non possono continuare così. O da ora in poi faremo le cose diversamente o te ne vai". Il mio messaggio era: "Il talento da solo non funzionerà più perché invecchi e devi vivere diversamente". Julian in passato aveva fatto grandi numeri al Tour, ma all’epoca non c’erano top performer come Mathieu Van der Poel, Tadej Pogacar e Primoz Roglic contro i quali ora deve misurarsi».


E ancora: «C'è stato un periodo con troppe feste, ma devo dire che non ha bevuto un drink dalla nostra conversazione di quel novembre 2022. Né all'interno della squadra né all'esterno della squadra. Ho parlato con le persone che erano con lui nello stage in Sierra Nevada: non ha bevuto neanche una goccia di più del lecito. E l’allenamento non è mai stato un problema, ha sempre continuato ad impegnarsi correttamente».

Copyright © TBW
COMMENTI
3 articoli
21 febbraio 2024 17:54 Arrivo1991
Evvai, anche oggi assieme a Fransoli ( che legge 1/3 di cio' che gli conviene ) la polemica clickbait e' servita ! Ottimo

Un Mou a pedali
21 febbraio 2024 19:22 Bullet
Direi che ha ottenuto l'attenzione e le risposte che si aspettava...un personaggio che dubito faccia certe uscite a caso senza pensare ai messaggi che vuole mandare. Un Mourinho versione a due ruote, tanto per dirne un'altro che si destreggia bene in queste cose, anche se questo non è il calcio.

Alaphilippe aurait dû partir en 2023
21 febbraio 2024 21:16 Merlin1
Oui, Alaphilippe aurait dû quitter son équipe à la fin 2023. Il était évident que ses rapports avec son manager se dégradaient déjà de façon considérablement même dans les medias. Pourquoi ne l' à- t- il pas fait ? Aurait il alors retrouvé dans une autre équipe son salaire actuel? Mystère ! Pourtant, c' était la seule solution pour apaiser les choses pour lui.

bullet
22 febbraio 2024 00:27 fransoli
il messaggio non è per niente subliminale, lo sta chiaramente provocando per vedere se sbatte la porta e si accasa altrove, in modo da risparmiare un bel pò di quattrini e investire ulteriormente sul rafforzamento della squadra per il suo pupillo. Dopo le stilettate un pò più soft dell scorso anno forse pensava di aver raggiunto l'obiettivo ma evidentemente Alaphilippe a puntato i piedi e allora ci è andato giù peso con lo stile più che discutibile che lo ha caratterizzato negli ultimi anni. Alaphilippe dopo il duplice infortunio non è più tornato sugli stessi livelli, difficile per noi sapere se la crisi dell'ultimo periodo dipenda solo da quello o dalla vita extraciclistica come insinua Lefevere, ed è anche difficile che possa trovare chi gli garantisca gli stessi soldi, ma allo stesso tempo anche correre con il tuo ds che ti ha pubblicamente sfiduciato non è certo un gran cosa.... situazione complicata, con Alaphilippe che per me è stato un pò messo al muro dal rozzo volpone a scapito delle antipatie che con queste uscite si è tirato addosso, @arrivo visto che evidentemente TBW non è di tuo gradimento, si inventano le polemiche, scrivono in pessimo italiano, sono prezzolati dalla polti kometa, sono tutti tifosi di pogacar, perché non fai un favore a tutti e cambi sito di riferimento?

alaphilippe - lefevere
22 febbraio 2024 06:13 marchetto
Condivido in pineo quanto ha detto Merlin1; "un Mourinho versione a due ruote" credo sia la migliore definizine che si potesse dare, è perfetta!

@fransoli
22 febbraio 2024 11:44 Bullet
L'intento mi pare chiaro visto che lo ha già ribadito più volte che con un certo ingaggio bisogna portare certi risultati. Ed alla fine è tutta una conseguenza del nuovo ciclismo dove i corridori più forti sono strapagati, le squadre han bisogno di budget faraonici e poi può saltare tutto da un momento all'altro e allora apriti cielo e volano gli stracci anche in uno sport come il ciclismo dove di solito, almeno in pubblico, c'è il massimo rispetto tra tutte le parti. Il calcio in questo è sempre più vicino ahimè.

X Fransoli
22 febbraio 2024 16:16 Arrivo1991
Ti lascio solo con i tuoi discorsi ipotetici, di cose da me mai dette. Chiedi aiuto, dai retta

Ho seguito
22 febbraio 2024 18:12 Giovanni c
Per me si è accorto subito, che l'ha sparata un tantino grossa.Ok che il francese è l'ombra di se' stesso, ma accuse cosi pesanti sono ridicole

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il giorno dopo l’Amstel Gold Race il vento del nord porta con sé rumors di mercato che riguardano Demi Vollering. La campionessa nazionale dei Paesi Bassi, che nel 2023 ha messo la sua firma su 17 delle 62 vittorie della...


Per un attimo avevamo quasi pensato fosse un talento destinato a perdersi, invece Tobias Foss c’è ancora, eccome se c’è. Il norvegese classe 1997 ha vinto la prima tappa del Tour of the Alps 2024, imponendosi un po’ a sorpresa...


Mattia Bais è stato uno dei tre corridori a salire sul podio delle premiazioni al termine della prima tappa del Tour of the Alps 2024. Il trentino classe 1996 si è infatti guadagnato sul campo, dopo una giornata spesa quasi...


Gerben Thijssen ha ripreso ad allenarsi meno di due settimane dopo l'incidente di mercoledì 3 aprile nella Scheldeprijs, durante la quale ha riportato la rottura parziale dei legamenti della parte esterna della caviglia.Il 25enne corridore belga, vincitore del Trofeo Palma...


Tobias Foss e la Ineos Grenadiers mettono il sigillo sulla prima tappa del Tour of the Alps 2024, la Egna-Cortina Sulla Strada del Vino di 133 km. Il norvegese, già campione del mondo a cronometro nel 2022, ha regolato allo...


Lazer, azienda che progetta e realizza caschi da oltre 100 anni, ha da sempre come primo obiettivo quello di garantire più sicurezza ai ciclisti ma si dimostra lungimirante dedicando parte della sua grande attenzione all’ambiente. In quest’ottica il nuovo casco Verde...


Segnatelo in agenda con il circolino rosso: quello di domenica 21 in diretta su tuttobiciweb è un papuntamento di quelli da non mancare. Il clou della giornata dedicata al Bikefestival Lodigiano che si svolgerà a Graffignana sarà il 4° Memorial...


Una domenica a tutto ciclismo, quella che ci attende il 21 aprile con il Bikefestival Lodigiano che si svolgerà a Graffignana con la regia organizzativa del Pedale Casalese Armofer del presidente Mario Massimini e del general manager Luca Colombo che...


Le bici sono spaziali, i caschi formidabili, i body superaerodinamici… bello, tutto perfetto. Ma per ottenere una grande performance, come quella che sarà necessaria per puntare all’oro olimpico, quello che conta maggiormente è la “macchina umana”. A Parigi i quartetti,...


Perché cambiare se le cose sono andate bene? È quanto deve aver pensato Geraint Thomas nel programmare la sua stagione 2024, che prevede, così come nel 2023, il Tour of the Alps prima del Giro d’Italia. «Mi sento abbastanza bene...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi