FESTIVAL DEL CICLISTA LENTO, DAL 27 AL 29 OTTOBRE APPUNTAMENTO A FERRARA CON GIANNI BUGNO

EVENTI | 07/10/2023 | 08:04

Da venerdì 27 a domenica 29 ottobre 2023 torna a Ferrara il “Festival del Ciclista Lento”, settima edizione della festa “della bella gente che pedala”, il festival per chi ama pedalare senza fretta gustando panorami, incontri, racconti e tutto “il buono e il bello” del territorio.


In programma: la Pedalata più lenta del mondo “5 km in 5 ore”, la Granfondo del Merendone, il Gran Galà del Ciclista Lento, e aperitivi, tavole rotonde tematiche, ospiti campioni & scrittori, premiazioni, ciclotappi e soprattutto... un campione che proverà a farsi lento: GIANNI BUGNO sarà messo alla prova nel corso del festival 2023!


Diciamolo... i ciclisti lenti salveranno il mondo! Dalla prepotenza della velocità. Dalla noia dei primati in classifica. Dal conformismo del campione solo al comando. "Beati gli ultimi che la vita sanno goder” è la filosofia che da sette anni caratterizza la manife-stazione ferrarese dedicata al ciclismo-slow, per festeggiare chi utilizza strade e le ciclabili per pe-dalare piano, senza particolare talento per lo sport, senza tempi da rispettare o primati da stabilire.C'è chi sceglie la bicicletta per il piacere stesso del pedalare e muoversi in scioltezza con un mez-zo ecologico, senza per questo rincorrere performance, watt e contachilometri. Chi si gode le due ruote senza l'ansia di arrivare primo, chi vive il piacere del viaggio più che del traguardo, apprez-zando paesaggi, gusti e curiosità incontrati lungo il percorsi. Chi usa la bici quotidianamente, per andare al lavoro o a fare acquisti, per accompagnare i bambini a scuola, per godere di spazi della propria città, nel tempo libero e non, in modo ecologico e sostenibile e lo fa chiedendo sicurezza...

Così Guido Foddis, ideatore e patron della manifestazione, presenta il Festival 2023: “Campione è chi non avrebbe mai pensato di schiodarsi dal divano da cui tifava il proprio beniami-no, per ritrovarsi a pedalare proprio con lui. Alle proprie regole del gioco. Alle moviola del proprio contachilometri. Al Festival del Ciclista Lento, il campione famoso sarà gregario dei lenti in bicicletta, portaborracce (di lambrusco!) alle schiappe sull’e-bike e al servizio di un ideale: l’ideale della lentezza che affratella. Anche quest'anno la capitale della lentezza sarà Ferrara, inesauribile fucina di “ta... lenti”, territorio completamente pianeggiante, dove ogni cavalcavia diventa Gran Premio della Montagna. Per tre giorni il popolo dei ciclisti lenti si ritroverà in questo paradiso delle pedalate a passo d'uomo, per celebrare la propria forza e la propria predominanza numerica”.

Ma che succederà quest’anno dal 27 al 29 ottobre, nella tre giorni dedicata ai lenti a due ruote?Ospite d’eccezione sarà Gianni Bugno: il due volte campione del mondo su strada (1991 e 1992) con 72 vittorie in carriera fra cui nove tappe al Giro d’Italia (che vinse nel 1990), quattro al Tour, due alla Vuelta, nonché vincitore di Milano-Sanremo, Fiandre, Milano-Torino, Giro dell’Emilia, sarà messo alla prova... “di lentezza” nel corso del Festival.

Arriverà a Ferrara per il Gran Galà di sabato 28 ottobre, ma il festival si aprirà venerdì 27 sera con un evento-aperitivo presso La Nuova Casona di via Smeraldina. La mattina di sabato 28 si terrà nel centro storico di Ferrara l’ormai mitologica kermesse della "5 km in 5 ore”, che fa visitare sulle due ruote la Perla Estense del Rinascimento, attraverso una speciale guida turistica e le degustazioni delle migliori specialità del territorio, gli aneddoti sportivi di Marco Pastonesi, la coscienza civile e ambientale di Sara Segantin, il radioso sorriso della ‘maglia nera’ Serena Malabrocca ed altri ospiti a sorpresa.

La settima edizione del Festival racconterà inoltre, con la pedalata fuori-porta della Granfondo del Merendone, la meraviglia del Cavo Napoleonico, un’infrastruttura pensata dall'imperatore france-se e realizzata nel secolo scorso per regolare le ondate di piena dei fiumi e le siccità estive, con-giungendo il fiume Reno con il Po. Un progetto virtuoso che nello scorso mese di maggio ha salva-to il territorio ferrarese da una rovinosa alluvione.Nell’area verde immersa tra alberi da frutto e orti, a misura di bicicletta ad accesso regolamentato, l’accompagnatore d’eccezione Gianni Bugno guiderà lo sciamare dei ciclisti lenti a ridossi del cor-so d'acqua che regola la vita dei fiumi, raccontando i migliori aneddoti della sua carriera.In questa “Via delle Sagre e delle Acque" scopriremo anche il lavoro delle "zdore" ferraresi che a colpi di mattarello (lo sgnadur) da secoli traducono gli ingredienti della campagna in ricette gastro-nomiche a cui è impossibile dire di no. I ristori saranno a cura dei volontari che lavorano abitual-mente nelle cucine delle sagre delle piccole frazioni, dove nei periodi dedicati dell'anno esibiscono, a titolo benefico, la loro arte. Il fil rouge di 50 km collega infatti la salama da sugo con i cappellacci con la zucca, i cappelletti con la tirotta con la cipolla, le frittelle di mele a lumache, tartufo, rane. Una raccomandazione dunque, per chi parteciperà a questa edizione della Granfondo del Meren-done: presentatevi al via digiuni e ben allenati... nello stomaco, si intende. E come sempre "vince chi arriva ultimo"!

Questi gli appuntamenti in programma (website: https://www.ciclistalento.it/il-programma/)

Venerdì 27 ottobre

Opening partyLa Nuova Casona, via Smeraldina 35 - Ferrara – dalle ore 20.00A peritivo con presentazione del nuovo libro di Marco Pastonesi “Rocky Marciano blues. Una storia in quindici round e dodici battute”, Ed. 66thand2nd. Ospite Massimiliano ‘Momo’ Duran.

Sabato 28 ottobre

La pedalata più lenta del mondo: 5 km in 5 ore Centro storico di Ferrara – ore 10.00-15.00 (partenza presso Factory Grisù, via Poledrelli 21 - ritrovo dalle ore 9.00) La “Pedalata più lenta del mondo” è uno speciale e lento tour nel centro storico della città estense, attraverso i principali monumenti e angoli inaspettati della città, per scoprirne tutto il buono e il bello in compagnia di una guida turistica dedicata, degli autori in bicicletta e dei migliori testimonial di eventi slow-travel che in differenti tappe, alternate a degustazioni di prelibatezze ferraresi, racconteranno le loro storie e i loro progetti. Quest’anno con noi: Marco Pastonesi, Sara Segantin, Serena Malabrocca, Pedala Diritto, Orgoglio Pieghevole e il campione adriatico di Ciclo-Tappo.

Le biciclette saranno noleggiate da Officine Ricicletta, progetto sociale per il reinserimento lavorativo di persone svantaggiate e il recupero e restauro di cicli dismessi.

Due chiacchiere sulle due ruote a seguire – ore 15.30 Conclusione in dolcezza con assaggi di dolci ferraresi attorno a una... Tavola Rotonda. Interven-gono esperti del mondo della ciclabilità urbana e del turismo sostenibile, attivisti, viaggiatori.

Gran Galà del Ciclista Lento ore 21.00 Celebrazione dei personaggi e delle imprese da “Ciclista Lento” dell’anno trascorso, con la premiazione dei protagonisti. Presentano Guido Foddis e il decano del giornalismo sportivo Marco Pastonesi. Ospite d’onore: Gianni Bugno Ciclista professionista dal 1985 al 1998, fu campione del mondo su strada nel 1991 e nel 1992. In carriera ottenne 72 vittorie. Si aggiudicò nove vittorie di tappa al Giro d'Italia, nonché il successo finale nel 1990, oltre a quattro tappe al Tour de France e due alla Vuelta a España; fece inoltre sue una Milano-Sanremo, un Giro delle Fiandre, una Milano-Torino e un Giro dell’Emilia. Considerato uno degli ultimi corridori in grado di competere ai massimi livelli sia nelle classiche di un giorno sia nelle grandi corse a tappe di tre settimane: grazie alla sua versatilità, Bugno fu in grado di vincere gare a cronometro, tappe di montagna e con arrivo in volata, partecipando sempre a tutte le più importanti competizioni ciclistiche della stagione. Tra il 1990 e il 1991 fu inoltre numero uno della classifica mondiale UCI.

Domenica 29 ottobre

Granfondo del Merendone

La Via delle Sagre e delle Acque in compagnia di Gianni Bugno Da Ferrara all’Alto Ferrarese: 50 km di giro ad anello da Ferrara a Bondeno e ritorno, alla scoperta di oasi, parchi e delizie estensi, con un accompagnatore d’eccezione! –

ore 9.00 Partenza e arrivo presso Factory Grisù (via Poledrelli 21, Ferrara), ritrovo dalle ore 8.00

Il tragitto. Per la sua settima edizione il Festival del Ciclista Lento propone un nuovo percorso e nuovi orizzonti scenografici, a caratterizzare la granfondo più lenta d’Italia: un giro ad anello da Ferrara a Bondeno, passando per le frazioni di Borgo Scoline, Madonna Boschi, San Carlo, Ca-sumaro, Santa Bianca e Vigarano Pieve. Attraverso un facile tragitto di 50 km su piste ciclabili e strade provinciali a bassa percorrenza attraverseremo le campagne e costeggeremo il Cavo Napoleonico. Dopo una visita guidata ad un'importante e moderna idrovora, saremo accolti per la sosta del pranzo dai volontari di Santa Bianca, alle porte di Bondeno. Il percorso di ritorno prevede la pista ciclabile Burana: dopo avere fiancheggiato l'omonimo canale di irrigazione, lambendo il lago dell'Oasi di Vigarano Mainarda e la Delizia Estense "Diamantina", questo tracciato ci riporterà nel primo pomeriggio a Ferrara, presso Factory Grisù.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Brindano Jan Tratnik e la sua Visma – Lease a Bike all'Omloop het Nieuwsblad, la prima Classica belga dell’anno dominata dal team olandese sul traguardo di Ninove. Tratnik  in Belgio ha conquistato la vittoria più importante della sua carriera, andando...


Prima classica della stagione e subito le grandi del gruppo a darsi battaglia e a regalare spettacolo: basta leggere l'ordne d'arrivo della Omloop Het Nieuwsblad per capirlo... Primo posto per Marianne Vos, secondo per Lotte Kopecky, terzo per Elisa Longo...


Tutto come un anno fa: Jonas Vingegaard si esalta sulle strade della Galizia e vince anche la terza tappa del Gran Camino, staccando tutti gli avversari e mettendo il sigillo sulla seconda vittoria consecutiva nella corsa iberica. Sul traguardo della...


Christian Prudhomme è stato l'ospite d'onore della 37a edizione della Firenze-Empoli, la classica di apertura della stagione dilettantistica che ha dato idealmente il via al lungo cammino agonistico che porterà all'evento più atteso, la partenza del Tour de France da...


Gioventù al potere nell'edizione 2024 della Faun Ardèche Classic. Juan Ayuso, talento classe 2002 della UAE Team Emirates, ha sprintato davanti a Romain Grégoire, 21enne francese della Groupama - FDJ, e a Mattias Skjelmose, 23enne, in maglia Lidl Trek andando così a conquistare la quinta vittoria...


Bryan Olivo firma la 100sima Coppa San Geo-54sima Trofeo Caduti Soprazocco gara di apertura del calendario italiano degli Elite e Under 23. L'atleta del Cycling Team Friuli allo sprint ha regolato il giovane bresciano Davide Donati, un primo anno della...


Due brillanti protagonisti nella 37^ Firenze-Empoli nati lo stesso giorno, il 3 dicembre 2004. Il vincitore della gara, il friulano di Udine Alessio Menghini della General Store autore di una volata splendida che gli ha permesso di mettere dietro la...


La Israel Premier Tech fa festa nella settima e penultima tappa del Tour du Rwanda: Itamar Einhorn fa bis nella Rukomo – Kayonza (158 km) dopo il successo di lunedì a Kibeho, mentre il compagno di squadra Joseph Blackmore mantiene...


È l’uomo in verde, il re dei velocisti all’UAE Tour 2024 e Tim Merlier lo ha dimostrato anche oggi calando il tris e vincendo la sesta tappa della competizione al termine di 138 di gara. Il belga ha firmato la...


Il Team Visma | Lease a Bike ci ha provato in tutti i modi e, alla fine, a vincere la Omloop Het Nieuwsblad 2024 è stato il corridore che più era rimasto passivo, Jan Tratnik. Lo sloveno ha battuto in...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi