GIORNO DELLA SCORTA. 30 ANNI E 30 VOLTE PER AMORE DEL CICLISMO

EVENTI | 11/11/2022 | 10:00
di Silvano Antonelli

Domani la Prefettura di Ravenna ospiterà l'edizione 2022 del Giorno della Scorta, un'edizione ancora più importante perché è quella del trentennale. È proprio il caso di dire, parlando degli amici del Gs Progetto Scorta, che hanno... passato una vita a pensare come assicurare sempre meglio la sicurezza a tutti coloro che pedalano. Alla vigilia della manifestazione, vi proponiamo il saluto del presidente del Gs Progetti Scirta, Silvano Antonelli, che apre la brochure della manifestazione e racchiude in poche parole il senso di un premio, di una società, di una vita dedicate al ciclismo.


 


Cari amici, eccoci qua per la trentesima volta per dire che: volendo si può! Tre decenni per passare dalle gare ciclistiche obbligate a «svolgersi nel rispetto del codice della strada» senza alcuna ordinanza di sospensione temporanea del traffico, a quelle attuali, dove le specifiche dell’Art. 9 e le successive edizioni del Disciplinare delle scorte tecniche alle gare ciclistiche, hanno portato il ciclismo ad una accettabile condizione di sicurezza e serenità.

Si sono quindi determinate le condizioni rivendicate nel manifesto costitutivo del Gs Progetti Scorta quando nel lontano 1992 nasceva con l’intento di contribuire, con idee, progetti ed esperienze concrete, come quella dei suoi motociclisti, al diffondersi di una nuova cultura della sicurezza, capace di giungere ad un quadro legislativo più appropriato basato sulla professionalizzazione del volontariato per renderlo organico e sinergico ad un nuovo rapporto con le Forze di Polizia, costrette sempre più a lasciare spazio al supporto dei privati.

Un risultato avveratosi, che oggi, agli occhi di molti, potrebbe apparire persino logico e scontato, ma che non è stato per nulla facile raggiungere. All’inizio e per diverso tempo ancora, insieme ai bravi organizzatori che, intuendo l’idea di futuro che stava in questa diversa concezione della sicurezza, ricorrevano intanto ai gruppi di moto staffetta che andavano moltiplicandosi in forme sempre più affidabili, altri organizzatori invece, per non dire anche di alcuni dirigenti federali, facevano opposizione ipotizzando semplicemente un aumento dei costi o, addirittura, un rinunciare ai servizi dello Stato per farne una attività di mero guadagno e speculazione. Prese di posizione gradualmente sconfitte dai fatti.

Come Gs Progetti Scorta siamo orgogliosi di essere stati tra i protagonisti di questo percorso, ancor più perché, ogni anno, con “Il Giorno della Scorta”, abbiamo dato valore ai miglioramenti via via conseguiti suggerendone nel contempo altri ancora, con nuove proposte, nuove soluzioni, approfondimenti e studi, che hanno sempre accolto i contributi degli esperti migliori, dei tecnici e dei dirigenti più accreditati, degli organizzatori più innovativi e responsabili, rappresentanti del volontariato, Istituzioni e forze di Polizia.

Tutti accumunati dal desiderio di rendersi utili nell’interesse dello sport quale pilastro di una collettività ordinata, libera e serena. Contributi molto attesi anche quest’anno, vista l’eccellenza degli ospiti che interverranno.

Eccoci quindi ancora qua, per celebrare una ricorrenza il cui valore, prestigio e riconoscimento, senza tanti giri di parole, sta in unico fatto, davvero speciale: quello di potersi svolgere in Prefettura, l’Ufficio Territoriale del Governo!

Un regalo non solo per noi, ma per tutti quanti hanno condiviso, agito e stanno agendo per una progressiva e migliore sicurezza nel ciclismo, che senza imbastire le proprie azioni sull’emotività di certi fatti, agiscono con prevenzione, responsabilità, raziocinio e determinazione, come serve a tutte le sfide che non possono mai avere un traguardo finale.

Un regalo di cui essere infinitamente grati al Prefetto di Ravenna Dott. Castrese De Rosa.

Trent’anni di vita del Gs Progetti Scorta, trenta edizioni del Giorno della Scorta, un tutt’uno che potremmo definire “la sicurezza che resta”, “resta” nel senso di ottenuta e “resta” nel senso ancora da ottenere.

 

Silvano Antonelli – Presidente e fondatore del G.S. Progetti Scorta

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
DAVIDE REBELLIN ENNESIMA VITTIMA DI OMICIDIO STRADALE Art. 589 Bis Cod. Pen.   Il tragico evento che ha visto vittima il nostro amico Davide ha scosso tutto il mondo del ciclismo, ma non solo, poiché il fatto è stato talmente...


Il programma antidoping dell'UCI, uno dei più completi al mondo, è una priorità per l'UCI e per tutti gli stakeholder del ciclismo. Per aumentare l'indipendenza e la professionalizzazione del suo programma, l'UCI ha delegato tutti gli aspetti operativi antidoping all'ITA...


La carriera dei neoprofessionisti italiani parte dai banchi di scuola, nel ricordo di Davide Rebellin e di Ercole Baldini, presidente ACCPI per due stagioni. Un folto numero di ragazze e ragazzi hanno partecipato all'incontro formativo rivolto ai ciclisti neoprofessionisti e...


È stato individuato il camionista responsabile dell'investimento mortale dell'ex campione di ciclismo Davide Rebellin. Si tratterebbe di un cittadino tedesco di 62 anni, identificato grazie alla collaborazione tra carabinieri e polizia tedesca. Dopo l'incidente, avvenuto l'altro ieri, l'uomo aveva...


Gianni Savio, manager di lungo corso del ciclismo italiano, dedica parole colme di emozione al ricordo di Davide Rebellin: «Provo una tristezza infinita pensando a quanto è successo a Davide Rebellin. Di Davide ricordo il sorriso buono e i modi...


Da oggi è ufficialmente in vigore il nuovo statuto del CPA – Cyclistes Professionnels Associés e per tutti i ciclisti e le cicliste della massima categoria si prospettano novità importanti. Lo scorso 21 novembre l'associazione mondiale dei corridori ha...


Caro Direttore, per chi ama il Ciclismo non possono certo questi definirsi giorni felici. Prima l'omicidio stradale in danno di Davide Rebellin e, dopo poche ore, il Padreterno che si porta via Ercole Baldini. Ce n'è ben a sufficienza per...


48 ore dopo la tragica morte di Davide Rebellin, è ancora complicato farsene una ragione. E lo è ancora di più per chi, come Davide Formolo, ne era amico, collega e compagno di allenamenti. I due vivevano nei pressi di...


Lo staff tecnico azzurro del ciclismo ha reso omaggio alla memoria di Franco Ballerini al cimitero di Casalguidi in provincia di Pistoia, e quindi a casa di Alfredo Martini a Sesto Fiorentino presenti le figlie di Alfredo, Silvia e Milvia....


«Ridurre il numero di vittime della strada si può». Davide Cassani, già ciclista e ct della Nazionale, ha corso con Rebellin. Anche lui fa parte della categoria "mai senza bici": da ex, pedala regolarmente. Curiosamente, deve il suo ritiro dalle...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach