FUTURA EVENTI, ACQUA DOLOMIA E QUELLA POSIZIONE DI AMADIO CHE FA ACQUA

POLITICA | 03/09/2022 | 09:42
di Pier Augusto Stagi

Non accenna ad attenuarsi la tempesta sulla Federazione ciclistica italiana. Oggi la Gazzetta dello Sport raccoglie il pensiero del due volte campione del mondo, che ha rifiutato le tardive provvigioni ribadendo la sua posizione: «Ho trovato inopportuna la convocazione, e anche il fatto che mi siano stati offerti dei soldi, che ho rifiutato», spiega Gianni Bugno mentre è in auto con l’amico avvocato Fiorenzo Alessi. «L’accordo tra Federazione e Tci credo che sia stato concluso a marzo —riferisce Bugno — ma io ne avevo già parlato con l’onorevole Gianfranco Librandi (proprietario della Tci, ndr) l’anno scorso. Dell’esistenza di una provvigione a mio favore non ne sapevo niente, non sono stato certo lì a fare il contratto. Ho dato solo un consiglio a Librandi, un amico, indicandogli la Nazionale nel caso avesse voluto fare una sponsorizzazione. Ma non era il caso da parte mia di accettare soldi».


Sempre Gazzetta ripropone le cinque domande, così come il presidente della Lega Mauro Vegni: «Siamo perplessi, chiediamo spiegazioni — afferma Vegni, che è anche direttore ciclismo di Rcs Sport —. Il presidente Dagnoni deve darci conto di quanto sta accadendo. Finora, quanto è stato detto non mi ha convinto per niente, servono delle dichiarazioni che diano un senso a tutto l’accaduto. Finora ho percepito l’atteggiamento di chi è il padrone di un’azienda, ma in questo caso i soldi sono delle società sportive che già fanno tanta fatica ad andare avanti. Questo modo di gestione della Federazione non convince, e a livello internazionale non ne usciamo bene. Chiediamo chiarezza e contezza di quanto sta accadendo. Immediatamente».


A corredo di tutto c’è un riferimento allo sfogo di Davide Cassani su facebook, che potete leggere anche sul sito e le 5 domande che la Gazzeta ha posto al presidente Cordiano Dagnoni.

Poi c’è Il Corriere della Sera, che riporta anch’esso le dichiarazioni di Gianni Bugno, oltre a quelle di Luciano Modolo, titolare di un’importante agenzia di intermediazione veneta, contattato da Marco Bonarrigo. «La settimana scorsa – racconta Modolo – ho ricevuto una telefonata da Amadio che tra l’altro non rammentava nemmeno il nome della mia società: siamo la Futura Eventi, gli ho ricordato. Amadio mi ha comunicato che avevo maturato provvigioni per aver portato in federazione lo sponsor Acqua Dolomia. Bene, ma io non ho nessun contratto, nessun mandato da parte della Fci per poter incassare: a che titolo ricevo il pagamento? Tra l’altro non so quanto mi spetti perché non abbiamo mai parlato di percentuali o ratei. Quando mesi fa Amadio mi chiese se conoscevo uno sponsor nel settore acque minerali, io gli segnalai Acqua Dolomia con cui lavoro da anni. Poi lui e la Fci sono scomparsi e io mi ero messo il cuore in pace: affare mancato. Ora mi dicono che dovrei incassare dei soldi…».

Bonarrigo chiosa così: «Stando alle dichiarazioni di Bugno e Modolo – almeno nel caso di Tci e Dolomia (i due contratti quadriennali ammontano a diverse centinaia di migliaia di euro) – Amadio avrebbe provato a concordare una provvigione “a posteriori” senza mandato o accordo scritto». Per una volta, faccia uno sforzo anche Roberto Amadio team manager della nazionale, ci metta la faccia. Spieghi perché queste intese non sono state concordate in precedenza come si è soliti fare con tutte le trattative commerciali di questo mondo. Ma soprattutto, se queste intese le ha fatte lui, perché dovrebbero finire ad altri? Perché prima si è pensato ad una ipotetica società irlandese (la Reiwa Management, ndr) e poi sono saltati fuori i nomi dei beneficiari e tra questi quello di Roberto Amadio. Quasi tutti asseriscono di aver trattato con lui (Enerviti, Buzzati e Acqua Dolomia), ma il nome di Amadio non salta mai fuori?  

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Domanda mia
3 settembre 2022 13:44 Bullet
Mi sembra di essere al punto in cui la barca affonda e tutti si chiamano fuori con un unico imputato attaccato o isolato da ogni parte. Se non è così benvoluto dal sistema come fa ad essere arrivato lì e poi i candidati sarebbero tutti così bravi da far tutto a regola d'arte o nelle federazioni qualche toppa c'è sempre stata? Mah

Problema sponsorizzazione FCI
3 settembre 2022 17:43 Readnow
Buongiorno, come vs lettore apprezzo lo sforzo che state facendo per avere chiarezza su c'è siano andate realmente le cose sui 106000 Euro di provvigioni. Trattandosi di danaro pubblico penso che il presidente della Federazione debba rendere evidente e tracciabile il processo eseguito oltre ai documenti a supporto, es. Contratti, Verbali, Offerte, etc ...Se vogliamo avere un Ciclismo di alto livello occorre avere manager capaci e trasparenti sulle azioni fatte. Questo è il momento di capire se l'attuale management è adeguato al ruolo che ricopre.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
È festa grande in casa Salvador e c'è un bellissimo fiocco rosa che annuncia a tutti la nascita di Anastasia, la primogenita dell'ex ciclista Enrico, che ha pedalato fino al 2020, e di Jessica. La piccola e la mamma stanno...


Victor Koretzky trova squadra in extremis e con lui la Bora Hansgrohe completa il suo organico per la prossima stagione. Il 28enne francese, che finora ha ottenuto i suoi più grandi successi nella mountain bike, ha firmato un contratto per...


Un tuffo nelle acque placide di un lago, con una lenta risalita e la sensazione chiara che in quell’attimo, in quel preciso momento, la vita non sarebbe stata più la stessa. Un tuffo nella notte stellata di Ferragosto, nelle acque...


Dal 1° agosto sono ufficialmente aperte le trattative del ciclomercato 2022/23, le squadre sono attive e molti gli affari già annunciati ufficialmente annunciati ed è di questi che teniamo conto nel nostro tabellone, non delle voci o dei "si dice...


Una voce importante si unisce al coro dei ciclisti di ogni livello che chiedono con urgenza una modifica del Codice della Strada e un sistema efficace di piste ciclabili per garantire la massima sicurezza a chi pedala. La voce è...


Scatterà questa sera a Rotterdam l'edizione 2022 della Sei Giorni. Dopo due anni di assenza - l'ultima edizione nel 2020 è stata vinta da Yoeri Havik & Wim Stroetinga - stasera alle 18 ci sarà il colpo di pistola inaugurale...


Le organizzazioni delle gare ciclistiche su strada, il panorama normativo, i rapporti con gli Enti territoriali e le Autorità di Pubblica Sicurezza, gli aspetti di safety e di security, la gestione delle gare sotto il controllo del direttore di corsa...


Giovedì scorso vi abbiamo documentato i Beat Yesterday Awards 2022. Pochi minuti prima che la cerimonia avesse inizio, ci eravamo intrattenuti nello splendido giardino di Villa Necchi Campiglio con Alberto Villata, brand manager di Garmin: qualche rapida battuta sulla ratio...


Le grandi imprese e le sconfitte, le cadute e le risalite: storie di atleti che, in sella a una bicicletta, hanno segnato la storia dello sport, tra emozioni e grandi traguardi. Come mai tante persone seguono e praticano con passione...


In casa Olympia l’evoluzione non si ferma ed F1-X ne è un esempio lampante. La biammortizzata che si è fatta largo nei circuiti XC e Marathon assieme ad atleti come Claudia Peretti, Filippo Fontana e Daniele Braidot torna alla carica mantenendo immutata...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach