CON PATRON ROBERT SPINAZZE', ANCHE TREVISO HA VINTO IL GIRO D'ITALIA

INTERVISTA | 31/05/2022 | 08:10
di Sandro Bolognini

Non poteva rimanere senza un vincitore del Giro d’Italia numero 105 la provincia di Treviso, quella più “ciclosa” d’Italia. L’unico sponsor italiano della squadra Bora-Hansgroe è la ditta Spinazzè di San Michele di Piave, che produce pali in cemento per la vigne. Ha vinto il Giro d’Italia con Jai Hindley, primo australiano ad aggiudicarsi la Corsa Rosa. Robert, con il padre Gianni (e la Cantina Terre di Ger), sono al settimo cielo. Il direttore sportivo, Enrico Gasparotto - soprannominato “Il Giallo di Casarsa” - ha corso da dilettante con il Team Basso Piave di San Donà di Piave con il compianto direttore sportivo Fortunato Cestaro.


Robert e Gianni hanno un pedigree di rilievo nel ciclismo e nell’imprenditoria. Robert Spinazzè è un ex agonista che ha corso con la Rinascita Polisportiva Ormelle: da junior vinse il “Gran Premio Lara” a Ponzano Veneto. Il padre Gianni ha seguito come sponsor l’epopea della squadra dei dilettanti La Tiesse Spinazzè (con Angelo Dal Tio e il fratello Armando Spinazzè) condotto come tecnico dall’ex professionista Vendramino Bariviera, che all’inizio degli anni Ottanta fece sfracelli di vittorie sfornando elementi di prestigio che si solo fatti valere anche tra i professionisti come Renato Piccolo, Mauro e Federico Longo, Mario Condolo, Daniele Del Ben, Luigi Furlan e Carlo Tonon. 


“Nel 2017 dopo l’esperienza nella squadra Tinkoff, mi sono state proposte diverse alternative, ma quella che più mi ha colpito è stata la Bora-hansgrohe team tedesco - spiega Robert Spinazzè -: era un progetto manageriale, non solo sportivo. Il mio primo incontro con Willi Bruckbauer è stato a Roeselare in Belgio alla vigilia della Parigi Roubaix del 2017. Da una fitta chiacchierata ho trovato molta affinità di pensiero su come deve essere gestito un team ciclistico professionistico e sul fatto che le aziende coinvolte devo crescere per far crescere il team stesso”.

E’ cosi iniziato un lungo cammino, costruito giorno per giorno, gara su gara, con la conoscenza di ogni singolo corridore, meccanico e membro dello staff. “E’ così che la vittoria al Giro d’Italia è stata la celebrazione di quello che loro chiamano Band of Brothers, gruppo di fratelli - spiega Spinazzè - siamo tutti fratelli, e il sentimento che lega tutti dagli sponsor agli autisti passando per i corridori è proprio quello di sentirsi una famiglia”.

“Non solo foto e celebrazioni della vittoria di Jai Hindley - sottolinea Robert Spinazzè - ma soprattutto la celebrazione di un percorso di vita che ha coinvolto centinaia di persone che fin dai primi anni hanno fatto sacrifici per permettere di arrivare a tanto. La soddisfazione è proprio questa, anche per me che dopo 6 anni vedi coronare un sogno che fino a poco prima era irrealizzabile. E’ questo il vero sentimento del ciclismo”.

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Alla presentazione degli eventi primaverili RCS la scorsa settimana c'era pure Moreno Moser, vincitore nel 2013 della Strade Bianche. Dalla corsa senese giovane ma già mitica, e rinnovata quest'anno con doppio circuito finale e distanza complessiva di 215 chilometri, parte...


Il mese di marzo è alle porte e si comincia a sentire profuno di primavera, almeno per quel che riguarda il ciclismo. E la primavera, come preambolo alle grandi classiche, porta con sé l'appuntameto con le prime gare a tappe...


Q36.5 introduce Elemental: la nuova collezione per la primavera e l’estate del 2024. La nuova collezione si compone di due linee capisaldo del marchio bolzanino: Dottore Pro e Gregarius Pro. Nei prodotti Dottore Pro, Q36.5 utilizza un tessuto tridimensionale caratterizzato da un tempo di asciugatura più...


La Coppa San Geo che si corre sabato 24 febbraio con partenza da Ponte San Marco e arrivo a San Felice del Benaco, fin dalla sua prima edizione è stata seguita, descritta, corteggiata e vinta da giornalisti e corridori che...


Il più giovane della squadra è il lucchese Pini che compirà 19 anni il 7 marzo prossimo; quello con la maggiore età invece Senesi classe 2002. E’ una squadra giovane, tutta di under 23 la lucchese Gragnano Sporting Club-La Seggiola,...


“Aspettando…… il Tour de France” che partirà da Firenze il 29 giugno, arriva sabato prossimo la Firenze-Empoli, la classica promossa dai compianti Paolo Marcucci e Renzo Maltinti nel 1988 e che da allora apre in Toscana la stagione dei dilettanti....


Oggi, 14 anni fa, morì Vanni Pettenella. Grazie al Comune di Milano, e in particolare al Municipio 9, ho dato parole e voce a questo podcast sulla vita e i miracoli di un pistard geniale e semplice. A ricordo di...


La tappa più dura del Tour du Rwanda arriva già al terzo giorno su otto: sette Gran Premi della Montagna in 140 chilometri a premiare il giusto mix di tenuta e potenza. Un tragitto da Huye a Rusizi che premia...


In un ciclismo amatoriale che oggi sembra trasformato, continua a crescere la passione per il Gravel, del resto è piuttosto evidente che i nuovi appassionati si moltiplichino alla velocità della luce e con loro le manifestazioni dedicate in tutta la...


Un vero e proprio festival della UAE Team Emirates nella seconda tappa dell'UAE Tour, la crono di 12 km disputata con partenza e arrivo ad Al Hudayriyat Island. Ad imporsi è stato Brandon McNulty che ha pedalato a 53, 978...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi