HINDLEY. «ABBIAMO LASCIATO ANDARE LA FUGA PER GIOCARCELA TRA BIG NEL FINALE, MA CARAPAZ È STATO PERFETTO»

GIRO D'ITALIA | 27/05/2022 | 19:06
di Francesca Monzone

La diciottesima tappa non ha fatto la selezione che tutti si aspettavano e bisognerà aspettare domani l’ascesa sulla Marmolada per capire chi vincerà questo Giro.


Jai Hindley è sempre lì, senza riuscire ad andare là. Quei dannati 3 secondi, differenza di qualche abbuono conquistato da Richard Carapaz cammin facendo in questo Giro d'Italia, tengono l'australiano della Bora Hansgrohe così vicino eppur così lontano dalla maglia rosa.


Questo il commento di Hindley alle televisioni dopo l'arrivo della 19esima tappa: «Altra giornata tostissima, ho cercato di capire quali opportunità avessi e la squadra ha pedalato bene: la fuga che si è creata oggi era molto forte e il nostro piano non era di andarla a prendere. Puntavamo a far bene nell'arrivo anche se poteva essere favorevole più a Carapaz che a me, ma lui è stato perfetto. Ora ci aspetta un tappone duro e tecnico, non sarà facile trovare l'occasione giusta per attaccare: viviamo alla giornata, naturalmente sarebbe un sogno per me prendere la maglia rosa domani. Ma preferisco pensare che prenderò del tempo in vista della cronometro di domenica. Non sarà facile, ma è quello a cui mireremo!»

Il Giro d’Italia è ancora molto aperto e a contendersi la vittoria oltre a Hindley, ci sono Carapaz e Landa. Domani la classifica potrebbe cambiare, ma se questo non dovesse accadere, allora sarà la prova contro il tempo a decidere chi vincerà la corsa. 

Copyright © TBW
COMMENTI
I tapponi non si regalano
28 maggio 2022 06:42 marco1970
Lasciamo andare la fuga e poi ce la giochiamo nel finale.No,caro Hindley.I veri campioni devono vincere anche le tappe specie quelle di montagna. La fuga andava bloccata e poi quelli che lottano per il Giro avrebbero dovuto vedersela nel finale per la vittoria di tappa.Pogacar vi avrebbe dato una bella lezione.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Nella giornata più difficile per la Jumbo-Visma, Primož Roglič ancora una volta è stato il corridore che ha dovuto pagare il conto più alto. Lo sloveno è finito a terra insieme a Caleb Ewan, a causa di una balla di...


Simon Clarke ha realizzato il suo sogno. L’australiano della Israel-Premier Tech, che lo scorso inverno era ancora senza contratto ed è tormatoin sella grazie alla fiducia che gli è stata data dal suo nuovo team, ha realizzato il suo sogno...


Tadej Pogačar è stato ancoa una volta il migliore fra gli uomini di classifica e archivia con un sorriso la temutissima tappa del pavé: «Temevo tutti i pericoli che oggi potevano accadere, ho sentito parlare della caduta nel gruppo ma...


Simon CLARKE. 10 e lode. Il 35enne australiano fa vedere a tutti come fa un ciclista finito per la fatica a vincere con quel poco e con quel tutto che gli rimane. Colpo di reni, colpo di mano, colpo d’occhio,...


«Bisogna conoscere il pavé» vale per tutti: corridori, pubblico e addetti ai lavori. Detto che oggi al Tour ne abbiamo viste di tutti i colori - quello che forse le telecamere non mostrano alla Roubaix perché concentrate solo sui battistrada...


Incredibile Primož Roglič! Lo sloveno della Jumbo Visma si è lussato una spalla nella caduta di cui è stato vittima e se l'è rimessa a posto da solo, prima di ripartire. «Una moto staffetta ha colpito una una balla di...


Spettacolo e risultati clamorosi ci si attendeva dalla tappa del pavé: non siamo stati delusi. C'è un vincitore di tappa che è Simon Clarke che batte al fotofinish Taco van der Hoorn, c'è un vincitore di giornata per quanto riguarda...


Ancora Vos, è la trentaduesima volta per l’olandese nella corsa rosa: 32 successi al Giro in una carriera costellata di successi. Appena qualche giorno fa la “cannibale” aveva sbaragliato la concorrenza con una volata incredibile ad Olbia, con tanta emozione...


Silvia Persico l’aveva sognata, sperata e anche studiata per bene. Oggi si arrivava a “Berghem” la sua città, una piccola capitale e centro di una tradizione che solo la gente che è cresciuta qui può veramente capire. La portacolori del...


Si è spento nella giornata di ieri Gedeone Rebellin, papà di davide, il corridore più esperto del gruppo professionistico. Era statp lui, grande appassionato di ciclismo, a mettere in sella il figlio: Davide racconta infatti che «Da bambino papà Gedeone...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach