UCI. «SULLA QUESTIONE RUSSA, ABBIAMO SEMPRE DIALOGATO CON I CORRITORI E I TEAM SOSPESI»

POLITICA | 24/05/2022 | 20:33

Chiamata in causa per l'ennesima volta ieri dal CPA, dai corridori della Gazprom Rusvelo e dai braccialetti azzurri con la scritta Why che molti corridori, compresa la maglia rosa Carapaz, hanno indossato oggi, l'Uci ha risposto con un comunicato emesso questa sera, poco dopo le 20.


Non appena la Russia ha invaso il territorio ucraino, in violazione della Tregua Olimpica, l'UCI ha adottato misure forti, sulla scia di quelle adottate dal CIO qualche giorno prima, volte a garantire l'integrità e la sicurezza delle competizioni sportive e il rispetto dei valori olimpici. In particolare, il 1° marzo l'UCI ha revocato lo status di squadra UCI a tutte le squadre russe e bielorusse.


Una di queste squadre era l'UCI ProTeam (2a divisione) Gazprom - RusVelo. Inoltre, l'UCI ha adottato una seconda misura che ha colpito direttamente la squadra, quella di dichiarare lesiva dell'immagine del ciclismo qualsiasi sponsorizzazione da parte di società o marchi russi e bielorussi.

Ai sensi dell'articolo 1.1.089 del Regolamento UCI, qualsiasi esibizione dello sponsor Gazprom, così come il nome RusVelo, è quindi vietata in tutte le manifestazioni del Calendario Internazionale UCI fino a nuovo avviso.

L'UCI è consapevole del fatto che, a seguito di quest'ultima misura, in particolare, lo sponsor principale ha risolto il suo contratto con la squadra, lasciando l'agente pagatore incapace di garantire il finanziamento della squadra per la stagione 2022. Di fronte a questa difficile situazione per gli atleti, l'UCI ha immediatamente informato l'agente pagatore delle possibili soluzioni e condizioni per il ritorno alle competizioni.

Riguardano principalmente la nazionalità della squadra, che può subire modifiche data la domiciliazione dell'agente pagatore in Svizzera, e la capacità finanziaria della squadra. Tali condizioni restano valide e verranno prese in considerazione nella determinazione di eventuali richieste dell'agente pagatore. Oltre alle informazioni fornite alla squadra in merito ad un possibile ritorno in gara, l'UCI ha risposto anche a tutte le comunicazioni e richieste dei corridori.

Le richieste avanzate all'UCI - sia dalla squadra che dai corridori - non potevano purtroppo essere prese in considerazione in quanto richiedevano all'UCI di sostenere i costi della squadra.

In merito alla tutela dei corridori, l'UCI ha ricordato a loro e alle Cyclistes Professionnels Associés (CPA) l'esistenza di una fideiussione bancaria imposta dal Regolamento UCI che consente di coprire tre mensilità di stipendio per tutti i corridori e il personale in caso di inadempimento pagamento.

Nonostante diversi solleciti di questa possibilità ai corridori e al CPA, l'UCI non ha, ad oggi, ricevuto alcuna richiesta in merito e non è informata sullo stato di pagamento degli stipendi. Inoltre, a seguito della decisione del Comitato Direttivo dell'UCI del 1° marzo, è stata concessa ai corridori interessati una deroga al regolamento sui trasferimenti al fine di consentire loro di cambiare squadra in qualsiasi momento durante la stagione e facilitare così il proseguimento della loro carriera in un'altra squadra.

Alcuni corridori della squadra hanno approfittato di questa disposizione per unirsi ad altre squadre UCI. Dal 1° marzo l'UCI non ha mai smesso di comunicare regolarmente con le squadre interessate e di rispondere a tutte le loro richieste e a quelle dei loro corridori. L'UCI resta a disposizione della direzione della squadra e dei corridori per lavorare con loro verso la migliore soluzione possibile.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Silvia Zanardi continua la sua bellissima parabola di crescita e conquista una splendida medaglia d'argento nella corsa a punti. La prova è stata letteralmente dominata dalla belga Lotte Kopecky, campionessa mondiale della specialità, che ha fatto il bello e il...


Arrivo in parata per Antonio Carvalho e Frederico Figueiredo (Glassdrive) nella nona tappa della Volta ao Portugal che si è conclusa a Nuestra Señora de Gracia. La Glassdrive prosegue il suo dominio: domani Figueiredo e il suo compagno di squadra...


Andreas Leknessund è l'assoluto protagonista dell' ultima tappa del Arctic Race of Norway 2022 disputata con partenza ed arrivo a Trondheim. Il 23enne norvegese del Team DSM ha vinto la quarta frazione della corsa "artica" davanti a Nicola Conci (Alpecin-Deceuninck) e- Axel...


Lorenzo Rota ha sfiorato un altro successo: il bergamascod ella Intermarché Wanty Gobert ha chiuso infatti al secondo posto la 42a edizione de la Polynormande, disputata da Avranches a Saint-Martin-de-Landelles per 170 km. A vincere lo sprint ristretto è stata...


Vittoria di peso per Nicolò Buratti. Il friuliano, del Cycling Team Friuli, va a segno nel 46simo Gran Premio Sportivi di Poggiana Riese Pio X internazionale per la categoria under 23 dove supera in volata i compagni di fuga Federico...


Elia Viviani non lascia, ma raddoppia: dopo aver gareggiato su strada a Monaco ed essere giunto 7° nella gara vinta da Fabio Jakobsen, sarà in serata al via della gara su pista ad Eliminazione (alle ore 20:00). L'azzurro ha raggiunto...


l campione italiano Juniores Dario Igor Belletta vince il 5° Trofeo Danilo Fiorina a.m. prova del Criterium 648. Il milanese della GB Team – Pool Cantù ha superato, nello sprint conclusivo in salita sul pavé del centro storico, il bergamasco Nicolò Arrighetti (Gs Massì Supermercati) e...


Fabio JAKOBSEN. 10 e lode. Il miracolato si prende quello che tutti erano pronti a dargli fin dalla vigilia. Vince da assoluto favorito, con una squadra che non sbaglia una mossa. Si piazza lì nel finale e controlla a velocità...


Daniele Bennati, all’esordio da ct, commenta così la prova della nazionale all’Europeo di Monaco di Baviera: «Sapevamo che era molto difficile, ma sono molto contento di come hanno corso i ragazzi. Sapevamo che non dovevamo sbagliare niente per combattere con...


Elia Viviani è noto per l alucidità e anche a caldo analizza con precisione la corsa degli azzurri: «Abbiamo preso bene l’inversione della corsa all'ultimo chilometro, avevamo i numeri giusti ma li abbiamo sfruttati un po’ male. Guarnieri ha visto...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach