L'ORA DEL PASTO. LA PASSIONE DI GIANLUCA, LE STORIE DEL VCO

LIBRI | 12/01/2022 | 08:00
di Marco Pastonesi

Che cosa unisce Guido Rabaioli e Raffaele Castellaccio, che parteciparono al primo Giro d’Italia, quello del 1909, ma non riuscirono a concluderlo, a Giampaolo Cheula e Paolo Longo Borghini, che di Giri ne hanno disputati quattro? Che cosa collega l’Alpe Segletta con la Cascata del Toce, il Mottarone con il Sempione? Che cosa lega Franco Bitossi, primo ad Arona, ad Alberto Contador, rosa a Macugnaga?


Il territorio. Dal 1992 si chiama VCO, V per Verbania, C per Cusio e O per Ossola, ed è quello spicchio d’Italia che sa di Nord e Svizzera, fra laghi (Maggiore e Orta) e monti (Rosa e Ologno), valli (Vigezzo e Cannobina) e strade (strette e silenziose) di grande ciclismo. E le avventure a pedali di questo territorio sono raccontate da Gianluca Trentini in “Quando il Giro...” (156 pagine, con la prefazione di Beppe Conti e il patrocinio della città di Verbania, nessuna indicazione di prezzo), “la storia delle tappe del Giro d’Italia sulle strade di Verbania e dintorni”. Dunque: tante storie nella storia.


La storia di Costante Girardengo, che qui pregiudicò il Giro d’Italia del 1920: “Poco dopo Monte Ceneri, a Lamone di Isolabella, Schierano scarta e cade – nella cronaca della “Stampa” -: nella caduta però con un ‘galletto’ della ruota anteriore urta quella posteriore di Girardengo strappando alcuni raggi. Girardengo, che non se ne accorge o che crede ad un incidente senza conseguenze, prosegue. Dopo poche diecine di metri, i raggi s’impigliano nel cerchione e gli rendono la ruota inservibile. Alle 6.28 il campione italiano è a terra, esterrefatto per la disastrosa conseguenza che gli può arrecare il banale incidente”.

La storia di Pietro De Bernardi, da Tappia, il primo corridore della zona a finire il Giro d’Italia, ancora più valoroso se si considera che gareggiava fra gli isolati, quelli non assistiti dalle case ma affidati alla sorte. Il giorno dopo la conclusione del Giro, De Bernardi, operaio alla Metallurgica Ossolana, si presentò in fabbrica pronto a lavorare, ma i dirigenti gli donarono una busta con 150 lire, la paga di un mese, e due giorni di ferie per riposarsi un po’. A De Bernardi è dedicato il libro “L’Aquila di Tappia al Giro d’Italia” di Benito Mazzi.

La storia di Luigi Malabrocca, che qui durante il Giro del 1947 con Mario Fazio s’infilò in un casolare, accolti da una donna anziana che gli domandò “ma dove andate in bicicletta con questo tempo?” e, saputo che la destinazione era Milano, suggerì “va beh ma a Milàn a pudèvan né anca col treno” (a Milano potevate andare anche in treno), li riscaldò con bicchieri di vin brulé e infine li salutò “a ma racumandi, ni adasi, da mia fas mal” (mi raccomando, andate piano, che non vi facciate del male).

La storia di Germano Barale, da Villadossola, che all’invito della Dama Bianca ospite su un’ammiraglia a “non tirare che dietro c’è Fausto”, e Fausto Coppi era ufficialmente il suo capitano nella Bianchi, rispose “ma và a dà via i ciap, se l’è mia bun da nàà, dig al Coppi che ul staga a cà” (ma vai a quel paese, digli a Coppi che se non è capace di andare, che stia a casa). Risultato: Barale fu escluso dalla formazione che avrebbe partecipato al Giro e scartato dalla squadra alla fine della stagione.

La storia di Gino Bartali, che qui il Giro continuava a viverlo anche da giornalista, scriveva a penna e – come racconta Beppe Conti – non era mai stanco: “Alla sera era in piedi a declamare aneddoti sino a tardi. Cercavamo di far finta di nulla, perché se ti vedeva in albergo e ti invitava a bere qualcosa non saresti andato a dormire prima di notte inoltrata. Un vero mito”.

La storia di Marco Pantani, che qui – l’arrivo proprio alla Cascata del Toce – ebbe l’ultimo guizzo e a 4,8 km dal traguardo attaccò, mani basse sul manubrio e in piedi sui pedali: “Diciamocela tutta – scrive Trentini -, il passo non era quello dei giorni belli ma la suggestione sì”. Al traguardo, primo la maglia rosa Gibo Simoni, Pantani confidò a Marco Della Vedova, glorioso gregario locale, “ho provato sensazioni che mancavano da tempo, peccato sia andata così, la testa c’è ma le gambe non girano come vorrei”.

Trentini si è innamorato del ciclismo da bambino, con la complicità di autografi e borracce, nell’attesa che i corridori arrivassero e nella nostalgia che i corridori, magari l’anno dopo, già ritornassero. Ha continuato ad amare il ciclismo da giornalista e qui anche da autore. Lo fa scavando nel passato, ravvivando la memoria, pedalando nel tempo

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Partirà da Carpi il “Giro dell’Emilia” 2022, edizione numero 105 di una fra le corse ciclistiche più antiche d’Europa: sabato 1 ottobre, infatti, la città ospiterà il “via!” alla gara, mentre l’arrivo, come tradizione, avverrà a Bologna, sulla salita di...


Egan Bernal affida ai social il suo primo messaggio dopo il terribile incidente in cui è rimasto coinvolto lunedì scorso. «Ho avuto il 95% di possibilità di diventare paraplegico e ho rischiato di perdere la vita facendo ciò che...


Il terzo “round” della Challenge Mallorca 2022 (da Lloseta a  Lloseta)  è di Tim Wellens (Lotto Soudal) che si imposto dopo 158, 9 di corsa avendo la meglio Valverde (Movistar) e  Clarke (Israel-Premier Tech) ripettivamente secondo e terzo al traguardo. LA CORSA...


L'australiano Cyrus Monk è il primo leader del Tour of Sharjah (2.2) in svolgimento negli Emirati Arabi. Il corridore di Melbourne, classe 1996 del team MEIYO CCN Pro Cycling, ha vinto la prima tappa a cronometro individuale che si è...


Con le prove della staffetta (stasera ora italiana 19.30) non valida per l'assegnazione del titolo iridato, iniziano oggi i Campionati del Mondo di Ciclocross 2022 che si concluderanno domenica. La rassegna iridata è in programma nella città di Fayetteville, nello...


Ci saranno anche i migliori dilettanti delle categorie under 23 ed élite italiani domenica 27 febbraio a sfidarsi e a regalare emozioni nella spettacolare e suggestiva cornice dell’Autodromo di Misano Adriatico dedicato a Marco Simoncelli nella nuovissima Misano 100. Un...


Il Presidente della Commissione Strada Luciano Fusar Poli ha firmato il primo comunicato relativo alal partecipazione dlele squadra al Giro d'Italia Under 23. Le squadre che parteciperanno al Giro Ciclistico d’Italia Giovani U23 cl. 2.2 MU, in calendario dal 8...


Questa mattina alle 10:15 dall'aeroporto dei Malpensa, gli Juniores azzurri Valentina Corvi e Luca Paletti sono partiti alla volta degli USA, destinazione Fayetteville, dove nel week end si tiene il Campionato Mondiale di Ciclocross. Finita la quarantena di 5 giorni,...


Jabal Al Akhdhar (Green Mountain) torna a profilarsi all'orizzont. Nel 2022, il Tour of Oman e le sue strade iconiche tornano nel calendario internazionale con l'11aedizione della gara, proposta in sei tappe dal 10 al 15 febbraio. Il Sultanato e...


Eva Lechner domani a Fayetteville negli Stati Uniti sarà al via del suo dodicesimo Campionato del Mondo di ciclocross nelle Donne Elite. La bolzanina, classe 1985, con la casacca azzurra della Nazionale cercherà nella località in Arkansas di entrare nelle...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI