TORNA LA SALVARANI, E IL CICLISMO POTREBBE TORNARE A SOGNARE...

NEWS | 06/12/2021 | 12:46
di tuttobiciweb

È un ritorno, carico di suggestioni, perchè chi ama il ciclismo non può fare a meno di ricordare la Salvarani, una delle squadre più iconiche della storia del ciclismo. In attività dal 1963 al 1972, la Salvarani Vinse per tre volte il Giro d'Italia nel 1965 con Vittorio Adorni, nel 1967 e nel 1969 con Felice Gimondi e sempre con il campione di Sedrana, un Tour de France e una Vuelta, rispettivamente nel 1965 e nel 1968. Nel palmares del team parmense  figurano anche quattro classiche monumento,il Giro di Lombardia e la Parigi-Roubaix (nel 1966 con Gimondi), il Giro delle Fiandre (1967 con Dino Zandegù) e la Milano-Sanremo (con Rudy Altig, nel 1968), oltre a quindici tittoli nazionali tra strada,  cross e pista.


A darne notizia è Repubblica, e noi non possiamo che esserne felici. Torna la Salvarani, con le sue cucine, ma una volta che si torna in sella, non è detto che non si torni anche a pedalare. Volete saperne di più? Leggete l'intero servizio apparso su repubblica.it


«La scelta di rilanciare il marchio Salvarani a partire da Parma non ha né un sapore nostalgico né di rivalsa ma nasce da un senso di orgoglio per la storia di una azienda creata a partire da una piccola falegnameria e dalla volontà di guardare al futuro, senza dimenticare i valori del passato».

A parlare è Giovanni Salvarani, figlio del patron Renzo, scomparso lo scorso 18 ottobre all’età di 95 anni, che fondò la storica azienda di cucine componibili nel secondo dopoguerra, dando vita con i suoi fratelli a una delle più importanti espressioni del miracolo economico italiano.

Il progetto, annunciato nei giorni scorsi, di debuttare nel 2022 con una nuova linea di cucine componibili che riporterà a Parma il marchio di famiglia, recuperando identità e caratteristiche di un brand che nel passato ha saputo radicarsi nel territorio e proiettarsi su mercati internazionali, viene presentato da Giovanni Salvarani, che alla fine degli anni Settanta, quando si avviò la crisi che portò al fallimento dell’azienda, aveva solo diciannove anni.

«Nel ‘79 stavo iniziando l’università, avvertivo che c’erano problemi ma non ero dentro l’azienda per poter capire quello che stava succedendo. Mio padre e i suoi fratelli hanno dato tutto quello che avevano per rilanciare l’azienda ma tre mesi di gestione da parte dei nuovi manager furono fatali. La nuova gestione - ricorda - ha iniziato a tagliare tutti i servizi, la mensa, i trasporti, i depositi, credendo che attraverso il taglio dei costi avrebbe avuto risultati diversi. Ma è come per una macchina: è chiaro che se per un anno non si fa la revisione si otterrà subito un risparmio, ma l’anno dopo la macchina sarà da buttare. Mi meraviglio che mio padre non abbia combattuto, ma era fatto così: voleva continuare a fare mobili e guardare avanti. Ed è quello che voglio fare adesso».

Quando è nata l’idea di riportare a Parma il marchio Salvarani, dandogli nuova vita?

«La scintilla è scattata nel 2018 quando alcuni amici ed ex collaboratori dell’azienda mi hanno proposto di fare una festa per mio padre, a Baganzola: è stata un’occasione molto bella in cui abbiamo sentito il grande affetto e la stima per la vicenda umana e professionale di nostro padre. Quel giorno, gli ho regalato il libro Dossier Salvarani, fatto per lui, in cui documento tutta la vicenda aziendale, dalle umilissime origini alla crescita tumultuosa fino alla crisi, all’intervento della gestione esterna, ai libri portati in tribunale e ai tentativi di concordato. Lo stesso giorno, in cui abbiamo festeggiato il 92° compleanno di mio padre, ripercorrendo la storia della azienda abbiamo anche parlato della possibilità di rilanciare il marchio che era fermo dal 2011».

Copyright © TBW
COMMENTI
l'articolo è bello , però inutile sognare
6 dicembre 2021 14:57 vecchiobrocco
Per riproporre una squadra WT con l'equivalente moderno di Gimondi, Basso e Zilioli ci vorrebbe un budget da 30Mln EUR l'anno... il che è sostenibile solo per un'azienda con fatturato sopra il miliardo (ma anche non basta)... fate voi il conto di quante sono le aziende italiane con questo potenziale...

Vero
6 dicembre 2021 17:23 Angliru
L'utente Vecchiobrocco dice il vero. E' una pagina del passato. Punto e basta. Sognare e' bello, ma qui c'e' la crisi

ringiovanire
6 dicembre 2021 18:24 gianni
Alla sola notizia di un possibile ritorno della Salvarani, ringiovanisco di 50 anni!
Gianni Cometti

Un Mito
6 dicembre 2021 20:45 fido113
Uno squadrone fantastico e un azienda che fabbricava prodotti eccezionali ancora perfetti dopo 50 anni.
Che dire: anche se nascesse una squadretta continental sarebbe bellissimo.

Pezzi
7 dicembre 2021 08:42 Lunona
Ci vorrebbe anche un personaggio tipo il grande "Luciano Pezzi"

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Grande vittoria di Alexander Kristoff nel Circuit Franco Belge, da Tournai s La Louvière per 175, 2 km. Dopo una corsa spettacolare, hanno tentato il colpaccio Alexander Kristoff (Intermarché), Jasper De Buyst (Lotto Soudal) e Dries Van Gestel (TotalEnergies). A...


Guillaume Martin vince la seconda tappa del Tour de l'Ain, la Saint-Vulbas - Lagnieu di 144 km - e conquista la maglia di leader della breve corsa a tappe francese. Lo scalatore della Cofidis ha sorpreso gli altri sei componenti...


Si sta per chiudere il “full circle” ideato da Nathan Haas: cinque biciclette con cinque differenti livree per ritornare sui percorsi sterrati degli albori della sua carriera, seguiti da dieci anni al servizio di squadre WorldTour su strada e per ridare nuova linfa...


Felix Großschartner ha siglato un accordo grazie al quale correrà per l’UAE Team Emirates nelle prossime due stagioni. Il ventottenne scalatore è campione austriaco in carica sia in linea che a cronometro, per un palmares che comprende sei successi...


Il catalano Abel Balderstone (Ullastrell, 2000) è il primo nuovo acquisto della Caja Rural-Seguros RGA per la prossima stagione. Il giovane scalatore sta vivendo un anno fantastico con la Caja Rural-Alea, raccogliendo vittorie e prestazioni che lo hanno portato a...


Maglia di miglior Giovane e quinto posto in classifica generale. E' il bottino finale di Gabriel Fede nella corsa a tappe internazionale Estivale Bretonne in Francia. Una bella prestazione davvero quella del giovane cuneese, 19 anni di Santa Croce di...


Ci ha lasciati Santo Conca per tutti Tino. Tecnico con provata esperienza, era nato a Spirano in provincia di Bergamo nel 1937 ma ha sempre vissuto a Bernareggio (Monza e Brianza). Nella sua lunga carriera di direttore sportivo nelle squadre...


Il 2023 porterà una grande novità nel mondo del ciclismo professionistico: arriverà infatti il primo UCI ProTeam della Nuova Zelanda. La squadra continentale UCI n. 1 al mondo, la Bolton Equities Black Spoke Pro Cycling, ha annunciato infatti di aver...


Mai banale Mario Cipollini quando parla di ciclismo: il nostro direttore Pier Augusto Stagi ha chiamato in causa il più grande velocista italiano di sempre per chiedergli conto sia del Tour de France e delle strategie di Jumbo Visma e...


Julian Alaphilippe è tornato in gara e per farlo ha scelto il Tour del’Ain con l'obiettivo di ritrovare la condizione migliore per l’ultima parte dell’anno, dopo una stagione iniziata bene, ma che ben presto ha messo in ginocchio il campione...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach