ADRIE VAN DER POEL. «NON ASPETTATEVI TROPPO, MATHIEU STA PEDALANDO POCO»

CICLOCROSS | 06/12/2021 | 08:05
di Francesca Monzone

Dopo la vittoria di Wout Van Aert a Boom, tutti gli appassionati del ciclocross attendono con molto interesse il rientro alle corse di Mathieu van der Poel, previsto per il prossimo 18 dicembre a Rucphen.


A frenare l’entusiasmo dei tifosi c’è però Adrie van der Poel, padre di Mathieu ed ex corridore. Adrie van der Poel era presente alla gara di Boom perché stava seguendo suo figlio David, il fratello maggiore di Mathieu, e al termine della prova ha dichiarato che per le prime gare saranno cauti.


«In questo periodo Mathieu è molto calmo e sta andando poco in bici – Ha detto Adrie van der Poel - perché ha avuto una stagione molto dura. Ha scelto di prendersi un periodo di riposo molto lungo, dobbiamo avere pazienza e poi vedremo come andrà».

Mathieu van der Poel ha avuto un anno molto intenso nel quale i successi non sono mancati, ma c’è stata anche la caduta a Tokyo durante la prova olimpica di Mountain Bike che ha causato diversi problemi al campione olandese. Per le prime gare della stagione di ciclocross Adrie Van der Poel vuole essere cauto, ma è anche vero che quando si parla di fenomeni come Mathieu, una vittoria non è mai da escludere. Adrie non è sorpreso invece del successo di Wout Van Aert a Boom e, al riguardo, già la scorsa settimana aveva detto che la vittoria sarebbe andata al belga.

Adrie Van der Poel non è un veggente, ma quanto da lui immaginato arriva da una lunga esperienza come corridore e non dobbiamo dimenticare che nel suo palmares, oltre al successo al Giro delle Fiandre e alla Liegi-Bastogne-Liegi, c’è anche un titolo Mondiale di ciclocross conquistato nel 1996 e che da diversi anni collabora per le gare di Coppa del Mondo di ciclocross. «Non sono sorpreso del risultato di Wout – ha detto Adrie –: era un percorso adatto alle sue caratteristiche, sembrava disegnato appositamente per lui e poi ho seguito il suo lavoro su Strava. Abbiamo potuto seguire tutto il lavoro fatto da Wout nelle ultime settimane, perché pubblica tutti i suoi dati. Ha svolto molto lavoro di allenamento per il ciclocross. Grazie a questi dati siamo riusciti a capire anche il tempo che avrebbe fatto in gara ed era facile intuire che la vittoria sarebbe andata a lui».

Adrie aveva visto bene e aveva anche stimato il tempo del vantaggio di Van Aert che, secondo i suoi calcoli, sarebbe stato di almeno un minuto sul secondo arrivato. «Per capire bene come andrà una corsa devi osservare tutto, perché i percorsi sono diversi. Possono essere molto lunghi e con molto fango e su un percorso come quello di Boom Van Aert era favorito. La scorsa settimana avevo detto al padre di Toon Aerts che Wout avrebbe vinto con almeno un minuto. Ci sono andato vicino anche se il suo vantaggio è stato addirittura di 2 minuti».

Copyright © TBW
COMMENTI
Wout
6 dicembre 2021 09:45 Lunona
Mettono già le mani avanti, per questo ammiro molto di più Wout che Vdp!

Giusto
6 dicembre 2021 12:43 daminao90
Giusto tirare il fiato. E' stato per mesi a tutta

Uffa....
6 dicembre 2021 17:10 lupin3
sempre con sta pretattica per innervosire. Mille volte meglio Van Aert

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Dries DE BONDT. 10 e lode. Il 30enne passistone belga fa filotto e si porta a casa di tutto e di più: traguardi volanti e quello finale. Prende di tutto, perché lui dopo la beffa di Reggio Emilia (è stato...


Ancora un secondo posto al Giro per Edoardo Affini, il corridore della Jumbo-Visma che dallo scorso ann, sta inseguendo una vittoria di tappa alla corsa rosa. Affini oggi aveva deciso di provare a vincere, con la consapevolezza che le uniche...


Come già accaduto nella prima tappa, Remco Evenepoel impone la sua legge nella terza frazione del Tour of Norway, la Gol - Stavsro di 175 km. Il belga della Quick Step Alpha Vynil a staccato tutti per andare a cogliere...


Non sono su Twitter (per incassare insulti mi basta Facebook, almeno non sono anonimi), non sono su Twitter eppure alla partenza mi mostrano un tweet di Jacopo Guarnieri: “C'è qualcosa di peggio dei giornalisti che si lamentano di una corsa...


Ha vinto un miracolato. Lo sa, lo dice, lo racconta: «Sul traguardo ho lanciato un urlo di incredulità! Ho sempre cercato di inseguire i miei sogni, sono diventato sempre più forte e oggi ho realizzato quel sogno. Siccome più è...


Dopo tante corse al servizio di Girmay e Kristoff, Andrea Pasqualon si ritaglia un giorno da protagonista e vince il Circuit de Wallonie. Nel classico appuntamento belga, il veneto della Intermarché ha preceduto l francese Zingle della Cofidis con Phikippe...


Quarto posto di Davide Gabburo nella diciottesima tappa del Giro d’Italia, con arrivo a Treviso. Tappa che avrebbe dovuto essere l’ultimo arrivo per velocisti della Corsa Rosa, ma i 4 attaccanti impongono un ritmo forsennato e sorprendono tutti. Tra loro...


Velocisti beffati, De Bondt in festa, Affini con il sogno infranto. E la maglia bianca di Lopez finita lontano lontano. Sono questi i verdetti della diciottesima tappa del Giro d'Italia, la Borgo Valsugana-Treviso che tutto è stato tranne che una...


Il francese Jason Tesson ha vinto allo sprint la prima tappa della Boucles de la Mayenne. Il portacolori della St Michel Auber ha preceduto sul traguardo di Andouillé l'olandese Bram Weletn e il francese Thomas Boudat. Per Tesson si tratta...


Grande serenità da parte dei primi tre in classifica dopo il ritiro di Joao Almeida, contagiato dal covid: «Nessun pericolo, sulle salite si è sempre mantenuto a distanza da noi». Imbarazzo di Carapaz e Hindley per le critiche che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach