GAROSIO. «CERCO UN CONTRATTO, POSSO DARE ANCORA MOLTO ALLO SPORT CHE AMO»

PROFESSIONISTI | 20/11/2021 | 07:55
di Valerio Zeccato

Andrea Garosio, il quasi ventottenne professionista franciacortino (li compirà il prossimo 6 dicembre), si ritrova senza contratto per la prossima stagione. Lo scalatore di Cologne ha vissuto una prima parte del 2021 molto complicata per un problema fisico, ma una volta risolto si è rivisto nelle prime posizioni del gruppo ottenendo belle soddisfazioni. Spiccano per lui la conquista del Gran Premio della Montagna al Giro di Slovacchia ed il premio “Todisco” per essere transitato primo in cima all’ascesa della Madonna del Ghisallo (il Santuario dei ciclisti) al Giro di Lombardia, poi l'’11° posto alla Coppa Agostoni, il 17° alla Veneto Classic e il 22° al Giro del Veneto.


«Sono alla ricerca di un contratto per il 2022 – spiega Andrea, che giustamente non si arrende all’idea di doversi fermare -, ho già ripreso gli allenamenti con uscite in mountain bike proprio per farmi trovare comunque abbastanza pronto in caso di chiamata per la prossima stagione. A maggio e giugno accusavo molto spesso i crampi e dovevo a volte addirittura fermarmi a bordo strada perché non riuscivo più a pedalare. Ho scoperto che i problemi derivavano dallo schiacciamento di un nervo che non mi permetteva di spingere sui pedali e rendere al massimo. Nonostante questo ,il mio lavoro per la squadra l’ho sempre fatto, e sono anche riuscito a cogliere dei buoni risultati come il 9° posto nella classifica generale dell’Adriatica Ionica Race. Poi il mio calendario da inizio luglio a metà settembre prevedeva solo due brevi corse a tappe e allora ne ho approfittato per stravolgere completamente la posizione in bici e quella delle tacchette delle scarpe, per cercare di non avvertire più il dolore e rendere al massimo. In effetti sono stato soddisfatto di questi cambiamenti che mi hanno permesso di superare il problema e poter pedalare a tutta: credo che il mio finale di stagione sia stato molto buono. Non ho sbagliato nessuna corsa e sono stato quasi sempre protagonista o andando in fuga o arrivando con i primi. Sento che posso dare ancora molto al ciclismo, lo sport che amo, mi dispiacerebbe moltissimo smettere in questo modo».


E sarebbe davvero un peccato! Garosio, professionista dal 2018, è stato apprezzato corridore al servizio di campioni come Nibali, Colbrelli, Pozzovivo, Visconti, Caruso e tanti altri. In salita il bresciano ha dimostrato di poter fare un gran lavoro per i capitani, ma anche di infiammare la corsa attaccando. E poi Garosio è un ragazzo serio, di parola, di lui ti puoi fidare sempre e comunque. Qualità che nella realtà di oggi servono purtroppo molto meno dell’arte di “promuovere se stessi”… 

Copyright © TBW
COMMENTI
Garosio
20 novembre 2021 09:26 Anbronte
Non esiste che un bravo corridore come Garosio sia senza contratto a questo punto dell' anno, i manager non vedono le corse ? Ma il suo procuratore????

CORRIDORI ITALIANI A SPASSO PER IL MOMENTO
20 novembre 2021 10:44 maxspeed2
Cofidis
Attilio Viviani

Intermarché-Wanty-Gobert
Riccardo Minali

Qhubeka NextHash
Domenico Pozzovivo

PROFESSIONAL

Androni Giocattoli – Sidermec
Nicola Venchiarutti
Mattia Viel

Bardiani-CSF-Faizanè
Nicolas Dalla Valle
Davide Gabburo
Andrea Garosio
Fabio Mazzucco
Alessandro Monaco
Daniel Savini
Alessandro Tonelli
Filippo Zaccanti

Delko
Mauro Finetto

Eolo-Kometa
Mattia Frapporti
Luca Pacioni
Luca Wackermann

Gazprom-Rusvelo
Damiano Cima
Imerio Cima


Team TotalEnergies
Leonardo Bonifazio *

Vini Zabù
Liam Bertazzo
Andrea Di Renzo
Marco Frapporti
Alessandro Iacchi
Davide Orrico
Riccardo Stacchiotti
Leonardo Tortomasi
Edoardo Zardini

Qu'il conserve l'espoir !
20 novembre 2021 12:23 Merlin1
Oui que ce coureur conserve absolument l'espoir. En 2022, on dit, on murmure que l'équipe sud africaine Quubeka continuerait d' exister avec un budget revu à la baisse. Pourquoi n'interroge-til pas son compatriote Pozzovivo membre de Quubeka qui n'a rien signé encore et qui fait toujours confiance à M. Douglas le patron de Quubeka pour l'année prochaine ? Voilà c'est mon avis. Amitiés sportives.

Assolutamente Vero
20 novembre 2021 12:38 thered
impossibile e ripeto impossibile, che un corridore del valore ma sopratutto con i Valori di Andrea, resti senza un contratto per il prossimo anno. E non aggiungo altro, se non che e' una vergogna.

Numeri
21 novembre 2021 08:09 AleC
Messi insieme, i numeri del 2021 di GAROSIO sono ottimi! I primi a cui chiedere conto dell'assurdità di questo mancato rinnovo sono i Reverberi: chi avete in squadra che vada tanto più forte?

Certo che quest'anno per gli italiani è un'ecatombe, rischiano di appendere la bici al chiodo fior di corridori, da POZZOVIVO in giù. Serve un cambio di passo per tornare ad avere almeno una WT italiana e delle professional messe meglio.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Si svolge oggi a Milano il corso organizzato da FCI, ACCPI ed LCP, dedicato ai ragazzi neoprofessionisti e alle ragazze neo-WorldTour. Ad aprire i lavori, l'intervento di Daniele Bennati, nuovo c.t. della Nazionale italiana maschile di ciclismo: «Oggi si...


L’inverno non è amico della bici, questo è poco ma sicuro. Il freddo, lo sporco, la pioggia, il gelo e il sale distribuito sulle strade sono da sempre fattori che mettono alle strette le parti meccaniche delle nostre bici e...


Il titolo italiano, quello europeo e poi la vittoria alla regina delle Classiche, la Parigi-Roubaix: Sonny Colbrelli è stato protagonista di una stagione davvero indimenticabile. Sidi ha deciso di concentrare le emozioni delle più belle vittorie sulla tomaia della sua Wire 2, una scarpa alla...


Prima o poi si torna alle origini. Capita anche a Sonny Colbrelli, il miglior ciclista italiano dell’anno: presentandosi nella sede della Merida Italy, a Corte Tegge, per ritirare una mountain bike realizzata in esemplare unico per lui, il Cobra rivive...


A pochi mesi dell'inizio della nuova stagione, il team Caja Rural-Seguros RGA completa la sua squadra con la firma di un corridore del valore e dell'esperienza di Mikel Nieve (Leiza, 1984). Il ciclista della Navarra arriva con la motivazione di...


Non è stato lui a scegliere la bici, ma la bici a volere lui. Come una dea che s’impadronisce di un guerriero fino a renderlo eroico, leggendario, mitico. E Piero Marchesi, a suo modo, eroico, mitico, leggendario lo è. Anche...


Oggi inizia dicembre, ultimo mese dell'anno solare ma già il primo della nuova stagione agonistica. Il calendario di un ciclista professionista non è lo stesso di una persona che svolge un lavoro con ritmi più canonici. Noi corridori in genere...


È una storia che va avanti quella tra Drone Hopper Androni Giocattoli e Bottecchia. Saranno, infatti, le biciclette dell’azienda di Cavarzere ad equipaggiare il team. Sarà il sesto anno di una partnership solida come spiega Marco Bellini, il responsabile sponsor...


Astoria Wines è protagonista non solo sul podio del grande ciclismo (come avviene al Giro d’Italia, a La Vuelta Espana o in tante altre occasioni internazionali), ma stavolta anche in gara. Filippo Polegato, AD di Astoria Wines, è stato infatti...


Il 2022 sarà l’anno dei colombiani: a dirlo è stato Rigoberto Uran alla stampa nazionale, fermamente convinto che il prossimo anno la vittoria al Tour de France sarà di Egan Bernal. A voler brillare però, non ci saranno solo i...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI