NIBALI E LA SICUREZZA: «UN METRO E MEZZO NON BASTA, BISOGNA ANDARE OLTRE E MIGLIORARE»

NEWS | 03/11/2021 | 12:01
di Francesca Monzone

Il ciclismo da sempre si pratica sulle strade, dove ancora oggi gli incidenti sono tanti: ad essere vittime degli incidenti sono sia i ciclisti professionisti che i semplici appassionati. Vincenzo Nibali è uno di quei corridori che più di altri si è sempre battuto per la sicurezza e ieri, al congresso dell’Acsi sul tema della sicurezza stradale nel ciclismo, ha voluto portare la propria testimonianza.


«La stagione è finita e dalla prossima settimana inizierò a riprendere la mia preparazione e tornerò sulla strada» ha esordito il siciliano che al Salone d’Onore del Coni è stato accolto da un grande appaluso mentre sui monitor in sala venivano trasmessi i momenti più belli della sua carriera.


«La sicurezza nel ciclismo non è un tema attuale, ma un tema di sempre - ha detto il siciliano -. Ricordo quando da ragazzo vidi il momento in cui i ciclisti misero il casco in gara. Quello fu il punto di svolta nel ciclismo dei professionisti».

Vincenzo Nibali, che il prossimo anno vedremo correre con i colori dell’Astana, è senza dubbio uno dei corridori più vittoriosi degli ultimi anni e tra le sue vittorie ci sono il Giro d’Italia, il Tour de France e la Vuelta. Nibali è l’Italia del ciclismo nel mondo, grazie ai due titoli italiani conquistati nel 2014 e 2015 e ai successi alla Milano-Sanremo e Giro di Lombardia.

«Grazie alle nostre corse abbiamo molti giovani che si avvicinano al ciclismo, che vogliono praticare come attività sportiva. Ma non dobbiamo neanche dimenticare tutte le persone che utilizzano la bici elettrica. Dobbiamo anche considerare la nostra storia: il popolo italiano è cresciuto con le auto, ma fortunatamente negli ultimi anni la nostra cultura sta lentamente cambiando».

Vincenzo Nibali è un corridore dal cuore grande e grazie alla sua visibilità come campione nel ciclismo ha scelto di aiutare molti giovani a correre in bici, tanto da essere parte attiva in squadre giovanili, per far crescere il movimento ciclistico in Italia.
«

Abbiamo già fatto cose importanti nel nostro sport, ma dobbiamo migliorare ancora e prendere spunto dagli altri Paesi, che hanno una cultura ciclistica più ampia rispetto alla nostra. Penso all’utilizzo delle piste ciclabili, molto più presenti all’estero che da noi. Ma penso anche che in alcuni centri storici sia possibile creare dei percorsi ad uso esclusivo delle biciclette».

Vincenzo Nibali ha spiegato anche che un corridore di esperienza come lui, quando si allena sulle strade dove c’è il transito continuo delle macchine, ha un occhio più vigile ed esperto rispetto ai cicloamatori e per questo è in grado di prevedere situazioni pericolose.

«Anche io mi alleno sulle strade, perché la strada è parte integrante della nostra vita da ciclisti. Io però sono un corridore esperto, che ogni giorno si allena tante ore sulla strada e grazie alla mia esperienza, sono in grado di prevenire determinati incidenti, ma il cicloamatore o appassionato possono ritrovarsi in situazioni di pericolo».

Ci sono situazioni che apparentemente possono sembrare normali, ma che in realtà possono mettere a rischio la vita di chi va in bici, pertanto sia il l’automobilista che il ciclista dovrebbero tenere comportamenti, tesi a rendere le strade più sicure.

«Ad esempio molti incidenti si verificano perché un automobilista, senza controllare la strada, apre lo sportello di una macchina, oppure viene effettuato un sorpasso troppo vicino al ciclista e lo spostamento d’aria manda a terra la persona in bici. Sono questi momenti che possono creare incidenti dalle gravi conseguenze».

Nibali ha viaggiato molto e grazie al suo lavoro ha potuto vedere realtà che andrebbero imitate, perché la sicurezza è superiore rispetto all’Italia. «Il Paese che più mi ha colpito per le piste ciclabili e il rispetto del ciclista è stata l’Olanda e poi anche in Danimarca ho visto molto rispetto. Io vivo in Svizzera nel Canton Ticino e ho visto che si stanno attrezzando anche qui, così come si sta lavorando in Italia».

Per lo squalo dello Stretto i ciclisti dovrebbero utilizzare di giorno abbigliamento con colori accesi e di sera delle luci,perché anche la visibilità in strada è importante. «Sempre più persone usano il telefono in auto e questo è motivo di grande distrazione e sarebbe importante che la gente riuscisse a capire quanto possa essere importante mantenere l’attenzione alta quando si è alla guida di un’auto. Vorrei anche lanciare un messaggio a tutti gli amatori: usare abbigliamento con colori accesi perché aiuta ad essere più visibili. Potrebbe essere anche utile fare delle linee tratteggiate sulla strada, che indicano ai ciclisti dove stare nelle strade più strette. Poi certo ci sono regole che vanno seguite, ad esempio chi usa una bici da corsa non deve andare sulla pista ciclabile perché va più veloce. Naturalmente i ciclisti devono rispettare anche regole di base come andare in fila indiana e non a gruppetti».

Nibali si è fatto portavoce di un messaggio importante dell’incontro dell’Acsi, dove è emerso che ciclisti e istituzioni devono lavorare insieme per rendere le strade sicure, perché il ciclismo è uno sport bellissimo, ma per praticarlo bisogna stare su strade in cui i pericoli devo essere ridotti al minimo. «Bisogna coinvolgere tutti e lavorare insieme, non basta solo il metro e mezzo di distanza ma andare avanti e migliorare. La sicurezza non riguarda solo il ciclista amatoriale ma riguarda anche noi professionisti che ogni giorno siamo sulle strade».

Copyright © TBW
COMMENTI
Bravo Vincenzo
3 novembre 2021 14:29 Fabrizio P
"usare abbigliamento con colori accesi perché aiuta ad essere più visibili".
L'utilizzo di abbigliamento ad alta visibilità dovrebbe essere un must, tanto quanto indossare il casco. Chiaro che il nero fa più figo, ma a livello di percezione dell'automobilista non c'è confronto.
Nel mio piccolo uso solo maglie fluo (e il casco pure), a costo di sembrare ridicolo.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Dries DE BONDT. 10 e lode. Il 30enne passistone belga fa filotto e si porta a casa di tutto e di più: traguardi volanti e quello finale. Prende di tutto, perché lui dopo la beffa di Reggio Emilia (è stato...


Ancora un secondo posto al Giro per Edoardo Affini, il corridore della Jumbo-Visma che dallo scorso ann, sta inseguendo una vittoria di tappa alla corsa rosa. Affini oggi aveva deciso di provare a vincere, con la consapevolezza che le uniche...


Come già accaduto nella prima tappa, Remco Evenepoel impone la sua legge nella terza frazione del Tour of Norway, la Gol - Stavsro di 175 km. Il belga della Quick Step Alpha Vynil a staccato tutti per andare a cogliere...


Non sono su Twitter (per incassare insulti mi basta Facebook, almeno non sono anonimi), non sono su Twitter eppure alla partenza mi mostrano un tweet di Jacopo Guarnieri: “C'è qualcosa di peggio dei giornalisti che si lamentano di una corsa...


Ha vinto un miracolato. Lo sa, lo dice, lo racconta: «Sul traguardo ho lanciato un urlo di incredulità! Ho sempre cercato di inseguire i miei sogni, sono diventato sempre più forte e oggi ho realizzato quel sogno. Siccome più è...


Dopo tante corse al servizio di Girmay e Kristoff, Andrea Pasqualon si ritaglia un giorno da protagonista e vince il Circuit de Wallonie. Nel classico appuntamento belga, il veneto della Intermarché ha preceduto l francese Zingle della Cofidis con Phikippe...


Quarto posto di Davide Gabburo nella diciottesima tappa del Giro d’Italia, con arrivo a Treviso. Tappa che avrebbe dovuto essere l’ultimo arrivo per velocisti della Corsa Rosa, ma i 4 attaccanti impongono un ritmo forsennato e sorprendono tutti. Tra loro...


Velocisti beffati, De Bondt in festa, Affini con il sogno infranto. E la maglia bianca di Lopez finita lontano lontano. Sono questi i verdetti della diciottesima tappa del Giro d'Italia, la Borgo Valsugana-Treviso che tutto è stato tranne che una...


Il francese Jason Tesson ha vinto allo sprint la prima tappa della Boucles de la Mayenne. Il portacolori della St Michel Auber ha preceduto sul traguardo di Andouillé l'olandese Bram Weletn e il francese Thomas Boudat. Per Tesson si tratta...


Grande serenità da parte dei primi tre in classifica dopo il ritiro di Joao Almeida, contagiato dal covid: «Nessun pericolo, sulle salite si è sempre mantenuto a distanza da noi». Imbarazzo di Carapaz e Hindley per le critiche che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach