GIULIANO KHAMBERAJ E QUEL VOLO PER SOCCORRERE UN BAMBINO

NEWS | 19/08/2021 | 08:15
di Paolo Broggi

È una di quelle storie che è bello raccontare perché sono finite bene ma per le quali, ripensandoci a mente fredda, il cuore riprende a battere forte e le gambe cominciano a tremare, svuotate di ogni energia.


I protagonisti della storia sono Giuliano Khamberaj, ex corridore classe 1994, e un bambino genovese, lo scenario è quello di Carloforte Isola di San Pietro. Sole, mare, scogliere, vacanze e voglia di tuffi. Già, proprio i tuffi...


Lasciamo che sia proprio Giuliano a raccontare: «Eravamo in alto alla scogliera, direi una ventina di metri sopra l'acqua e stavo giusto pensando che non ce l'avrei fatta a tuffarmi... Poi ho visto alcuni bambini, avranno avuto 10 anni più o meno, che si tuffavano da un'altezza di una decina di metri. Due erano già in acqua, il terzo deve aver perso l'equilibrio e ha cominciato a rotolare sbattendo più volte contro la roccia prima di finire in acqua. Non ci ho pensato un secondo, mi sono spogliato e mi sono tuffato da dov'ero».

Racconta...

«Appena ho raggiunto il bambino, mi ha abbracciato e si è stretto forte a me. Il problema, ovviamente, è stato riportarlo su, ma alla fine ce l'abbiamo fatta. Sono arrivati i suoi genitori, che erano poco lontano e l'hanno portato all'ospedale. Si è rotto un calcagno e ha una frattura ad una mano, ma per fortuna non ha picchiato la testa».

La storia non è finita.

«Due sere dopo ci siamo rivisti e ha subito voluto abbracciarmi, così come i suoi genitori. E anche gli altri bambini mi hanno fato una grande festa. Io e il ragazzino ci siamo fatti una promessa: ci ritroveremo qui il prossimo anno per tuffarci insieme dalla scogliera da cui è caduto. E a me va bene: sono tornato a vedere il punto da cui mi sono buttato per lui, non solo non lo rifarei ma quasi quasi non riuscivo a guardare giù...».

Giuliano, tu hai corso in bicicletta fino al 2018, eri un buon velocista. Hai rimpianti per avere smesso? E oggi, cosa fai?

«Rimpianti nessuno, anche perché mi sono sempre assunto la responsabilità delle scelte che ho fatto. Certo, so che potevo fare di più, ma questo non è un rimpianto. Oggi lavoro come falegname a Villanuova sul Clisi, in provincia di Brescia, mi occupo di strutture prefabbricate. La bici? Per ora l'ho accantonata, avevo bisogno di farmi passare la nausea. Ma confesso che sto cominciando a ripensarci...».

E allora, Giuliano, ti auguriamo buona vacanza e,per quando lo deciderai, buone pedalate.

Copyright © TBW
COMMENTI
Bravo
19 agosto 2021 19:05 noel
Giuliano, hai fatto un gesto eroico, chapeau !!!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La stagione agonistica si è appena conclusa e ancora una volta chiediamo ai lettori di esprimere il proprio voto per eleggere il miglior tecnico italiano della stagione. Insieme ad alcuni grandi saggi, abbiamo selezionato una rosa di sette tecnici per...


Si chiama Tomas Van Den Spiegel ed è il CEO di Flanders Classics. Arriva dal basket e con i suoi 214 cm di altezza vuole riscrivere le leggi del ciclocross. Presidente della Lega Europea del Basket, nel suo passato ci...


I mondiali di Roubaix hanno entusiasmato l’Italia del pedale che ha applaudito i risultati migliori sempre - 10 medaglie complessive - al termine di una settimana eccezionale.Un’emozione che ha coinvolto anche chi le imprese azzurre ha raccontato come Marco Cannone,...


Tra iscrizione al World Tour 2022 ancora mancante, svincolamento dei corridori e ricerca di sponsor last minute, le ultime due settimane hanno fatto sorgere una fatidica domanda tra gli appassionati di ciclismo: che ne sarà della Qhubeka? L'abbiamo chiesto direttamente...


Conclusione in volata per l'Oscar tuttoBICI Gran Premio Eolo riservato agli Esordienti di secondo anno (nati nel 2007): dopo una lotta serratissima il successo è andato al trentino Alessio Magagnotti, portacolori della CC Forti e Liberi. Novantanove i punti conquistati...


Tempo di festeggiamenti in casa della Scuola Ciclismo Mincio Chiese. A pedali fermi e stagione agonistica portata a termine, il sodalizio mantovano si è dato appuntamento a Ceresara per chiudere il 2021. Con i saluti del consigliere comunale con delega...


Nasce a Napoli la prima scuola di ciclismo riconosciuta dalla Federazione Ciclistica Italiana. La Bike School Napoli è gestita dall’associazione sportiva dilettantistica Emmevi con Mario Fontana come direttore tecnico che opera sul territorio metropolitano da dieci anni...


Una bella novità in Toscana a sostegno dell’attività del paraciclismo, frutto di un accordo raggiunto tra Publiacqua e Comitato Regionale Toscana che sarà presentato domenica mattina 24 ottobre a Campi Bisenzio in occasione della gara nazionale di Handbike “Gastone Nencini...


Non si è interrotta neanche nel 2021 la tradizione positiva che lega il Bici Club Spoleto “Castellani Impianti” al Circuito dei Due Mari, giunto al termine domenica 24 ottobre con la Gran Fondo Città di Fara in Sabina. La compagine...


«Non vedo l'ora di sistemare la situazione del mio cuore che in questa fase è stato ballerino. Si sono verificati un paio di piccoli episodi in corsa in cui la frequenza era salita ed ora abbiamo deciso di risolvere il...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO
SONDAGGIO
OSCAR TUTTOBICI 2021. SCEGLIETE IL MIGLIOR TECNICO ITALIANO DELL'ANNO
I voti dei lettori saranno conteggiati insieme a quelli di una giuria di addetti ai lavori e giornalisti specializzati





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI