PARSANI. «UN TIMONE D'ORO CHE MI EMOZIONA»

PREMI | 29/01/2021 | 07:00
di Pier Augusto Stagi

È commosso, ma non sorpreso, perché lo sapeva e lo desiderava, e come sua abitudine lo dice, senza girarci tanto attorno. «Al “Timone d’Oro” ci tenevo davvero. Guardavo i miei colleghi che di anno in anno l’avevano ricevuto e pensavo: forse un giorno toccherà anche a me…».


Serge Parsani, sessantanove anni da compiere ad agosto, è sorridente, sereno e disteso come pochi. I suoi occhi brillano di commozione più ancora di quel trofeo di cristallo con incisi i nomi dei suoi predecessori che ha tra le mani. Un premio alla carriera di direttore sportivo più che meritato, anche se qualcosa manca… «Mancano soprattutto loro, i miei colleghi, quelli che mi hanno anticipato, prescelto e quelli che verranno dopo di me. Però sono contento di avere qui a Milano (nello studio del presidente dell’ADISPRO Davide Goetz, proprio in piazza Duomo, sotto la Madonnina), Luca Guercilena e Mario Chiesa, due ragazzi che oggi non solo sono uomini, ma sono due bravissimi colleghi. Luca, che ho avuto alla Mapei, oggi è uno dei team manager più apprezzati di tutto il circus World Tour; Mario, che ho avuto in Asics, è uno dei tecnici più precisi e scrupolosi che io abbia mai incontrato: nella gestione di un team è semplicemente pazzesco. Avere qui loro due è già qualcosa. Vorrà dire che non appena potremo tornare a fare “gruppetto”, festeggerò con tutti gli associati di Adispro».


Serge è stato corridore di buon talento, con vittorie di tappa al Tour e al Giro. Professionista dal 1974 al 1983, vestendo solo e soltanto una maglia: quella biancoceleste della Bianchi. Poi tecnico alla Gewiss-Bianchi dall’87, prima di passare alla GB- MG Boys, Asics CGA, Mapei, Quick-Step, Katusha, Farnese Vini fino alla Wilier Triestina.

Soddisfatto l’avvocato Davide Goetz, con un passato da ciclista nelle categorie giovanili con la maglia della gloriosa Biancorossi Terziroli. Una decina di vittorie e poi la presa di coscienza: meglio lo studio. «Ma la passione è quella di sempre, perché il ciclismo è uno sport che ti resta appiccicato sulla pelle – dice lui che si è ritagliato un paio di ore ricreazione per parlare di due ruote -. Io sono grato a questa associazione, che mi ha chiamato, mi ha voluto, mi sta facendo vivere ancora un sogno nello sport che più amo. Sono grato a tutti i miei associati, ma in particolare proprio a Serge. È grazie a lui che io oggi sono il presidente di questo gruppo di uomini eccezionali. Lui, ai tempi della Katusha, per tre anni dal 2009 al 2011, è stato il presidente dell’associazione internazionale dei direttori sportivi e aveva avuto ben più di un problema con le istituzioni. Quando decise di fare un passo indietro, fu lui a chiedermi: sei un avvocato, sei fuori dai giochi, sei una figura superpartes, perché non lo fai tu il presidente? Eccomi qui».

Per la cronaca Serge Parsani andò in crisi per la gestione delle radioline in corsa: l’associazione era favorevole, gli organizzatori no. Oggi le radioline ci sono. Serge, anche da nonno, è sempre al timone… Un timone d’oro.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
È partito con la Avola-Licata (179 chilometri) e una top-10 per l’Androni Giocattoli Sidermec il Giro di Sicilia. Nella prima frazione della corsa di Rcs, vinta allo sprint da Molano della Uae, ha colto la decima posizione il colombiano Jhonatan...


Phil Bauhaus ha vinto allo sprint la Osijek – Varaždin, frazione d’apertura della CRO Race 2021. Alla conclusione dei 237 chilometri in programma il tedesco della Bahrain Victorius ha anticipato sulla linea del traguardo Olav Kooij (Team Jumbo-Visma) e Kristoffer...


Dopo il Giro del Valdarno, Andrea Piccolo si è aggiudicato in Toscana anche la Ruota D’Oro-Gran Premio Festa del Perdono, gara internazionale svoltasi a Terranuova Bracciolini con la presenza al via anche del Campione del Mondo Filippo Baroncini (festeggiatissimo)e del...


Al termine di una gara velocissima (oltre 45 la media finale) con uno sprint di potenza Mattia Piccini, si è aggiudicato il Trofeo Commercio Industria Artigianato sul traguardo di Rignano sull’Arno, riservato agli juniores ed organizzato dalla Cipriani e Gestri,...


Il primo sprint del Giro di Sicilia premia il colombiano Juan Sebastian Molano della UAE - Team Emirates che sfreccia sul traguardo di Licata andando a riprendere e a superare proprio negli ultimi metri Vincenzo Albanese che aveva attaccato a...


L'edizione numero 25 dello storico Giro di Sicilia si apre con una tappa tranquilla che viene vinta con una volata molto particolare da Juan Sebastian Molano (UAE Emirates) che brucia in volatona Vincenzo Albanese (Eolo Kometa). Bella soddisfazione pure per...


Bravò! Alé, fornitore ufficiale delle maglie della nazionale francese di ciclismo, si congratula con tutta la squadra dei “bleus” e con il nuovo campione del mondo 2021: Julian Alaphilippe (team Deceuninck-Quickstep). Il francese bissa il successo 2020 con...


Festa grande in casa di Enrico Battaglin e della moglie Arianna che questa mattina hanno accolto Pietro, il loro primogenito. Al portacolori della Bardiani CSF Faizané, a mamma Arianna e soprattutto al piccolo Pietro i migliori auguri di buona vita.


Per la Nove Colli è tempo di bilanci dopo che alle 19 in punto di domenica sera Alessandro Borgonovo da Bollate ha tagliato per ultimo il traguardo di Viale Carducci: si sono spenti così i riflettori sulla cinquantesima edizione della regina delle Granfondo,...


La seconda giornata targata “Ride The Dreamland” vedrà andare in scena, venerdì 15 Ottobre, una competizione inedita e unica nel suo genere, la “Serenissima Gravel” prima gara gravel dedicata ai professionisti. Un percorso offroad che è un inno alla bellezza...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI