ISRAEL START UP NATION, CONFERME PER QUATTRO CORRIDORI ISRAELIANI

MERCATO | 20/11/2020 | 11:49
di Francesca Monzone

Sono quattro i corridori che hanno appena rinnovato il loro contratto con la Israel STart Up Nation: si tratta di Guy Niv, Guy Sagiv, Omer Goldstein e Itamar Einhorn. Per loro, che sabato si sfideranno nel campionato nazionale, è arrivato un rinnovo che proseguirà per tutta la stagione 2021.


La Israel Start Up si aspetta grandi cose dalla sua squadra, in particolare da quando ha comunicato l’arrivo nel team di Chris Froome, che oltre ad essere un corridore dai grandi risultati, dovrà essere motivo di ispirazione per tutti i corridori. Per la formazione israeliana senza dubbio Froome sarà alla guida di una squadra completamente migliorata e pronta ai grandi obiettivi.


Il responsabile tecnico Kjell Carlstrom ha detto: «I nostri corridori israeliani sono il nucleo e il DNA di questa squadra. Tutti loro hanno dimostrato di essere diventati migliori e più forti. Sappiamo che non è un compito facile, perchè siamo in continua evoluzione e miglioramento. È stato incoraggiante vedere come i ragazzi hanno affrontato le sfide di quest’anno e hanno anche fatto passi in avanti. Ma l'anno prossimo, dovremo vederli migliorare di nuovo, sono fiducioso, che salteranno in avanti di un altro livello».

Guy Niv, primo israeliano a finire il Tour de France, è entusiasta del progetto e della squadra, perché è convinto che lui e gli altri ragazzi, sapranno sfruttare al massimo l’arrivo del britannico vincitore di sette grandi giri. «Credo che correre al fianco di una leggenda come Chris Froome ci darà la possibilità di far uscire il meglio di noi stessi, quelle capacità che non avresti mai immaginato di avere. Per questo sono certo che salirò ancora di livello».

Sylvan Adams, proprietario del team Israel Start-Up Nation, ha espresso il suo profondo apprezzamento per gli impressionanti progressi dei corridori israeliani in questa stagione. «I nostri quattro corridori israeliani hanno fatto progressi significativi quest'anno, nonostante le difficoltà causate da un calendario stravolto dal COVID. Tre di loro hanno portato a termine un grande giro, con Guy Niv che ha fatto la storia come il primo israeliano ad aver finito il Tour de France. Itamar Einhorn ha ottenuto il primo podio israeliano in una gara UCI. Omer Goldstein ha partecipato alla sua prima Vuelta, contribuendo in modo significativo al podio di Dan Martin. Infine, Guy Sagiv ha corso bene al Giro di quest'anno, nonostante fosse al rientro da un infortunio. Sono felice che continueranno tutti con noi. Sento che il ciclismo israeliano è in ottima forma e mi aspetto che sempre più corridori di talento bussino alla nostra porta».

Tante le novità annunciate dal team per la prossima stagione, tra queste la volontà di andare avanti e rinnovare la squadra continental "Israel Cycling Academy" e che nel 2021 correrà con una squadra under 23 al cui interno ci saranno otto giovani israeliani. A rilasciare dichiarazioni anche l’altro co-proprietario del team Ron Baron: «Selezioneremo alcuni di questi giovani israeliani per inserirli in alcune gare a partire dal 2021. Mi aspetto che alcuni di loro possano poi unirsi alla squadra principale come corridori nel WorldTour».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Come spesso accade in Formula 1, la prima curva si è rivelata fatale a molte atlete impegnate nella prova femminile della prima tappa di Coppa del Mondo a Tabor. Una frenata, una sbandata e molte ragazze si sono trovate a...


Nuove udienze, al tribunale di Monaco di Baviera, per il caso Aderlass - Seefeld e torna il nome dello sloveno Milan Eržen, che nega nuovamente ogni suo coinvolgimento nel caso di doping scoppiato ai campionati mondiali di sci nordico del...


Scatenata Lucinda Brand! Quarto successo in due settimane per l'esperta olandese, del team Telenet Baloise Lions, che fa sua anche la prima prova della Coppa del Mondo donne elite dettando la sua legge sul circuito di Tabor, nella Repubblica Ceca....


Arriva, prima o poi arriva per tutti il momento di voltare pagina, di scendere di sella e di incominciare una nuova vita. Arriva per ognuno di noi e anche ai corridori ciclisti che hanno fatto della passione la loro professione....


  Eletto presidente l’anno scorso a fine dicembre dopo l’assemblea straordinaria delle società pisane a seguito delle dimissioni del presidente Roberto Spadoni, Nicola Procino è stato riconfermato alla guida del Comitato Provinciale di Pisa che ora lo vedrà presidente per...


Giancarlo Ferretti, intervenuto al podcast di Tuttobiciweb, Bla bla bike, ci regala una serie di racconti inediti come questo relativo al cannibale, un compagnone fuori dalle corse. «Mi ricordo una notte in cui facemmo tardi dopo il Giro di Sardegna,...


Gli hacker si sono impadroniti del database della Federazione Ciclistica Olandese (KNWU) e adesso chiedono un riscatto per non diffondere i dati. Questo è quanto è stato comunicato dal portavoce della Koninklijke Nederlandsche Wielren Unie, che ha fatto sapere che...


Grande prova degli junior azzurri in apertura della prima prova di Coppa del Mondo di ciclocross in svolgmento a Tabor, nella Repubblica Ceca. Lorenzo Masciarelli ha colto uno splendido secondo posto giungendo staccato di soli sette secondi dallatleta di casa...


E' bella Italia anche nella prova di Coppa del Mondo delle donne juniores. Lucia Bramati conquista un bellissimo terzo posto a Tabor, nella Repubblica Ceca, dove è protagonista di una prestazione superlativa che le permette di salire per la prima...


Come in una favola. João Al­­meida è stato la rivelazione del Giro d’Italia 103. A 22 anni, alla prima stagione tra i professionisti, al de­butto in una corsa di tre settimane, veste per 15 giorni la ma­glia rosa e chiude...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155