REBELLIN. «OBIETTIVO TRICOLORE PER CONTINUARE ANCORA»

PROFESSIONISTI | 21/05/2020 | 07:56

«Non voglio che sia il Coronavirus a farmi decidere quando smettere. Vorrei essere io a scegliere il momento e soprattutto vorrei farlo in una gara importante». Sono le parole di Davide Rebellin, corridore della Meridiana-Kamen, in un'intervista concessa alla trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro.


«Il mio vero sogno è quello di chiudere con una squadra che mi permetta di fare delle corse importanti e concludere quindi in bellezza. Il massimo sarebbe partecipare a qualche classica e chiudere lì la carriera. Chiaramente non so che risultati potrei ottenere visto che oltre all’età sono diversi anni che non partecipo a questo tipo di gare e non ho un programma di gare molto continuo come quello delle squadre WorldTour».


Rebellin ha confidato che una delle sue ambizioni più importanti sarà quella di fare bene al campionato italiano in linea: «Ritirarmi vincendo il campionato nazionale? No, sinceramente nel caso vorrei correre con la maglia tricolore perché è una maglia che non ho mai indossato e poterla portare sarebbe un sogno».

E ancora: «Sia io che la squadra stiamo vivendo una situazione un po’ di attesa perché ancora non si sa bene quando si potremmo realmente tornare a correre noi. Perché ad oggi sono state programmate le gare più importanti come le Grandi Classiche ed i Grandi Giri, ma poi c’è tutto un calendario in cui partecipano le formazioni Continental. Spero che anche noi delle squadre più piccole possiamo avere diverse opportunità per poter correre, sia pensando agli sponsor che magari vogliono continuare ad investire il prossimo anno o i vari giovani corridori di queste squadre che hanno bisogno di correre. Come tutti mi sono allenato sui rulli, ho fatto ogni giorno delle sessioni, ma ma è stato più un mantenimento della condizione visto che non sappiamo bene quando sarà il momento di essere pronti per correre. Soprattutto alla mia età non posso permettermi di stare completamente fermo un mese altrimenti è ancora più impegnativo poi ripartire. Mi sono comunque allenato bene, facendo anche degli esercizi a corpo libero».

Copyright © TBW
COMMENTI
Non smetterà mai....
21 maggio 2020 13:48 geo
Trova motivazioni nel ciclismo, probabilmente l'alternativa non esiste, non ce l'ha. Non so se può essere un esempio per i giovani.

Che tristezza
21 maggio 2020 16:11 ciclomanix
Se fosse stato un impiegato sarebbe andato avanti a lavorare fino a 75 anni. Incapace di trovare una qualsiasi alternativa. Trasmette una tristezza infinita.

Sognare è bello
23 maggio 2020 21:42 libero pensatore
A me fa tristezza chi critica Rebellin.Davide è come Pantani ama il ciclismo e sa trasmettere emozioni e fa bene a fare quello che si sente di fare,bravo Davide.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il giorno dopo l’Amstel Gold Race il vento del nord porta con sé rumors di mercato che riguardano Demi Vollering. La campionessa nazionale dei Paesi Bassi, che nel 2023 ha messo la sua firma su 17 delle 62 vittorie della...


Per un attimo avevamo quasi pensato fosse un talento destinato a perdersi, invece Tobias Foss c’è ancora, eccome se c’è. Il norvegese classe 1997 ha vinto la prima tappa del Tour of the Alps 2024, imponendosi un po’ a sorpresa...


Mattia Bais è stato uno dei tre corridori a salire sul podio delle premiazioni al termine della prima tappa del Tour of the Alps 2024. Il trentino classe 1996 si è infatti guadagnato sul campo, dopo una giornata spesa quasi...


Gerben Thijssen ha ripreso ad allenarsi meno di due settimane dopo l'incidente di mercoledì 3 aprile nella Scheldeprijs, durante la quale ha riportato la rottura parziale dei legamenti della parte esterna della caviglia.Il 25enne corridore belga, vincitore del Trofeo Palma...


Tobias Foss e la Ineos Grenadiers mettono il sigillo sulla prima tappa del Tour of the Alps 2024, la Egna-Cortina Sulla Strada del Vino di 133 km. Il norvegese, già campione del mondo a cronometro nel 2022, ha regolato allo...


Lazer, azienda che progetta e realizza caschi da oltre 100 anni, ha da sempre come primo obiettivo quello di garantire più sicurezza ai ciclisti ma si dimostra lungimirante dedicando parte della sua grande attenzione all’ambiente. In quest’ottica il nuovo casco Verde...


Segnatelo in agenda con il circolino rosso: quello di domenica 21 in diretta su tuttobiciweb è un papuntamento di quelli da non mancare. Il clou della giornata dedicata al Bikefestival Lodigiano che si svolgerà a Graffignana sarà il 4° Memorial...


Una domenica a tutto ciclismo, quella che ci attende il 21 aprile con il Bikefestival Lodigiano che si svolgerà a Graffignana con la regia organizzativa del Pedale Casalese Armofer del presidente Mario Massimini e del general manager Luca Colombo che...


Le bici sono spaziali, i caschi formidabili, i body superaerodinamici… bello, tutto perfetto. Ma per ottenere una grande performance, come quella che sarà necessaria per puntare all’oro olimpico, quello che conta maggiormente è la “macchina umana”. A Parigi i quartetti,...


Perché cambiare se le cose sono andate bene? È quanto deve aver pensato Geraint Thomas nel programmare la sua stagione 2024, che prevede, così come nel 2023, il Tour of the Alps prima del Giro d’Italia. «Mi sento abbastanza bene...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi