LINEA VERDE. CRISTIAN ROCCHETTA INSEGUE CAVENDISH

CONTINENTAL | 01/02/2020 | 07:44
di Danilo Viganò

L’estate dello scorso anno per Cristian Rocchetta non rappresenta un ricordo troppo piacevole. Era il mese di maggio e dopo il quinto posto nella Alta Padovana Tour a Cittadella, Rocchetta viene trovato positivo al Rinofluimuci,  uno spray nasale solitamente usato per le allergie. Una bruttissima sensazione per Cristian che si è visto costretto a interrompere una stagione che, fino a quel momento, gli aveva riservato i successi a Belricetto di Lugo e Pessina Cremonese, e soprattutto il secondo posto nella prestigiosa Popolarissima di Treviso dietro Nicola Venchiarutti.

«Sono stato negligente, lo ammetto, se avessi letto il “bugiardino” forse non avrei commesso questo errore perché è di un errore che sto parlando. Soffro di allergie, soprattutto di una fastidiosa come quella al polline, ed è normale fare uso di uno spray nasale. Mai, dico mai, avrei immaginato che questo spray fosse tra i prodotti segnalati come doping, tra l'altro, non è neppure indicato sulla confezione, ma solo all’interno del bugiardino».

Ha così passato quattro mesi senza gareggiare, sempre col pensiero fisso a questa assurda situazione. Cristian non sapeva, era assolutamente in buona fede, e anche la Procura Antidoping nell’incontro con il corridore avvenuto a fine settembre, ha capito che non aveva responsabilità e ha archiviato il caso con soli 5 mesi di squalifica che Rocchetta ha finito di scontare a dicembre 2019.

Ora Cristian è pronto a ripartire. Veronese di Villafranca, classe 1998, diplomato al Liceo Scientifico Sportivo “Seghetti” di Verona, Cristian si è appassionato alla bicicletta vedendo la schiena di tanti ciclisti pedalare davanti a casa sua. Abita con il padre Luca, che fa il camionista, mamma Sabina che si occupa di una lavasecco a Castel d’Azzano, e il fratello minore, Simone, ex calciatore. Velocista che ha come modello Cavendish, forse per le stesse caratteristiche fisiche del britannico ex iridato (170x66 kg), Rocchetta è stato confermato dalla General StoreEssegibi F.lli Curia che da quest’anno è un team Continental. Sarà diretto dall’ex professionista Giorgio Furlan.

 

Cosa ne pensi del momento del ciclismo italiano?
«E’ un buon momento con tanti giovani interessanti».

A quale età hai cominciato a correre?
«Da G1 con la Cordioli ACL Legno. La prima bici non aveva scritte sul telaio ed era rossa».

Il più forte corridore di tutti i tempi?
«Lance Armstrong, perché era un corridore completo».

Segui altri sport con la stessa passione del ciclismo?
«Seguo il calcio».

I tuoi peggiori difetti?
«Sono un pò testardo».

Il tuo modello di corridore
«Mark Cavendish».

Cosa leggi preferibilmente?
«Tutto quello che riguarda lo sport».

Cosa apprezzi di più in una donna?
«Che abbia la testa sulle spalle».

Sei social?
«Abbastanza».

Cosa cambieresti nel ciclismo di oggi?
«La falsità di alcuni personaggi e la diffidenza in generale».

Piatto preferito?
«Spaghetti alla carbonara».

Hobby?
«Fare palestra e stare con gli amici».

La gara che vorresti vincere?
«Milano-Sanremo».

Televisione, cinema o teatro?
«Televisione, un po’ di tutto».

I ragazzi di oggi con quelli di ieri: le differenze?
«Oggi sono più adagiati e coccolati, meglio quelli di una volta».

 



Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
La nuova puntata di BlaBlaBike si occupa di due grandi appuntamenti: il primo appena terminato, e ci riferiamo al Tour de France, ed il secondo ormai all'orizzonte, e si tratta chiaramente del campionato mondiale. È Marco Marcato, gregario di fiducia...


Caro Direttore, quando si sostiene che il Ciclismo è uno Sport non si dice tutta verità. È molto di più di una forma di atletismo fisico, che già di suo ha i crismi della disciplina, ovvero di regole alle quali...


Finalmente i tifosi possono tornare a incitare i propri campioni dal vivo. Rispettando la distanza di sicurezza e indossando la mascherina, gli appassionati di ciclismo potranno assistere al Campionato del mondo UCI 2020 a Imola, in Emilia-Romagna. Da oggi sul sito ticketone sono in vendita gli ambiti...


Lo storico marchio transalpino ha recentemente presentato la nuova 765 Optimum+, una bici che fa della versatilità la sua arma migliore e punta a conquistare quel gruppo di ciclisti che non è ossessionato dal performance a tutti i costi. Questo...


Novità in casa Bardiani Csf Faizanè: con l’arrivo di Kevin Rivera e Jonathan Canaveral, entrambi già professionisti, il team della famiglia Reverberi abbandona dopo un decennio la linea interamente italiana, pur mantenendo le caratteristiche di Greenteam, basato su atleti giovani...


Sono ancora in custodia cautelare le due persone coinvolte nel caso di doping che ieri ha fatto tremare il mondo del ciclismo, al termine del Tour de France. Secondo il quotidiano L’Equipe, si tratterebbe del medico personale e del fisioterapista...


E' iniziata ufficialmente oggi l'avventura mondiale. Oggi a Riolo Terme sono arrivati gli atleti convocati dai CT Davide Cassani e Dino Salvoldi per #Imola2020. Un gruppo composto da 23 elementi: 12 uomini e 11 donne. Gli azzurri hanno raggiunto Riolo...


Dries De Bondt è il nuovo campione nazionale belga. Il portacolori della Alpecin Fenix si è imposto per distacco sul traguardo di Anzegem. Sul podio con lu sono saliti Iljo Keisse e Pieter Serry, entrambi della Deceuninck-Quick Step.   ORDINE...


È un momento magico per il ciclismo in Slovenia. Domenica sugli Champs-Elysèes a Parigi si è celebrato il picco più alto della sua storia: Tadej Pogacar (22 anni ieri), ha vinto il Tour de France ed è salito con la...


Dorian Godon, portacolori della AG2R La Mondiale, ha vinto l'81a edizione della Paris-Camembert, disputatasi sulle strade della Normandia. Godon ha battuto in uno sprint a due Maurits Lammertink (Circus-Wanty Gobert) mentre a otto secondi Nacer Bouhanni (Team Arkéa-Samsic) ha completato...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155