TOUR DE POLOGNE, LA BORA HANSGROHE PUNTA IN ALTO

PROFESSIONISTI | 10/07/2019 | 07:35

Si delinea il campo partenti del Tour de Pologne - UCI World Tour 2019. Partenza da Cracovia sabato 3 agosto e gran finale sulle montagne a Bukowina Tatrzanska venerdì 9 agosto. Saranno 7 tappe di grande ciclismo e forti emozioni.
Tanti i top rider presenti nelle 22 squadre, le 18 formazioni World Tour più le 4 wild card invitate dagli organizzatori, che saranno al via del Tour de Pologne. I corridori polacchi Rafal Majka, Maciej Bodnar e Pawel Poljanski, i tedeschi Pascal Ackermann e Rudiger Selig, gli italiani Davide Formolo e Cesare Benedetti sono stati inseriti dalla Bora – hansgrohe nella start list provvisoria per il Tour de Pologne.


Rafal Majka - Czeslaw Lang

“Il team Bora - hansgrohe si presenta con una formazione di altissimo livello che comprende ben tre corridori polacchi. Rafal Majka aveva già annunciato in precedenza, in primavera, la sua volontà di partecipare. Majka che ricordiamo ha riportato la Polonia dopo tanti anni sul gradino più alto del Tour de Pologne nel 2014 ed è poi stato secondo nel 2017 alle spale di Dylan Teuns. Sempre in casa Bora - hansgrohe spicca la presenza di Pascal Ackermann. Il giovane e forte sprinter tedesco quest’anno ha vinto due tappe al Giro d’Italia e la maglia ciclamino del miglior sprinter, oltre a numerose altre corse, ma ricordiamo con piacere come proprio qui in Polonia l’anno scorso lui si sia fatto conoscere ed apprezzare dal grande pubblico con due belle vittorie di tappa, a Cracovia e Katowice” spiega Czeslaw Lang direttore generale del Tour de Pologne.


Pascal Ackermann

“Rafal Majka avrà al suo fianco altri due validi corridori polacchi come Maciej Bodnar, vincitore di una tappa memorabile in Polonia nel 2015, e Pawel Poljanski. Mi fa piacre vedere la presenza di Cesare Benedetti, anche lui vincitore di una tappa al Giro quest’anno, che io considero un po’ polacco visto che sua moglie è di qui e che lui parla perfettamente la nostra lingua. Senza dimenticare Davide Formolo, il neo campione nazionale italiano; lui è un corridore molto interessante, qui in Polonia in passato ha già fatto bene, ricordo che nel 2016 ha chiuso al quarto posto della generale” continua Czeslaw Lang.


Davide Formolo - Rafal Majka

“Del resto il Tour de Pologne conferma in ogni edizione la sua spiccata vocazione nel contribuire a lanciare nomi e talenti nuovi sulla scena del grande ciclismo internazionale. Peter Sagan, Marcel Kittel, Daniel Martin, Fernando Gaviria, Dylan Teuns, senza dimenticare i nostri Majka e Kwiatkowski, guardando al recente passato sono solo alcuni esempi. E siamo molto orgogliosi di questo aspetto, perché i giovani sono il futuro del nostro sport. Grazie a una start list di alto livello unitamente a un percorso vario che come sempre presenta sprint, tappe adatte agli attacanti e tappe di montagna sono sicuro che assisteremo ad una corsa ogni giorno emozionante e combattuta fino all’ultima tappa” conclude Czeslaw Lang, medaglia d’argento nel ciclismo alle olimpiadi di Mosca ’80.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Sudore più sacrificio uguale successo. È questo il motto di Andrea Vendrame, che si appresta a fare il grande salto nel World Tour e a vivere una nuova pagina della sua promettente carriera. Il 25enne trevigiano, passato professionista nel 2017...


  "La grande cultura del ciclismo è quella di far ritrovare tanti amici che hanno come obiettivo la crescita dei ragazzi" e "questa stagione, ricca di risultati, è stata caratterizzata, fino ad ora, da 78 medaglie proprio nell'anno che precede...


  Tra le belle sorprese che ci ha regalato il 2019 c'è Nicola Venchiarutti. Ventuno anni, friulano di Osoppo, 30 chilometri a nord di Udine, Nicola è passista veloce che si difende bene anche in salita. Quest'anno con il Cycling...


La macchina organizzativa del Memorial Efisio Melis è già all’opera per realizzare una manifestazione che possa replicare il successo delle edizioni precedenti in ricordo di un grande dirigente della Polisportiva Capoterra che ha guidato una delle più gloriose società ciclistiche...


Il Velo Club Sovico ha iniziato il cammino verso la nuova stagione. Sabato i sei atleti che il prossimo anno formeranno la squadra Esordienti hanno passato alcune ore assieme ai tecnici Gabriele Buttini e Mattia Redaelli per gettare le basi...


I prodotti utilizzati dai team professionistici di ciclismo fanno sempre gola agli appassionati. Succede così che quando i team decidono di mettere in vendita il materiale utilizzato durante l'anno, ci sia sempre molto interesse da parte dei fan. La regola...


  Partì da Boston il 27 giugno 1894: aveva 24 anni, una bicicletta-cancello (Columbia) di una ventina di chili, la gonna lunga e una pistola. Arrivò a Chicago il 12 settembre 1895: aveva 25 anni, una bicicletta da uomo (Sterling)...


Per diciotto anni è stato uno dei fari, dei punti di riferimento del gruppo. Uno dei più apprezzati e riconosciuti corridori in gruppo. Per il suo talento, la sua correttezza, per una storia fatta di vittorie raccolte per sé (54)...


La sua positività - ovviamente anonima, visto che M.C. ha solo 15 anni - riscontrata al termine di una corsa aveva creato naturalmente scalpore. Anche perché l’asettico cominicato di NadoItalia parlava genericamente di steroide anabolizzante. La sua assoluzione, decretata oggi...


Giornata importante, quella di oggi, per la famiglia Bonifazio: la Total Direct Energie ha infatti annunciato il prolungmaneo del contratto di Niccolò, che in questa stagione ha colto sette vittorie con la maglia del team francese, e l'ingaggio di suo...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy