ROBERTO CONTI E L'ALPE D'HUEZ, 25 ANNI DOPO...

NEWS | 03/07/2019 | 09:54
di Angelo Costa

Non ha messo i manifesti, non ha organizzato cerimonie: per festeggiare i 25 anni della sua vittoria più bella, all’Alpe d’Huez nel Tour del 1994, Roberto Conti ha scelto il modo più semplice, una bella pedalata con gli amici sulle strade francesi. Lo scorso weekend l’ex professionista faentino, fedelissimo di Pantani, è partito con una squadra speciale, tutta formata da ravennati: quattro che abitualmente pedalano con lui (Mirko Assirelli, Mirko Tagliaferri, Marco Geri e Francesco Tamburini) e uno (Andrea Mondini) reclutato col doppio compito di direttore sportivo e autista del pullmino.

Col suo gruppetto, Conti non si è limitato a scalare la cima del trionfo: il sabato ha affrontato Colle dell’Agnello e Izoard, la domenica il Lautaret al mattino e al pomeriggio l’Alpe d’Huez. Dove ha percorso l’ultimo tratto vestendo la stessa maglia della Lampre che indossava quel 19 luglio, quando staccò tutti: stavolta, a precederlo, è stato Assirelli. Purtroppo, lo storico gregario del Pirata non ha avuto la soddisfazione di una foto sul quarto tornante, laddove abitualmente è posto il cartello col suo nome, secondo tradizione dei francesi che dedicano ogni svolta ad ogni vincitore di tappa: i cacciatori di souvenir domenica scorsa si erano impossessati proprio del suo.

Di soddisfazioni, Roberto Conti, che oggi ha 54 anni e lavora come promotore finanziario, ne ha comunque avuta un’altra: mentre scalava il Lautaret con Assirelli, è stato riconosciuto da alcuni cicloturisti che lo hanno fermato, congratulandosi con lui per quell’impresa e per la sua carriera. Carriera impreziosita da un altro successo, il Giro di Romagna, datato 1999: giusto vent’anni fa, motivo per cui a settembre è già in calendario un’altra pedalata con gli amici. In perfetto stile Conti.

da Il Resto del Carlino - Ravenna

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Se si pensa a lui in noi affiora un sorriso. Dino Zandegù è chiaramente un uomo di compagnia, una personalità forte e garbata, porta gioia in ogni luogo, casa o piazza. È l’uomo della festa e suona strano sapere che...


Dal 9 al 31 maggio si sarebbe dovuto disputare il Giro d’Italia 2020. Tuttobiciweb lo corre comunque, giorno per giorno, con la forza della memoria. Oggi la ventunesima tappa: Toni Bailetti ci racconta quella del 1963. “I giochi al Giro...


Conosce tutti gli sport ma ama soprattutto la bicicletta, che utilizza quotidianamente anche in città. «Ne ho tre, l’ultima me la sono regalata due anni fa: un’e-bike , una bellissima MTB customizzata di cui sono molto orgogliosa e che uso...


Il periodo della quarantena è stata un’inconsapevole occasione che ha dato un’importante accelerata all’innovazione e alla diffusione degli strumenti digitali nella so­cietà. Gli studenti ed i lavoratori fruiscono in modo massiccio dei software che han­no consentito loro di lavorare e...


Il Giro delle Fiandre ha perso il suo decano: si è spento a 93 anni Roger Decock, vincitore dell’edizione 1952 della Ronde, un’edizione memorabile a causa di vento, pioggia e freddo. Decock aveva scoperto la bicicletta durante la seconda guerra...


Tra qualche anno, il mondo guarderà al 2020 e al Covid-19 come ad uno snodo decisivo per la nostra generazione. Con la fase di progressiva ripartenza che sta coinvolgendo tutte le nazioni, è sempre più evidente come questo momento sia destinato a...


il grande ciclismo sta provando a rimettersi in moto con i corridori che hanno ripreso ad allenarsi e i calendari che forniscono finalmente degli obiettivi a cui mirare, anche se ancora distanti, ma anche il ciclismo di base ha bisogno...


Siamo molto dispiaciuti, sia come associazione A.C.O.F.I. che come addetti ai lavori facenti parte del fuoristrada, che il nostro Presidente Federale non abbia ancora dato una risposta alla nostra presentazione, questo ci fa pensare che il fuoristrada non sia proprio di suo...


Al lungo elenco delle giovani promesse del Bresciano che vanno in bici si aggiunge Gabriele Raccagni, in sella da quando aveva 7 anni: «Il merito è dei miei nonni Bruno e Francesco che correvano tra i cicloamatori. Grazie a loro...


Diciamoci la verità, è molto difficile ricevere regali da parte delle aziende, soprattutto in un periodo di vacche magre come questo . Quando ci viene detto che possiamo ricevere un omaggio, anche al supermercato, siamo sempre sul chi va là...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155