«LA VAR? L'ABBIAMO INVENTATA AL GIRO PIU' DI VENT'ANNI FA»

LETTERA APERTA | 24/06/2019 | 07:35

Caro direttore, mi permetto di intervenire nel dibattito scatenato su Var prima al Giro d'Italia e poi analizzato dall'articolo di Cristiano Gatti pubblicato su tuttobiciweb.

Bene, a proposito del Var che oggi fa notizia, vorrei precisare che questo sistema al Giro esiste da oltre venti anni. Dopo la scadenza del contratto con RTI (l’attuale Mediaset) ritornò la Rai con la quale concordai la possibilità di consentire alla Giuria di visionare la registrazione di alcuni episodi della corsa. Al termine della gara, con l’accordo del Regista e del Direttore di Produzione, la Giuria aveva accesso in un pulmino della TV dove poteva dipanare i suoi dubbi.
 
Tra i tanti episodi ne ricordo due: 29 maggio 2000 – tappa Bormio – Brescia – Arrivo in volata per una ottantina di corridori e tra i protagonisti Martinello, Petacchi, Conte e lo spagnolo Vicioso. Quest’ultimo si rese colpevole di una deviazione ai danni di Martinello e fu retrocesso con vittoria assegnata a Conte. Addirittura la comunicazione della squalifica arrivò mentre Vicioso era in conferenza stampa.
 
2 giugno 2001 – Tappa Cavalese – Arco – Sull’ultima salita, Santa Barbara, Vladimir Belli sferrò un pugno ad uno spettatore che l’aveva insultato. La Giuria non rilevò direttamente l’accaduto, ma dopo aver visionato le riprese registrate, deliberò di espellere il corridore dal Giro, che in quel momento era 3° in classifica generale. (All’epoca si applicava il regolamento UCI ma pare che al Tour per un analogo fatto avvenuto dopo qualche anno per un corridore ingese non furono adottati provvedimenti. Evidentemente Ferretti era meno influente di qualche altro).
 
Per visionare episodi della corsa non c’era bisogno di richieste o denunce di chicchessia, ma valeva la volontà della Giuria.  E polemiche non se ne facevano.
 
Con affetto
 
Carmine Castellano
 
ARTICOLI CORRELATI
 
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

«Di una cosa sono certo: peggio di quest’anno non faremo». A Bruno Reverberi non ha mai fatto difetto l’ironia e la franchezza è la sua cifra distintiva. Quello che ha da dire, lo dice. A maggior ragione adesso, alla soglia...


Un modo diverso, un modo nuovo di raccontare lo sport e i suoi campioni. E un racconto affidato ai social network, nuovo punto di incontro e di confronto, di sviliuppo e di discussione.Segafredo Zanetti crede fortemente nei valori positivi e...


Matteo Cervellin, medico chirurgo specialista in ortopedia e traumatologia, ci spiega come ridurre il rischio di infortunio. L’attività fisica è considerata uno dei maggiori fattori di protezione da patologie cardio-circolatorie e degenerative, per questo viene fortemente sostenuta la pratica come...


"Qui Laigueglia Slow Holydays" vuole tornare a pedalare e si rivolge alle squadre ciclistiche con un progetto tutto nuovo per l'anno 2020: riportare nella città ligure il ritiro collegiale dei gruppi sportivi ciclistici che parteciperanno al Trofeo Laigueglia tradizionale classica di...


Ad un anno dal terribile incidente di cui è stato protagonista in allenamento, Samuele Manfredi continua la sua lunga risalita e, soprattutto, continua a sentirsi un corridore. Lo ha spiegato molto bene in una intervista concessa a Francesco Pancani di...


«L’obiettivo principale per noi è continuare a vincere - spiega il direttore tecnico Matt White -, come sempre avremo i grandi giri nel mirino e abbiamo la squadra giusta per puntare ai massimi risultati». Ben 24 (sui 25 del 2019)...


L'Unione Ciclistica Internazionale ha diramato la lista delle squadre che sono ammesse alla massima categoria ottenendo la licenza World Tour fino al 2023: Alé - BTC Ljubljana sarà l'unico team che avrà l'onore di rappresentare l'Italia nel gotha del ciclismo mondiale....


La Wanty Gobert cambierà nome nel 2020 e diventerà Circus - Wanty Gobert dal 1° gennaio. Circus, consociata del gruppo belga Gaming1, è attiva in casinò, sale da gioco e nel settore delle scommesse sportive: già partner del team dal...


  La Tropicale Amissa Bongo sarà una delle prime gare del 2020: in programma dal 20 al 26 gennaio, la competizione africana impegnerà gli atleti in sette frazioni attraverso cinque provincie del Gabon - con uno sconfinamento anche in Camerun....


Della serie "non fatelo a casa" o meglio in bici. In realtà chi è stato ciclista probabilmente in carriera si è lanciato nella scia di un camion tenendo un'alta velocità per molti chilometri. Un gesto che per i più esperti...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy