MOSER: «AMO LA FATICA, MA VOGLIO SENTIRMI DI NUOVO VIVO»

PROFESSIONISTI | 13/05/2019 | 12:00
di Giulia De Maio

Moreno Moser ha preso carta e penna, o meglio il suo smartphone in mano, e ha raccontato cosa passa per la testa di un ragazzo di talento che a 28 anni ha deciso di mettere un punto alla sua carriera agonistica da ciclista.

«Purtroppo sono anni che ho la sensazione che si sia rotto qualcosa dentro di me. La condizione è diventata quasi un miraggio e il lavoro mi porta sempre l’effetto contrario. Sono anni che mi ritrovo dopo mesi e mesi di allenamenti ad andare meno del primo giorno. Ho tenuto duro, ci ho riprovato per anni, ogni anno con la fiducia che sarebbe stato l’anno buono. Poi è arrivata la chiamata di Pelosi alla Nippo Fantini Faizanè, dove ho trovato una famiglia incredibile e stimoli che mi davano la certezza che sarebbe stato l’anno della svolta. Ma mi sono ritrovato ancora lì, non a terra, sotto terra» esordisce sulle sue pagine social. 

«Ho deciso quindi di non voler più prendere in giro ne me stesso ne gli altri. In questo momento della mia vita non posso più rimanere nel ciclismo come in una zona di comfort, trascinarmi in giro alle gare grattando un barile che forse è già vuoto da un po’. Cerco nuove esperienze, nuovi stimoli e la sensazione sentirmi di nuovo vivo. Il ciclismo è uno sport magnifico, pulito e che mi ha dato tanto, tutto forse. Amo la fatica, il dolore era come droga per uno come me che ha sempre avuto soglie aerobiche basse ma una capacità lattacida fuori dal comune, ma questa fatica per vedersi staccare ogni giorno ti logora, ti annulla e ti toglie anche l’anima. Andare avanti così servirebbe solo a rovinare quello che di buono ho fatto fino ad ora».

Al primo ritiro stagionale con il nuovo team, solo qualche mese fa, ci aveva confidato che voleva tornare a sentirsi felice in bici. Forse non ci è ancora riuscito, ma nonostante tutto nel suo ultimo post da corridore professionista ribadisce il suo amore per il ciclismo. «Amo questo sport con tutto me stesso ed intendo rimanerci, ma non da corridore. Ho ricevuto un sacco di messaggi stupendi che mi hanno dato speranza e fiducia per quella che sarà la mia nuova vita. Voglio però mettere in chiaro che per me questo è un giorno felice, chiudo questa parentesi senza rimpianti e con la consapevolezza che in ogni caso questo momento arriva per tutti, ed io ho voglia di affrontarlo adesso».

Infine un post scriptum importante: «Ho già un progetto in serbo». Allora, in bocca al lupo Moreno.

Copyright © TBW
COMMENTI
gf
13 maggio 2019 13:41 cyclepk
speriamo non sia il grande fratello con la sigaretta in bocca e una Cecilia dall'altra.

tempesta
13 maggio 2019 14:28 tempesta
Questa e la sua versione . La verita non si sapra mai. Ma il grande fratello,e un alternativa meno faticosa.

Rispetto
13 maggio 2019 16:49 paliodelrecioto
cyclepk e tempesta (di caxxate come sempre) abbiate un po' di rispetto per la scelta onesta di un uomo. Magari non avete nemmeno mai messo il culo su una bici e sparate sentenze... Vergognatevi.

Rispetto
13 maggio 2019 17:36 ragno70
Tutti leoni da tastiera....rispetto per le scelte personali di un uomo ed un atleta

respect
13 maggio 2019 17:57 Anbronte
paliodelrecioto è ragno70 condivido il vostro pensiero, gente che non sa cosa vuol dire andare in bici. Ma vedo che guarda il grande fratello.

PECCATO
13 maggio 2019 18:36 stargate
D'accordo con la richiesta di rispetto di paliodelrecioto e ragno70, penso ci sia da rammaricarsi nel perdere un ragazzo che pareva, ed era, tanto ben dotato. In realtà, chissà per quali motivi, il ciclismo l'aveva perso già da qualche anno. La sua scelta attuale va letta come manifestazione di onestà e di realismo. Auguri per ciò che deciderà di intraprendere da oggi in poi. (Alberto Pionca - Cagliari)

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

In qualità di firmatario del Codice Mondiale Antidoping, l’UCI è responsabile della lotta al doping nel ciclismo e mette in atto tutte le misure necessarie per assicurare e rafforzare la protezione dei ciclisti puliti.La recente attualità, nello specifico l’operazione Aderlass,...


La Commissione parlamentare antimafia ascolterà il legale della famiglia Pantani, l'avvocato Antonio De Rensis, lunedì pomeriggio alle 15. Davanti alla stessa Commissione, lo scorso 26 settembre, si è tenuta l'audizione del procuratore capo della Repubblica di Rimini, Elisabetta Melotti, la...


Tutto pronto in casa del Team Piton per la nuova stagione di Ciclocross. La formazione bresciana torna sulla scena agonistica del fuori-strada con un gruppo di giovani agguerrito e in grado di poter essere protagonista. La squadra giovanile, presieduta da...


Doppio colpo della Bardiani-CSF-Faizanè che si assicura due giovani emergenti del panorama italiano, Filippo Zana e Davide Mazzucco. I corridori saranno ufficialmente professionisti da gennaio dopo due anni di esperienza con Sangemini-Trevigiani (2019) e Trevigiani-Phonix (2018). “Siamo molto felici di...


Ti aspetti Ackermann o Gaviria, o magari Trentin, e invece spunta come un fulmine Daniel McLay al Tour of Guangxi. Il velocista della EF, considerato al tempo una delle grandi promesse del ciclismo britannico, è uscito a centro strada con...


Non solo nuovi atleti per il Wolfpack, ma anche nuovi allenatori: la Deceuninck Quick Step ha reclutato due degli allenatori di ciclismo più apprezzat, il greco Vasilis Anastopoulos e il francese Franck Alaphilippe, che andranno ad affiancare Tom Steels e...


La stagione della Valdarno Regia Congressi Seiecom e' terminata ma, non si ferma il lavoro di Leonardo Gigli e Francesco Sarri per il rafforzamento del team per il 2020. Il team valdarnese e' lieto di comunicare di aver raggiunto un...


Spunta a sorpresa Daniel McLay nella seconda tappa del Tour of Guangxi con arrivo a Qinzhou. Il velocista britannico, ex promessa del ciclismo inglese, è stato bravo ad approfittare di uno sprint caotico per mettersi alle spalle Pascal Ackermann (Bora-hansgrohe),...


Dopo migliaia di chilometri con il vento in faccia e tante volate tirate ai capitani, tra Davide Martinelli e la Deceuninck-Quick-Step è giunto il momento di dirsi addio. E il destino ha voluto che nella corsa del suo commiato, il...


Il Van torna on the road. Dopo Milano, Innsbruck, Monaco, Berlino, Amsterdam, Rotterdam, Düsseldorf, Torino, Mantova e Ferrara, più di 800 bici riparate, oltre 3000 caffè offerti e più di 5000 ciclisti incontrati in meno di un mese, è tempo...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy