TOTA. MASNADA: «CORRO CON PIU' TESTA E FINALMENTE RACCOLGO»

PROFESSIONISTI | 26/04/2019 | 16:27
di Giulia De Maio

Fausto Masnada concede il bis sul traguardo di Bolzano e chiude in trionfo il Tour of the Alps applaudito da compagni e tecnici dell'Androni Sidermec, che sulle strade dell'Euregio ha rivaleggiato alla pari con le formazioni World Tour più blasonate.

«Oggi ero partito con l'intenzione di mantenere o migliorare la mia posizione in classifica, mai avrei pensato di riuscire a vincere un’altra tappa - racconta in conferenza stampa. - Sono riuscito a entrare nel gruppetto giusto e sulla prima salita lunga la fuga è esplosa. Sull'ultima salita dovevo attaccare per perdere meno tempo possibile. Il mio obiettivo a quel punto era vincere la tappa, non pensavo alla generale. Ho affrontato le ultime pendenze al mio passo, Carlos Julian Quintero mi è stato dietro e poi a un chilometro dal traguardo, non conoscendolo, non sapendo se fosse forte in volata, ho provato ad anticiparlo e così ho vinto la mia seconda tappa».

Quando ti hanno detto che avevi 7 minuti di vantaggio sul gruppo hai pensato alla generale? Ho sempre spinto al massimo, non si sa mai cosa può succedere in corsa, sì un pensiero l’ho fatto. All’attacco della salita però avevo poco più di sei minuti e sinceramente ho pensato più alla tappa, ho sempre spinto e infatti ho recuperato qualche posizione in classifica. Ne sono felice».

Oggi per venirti a inseguire ci sono voluti 15 km di Froome "a tutta". In questa settimana hai capito qualcosa in più di te stesso? «Sicuramente corro di più usando la testa, sto imparando a gestirmi e sfruttare le occasione al massimo. Nibali e Froome sono grandissimi campioni, non sono al loro livello ma posso lavorare per magari avvicinarmi a quello che fanno loro e che hanno vinto».

Ti senti di candidarti come possibile rivelazione del prossimo Giro d'Italia? «Perchè no...Ho dimostrato di avere una buona condizione, proverò a tenere duro, vedrò come interpretarlo, se lottare per qualche tappa o provare a curare la generale».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Non passerà alla storia come la Cuneo-Pinerolo del 1949, ma certamente la tappa odierna resterà nella storia di questo Giro. Per la lunga fuga animata 25 corridori che hanno avuto fino a quasi 16 minuti di vantaggio, per la prima...


Caleb Ewan ha vinto a Novi Ligure e saluta il Giro, Elia Viviani ha incassato l'ennesima sconfitta e lui pure dice "arrivederci" alla corsa rosa. Sono gli effetti inevitabili del cambio di orizzonte che attende il Giro 102 dell'inizio della...


L’Operazione Aderlass continua a scuotere il mondo del ciclismo e lo fa ad altissimo livello: l’Uci sta indagando sul coinvolgimento, nell’affare doping che ruota attorno al dottor Mark Schmidt, del numero uno del Team Bahrain Merida, lo sloveno Milan Erzen.Dalle...


Ieri il Giro d'Italia è passato da San Zenone Po e ha portato una carezza ideale a Gianni Brera, che tante edizioni della corsa rosa ha raccontato con la sua penna. Andrea Maietti, grande amico del giornalista pavese, ci regala...


Un ragazzo del 1993 che vince con la stessa disinvoltura con cui sorride. Un’azienda che dal 1954 scalda il cuore e i muscoli degli sportivi. Anni, storie, esperienze diverse che in circostanze normali non si sarebbero incontrate. Ma queste sono...


Dani Navarro torna a sorridere. Lo spagnolo, ricoverato dal 14 maggio scorso al Policlinico di Tor Vergata, sarà dimesso domani e potrà fare ritorno a casa. Il portacolori della Katusha Alpecin era rimasto coinvolto in una brutta caduta a Frascati...


Quando vinse il Giro di Lombardia del 1938, il sorriso sghembo, il ciuffo ribelle, la faccia da Sudamerica. Quando si aggiudicò la Tre Valli Varesine del 1940, superando per un niente Mario Ricci, grazie a un colpo di reni da...


Si delinea una starting grid di altissimo livello per il Cycling Stars Criterium in progamma a Belluno la sera di lunedì 3 giugno. Anche Elia Viviani (Deceuninck-Quick Step), già vincitore della passata edizione, sarà della partita. Il forte sprinter...


Tempi moderni, verrebbe da dire, e cambia anche il modo di lavorare al Giro d'Italia. Da quest'anno, infatti, il comunicato ufficiale della organizzazione di corsa ha perso una pagina importantissima, una delle più attese: ci riferiamo al classico e preziosissimo...


E' il giorno di Fausto Coppi, al 102° Giro d'Italia. La leggenda del Campionissimo riecheggerà sulle strade della tappa odierna Cuneo-Pinerolo di 158 km, omaggio alla cavalcata solitaria di Coppi del 1949. Per l'occasione, anche Bianchi celebra il mito di...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy