TOUR OF THE ALPS. LA FORZA E L'INTELLIGENZA DEI GIOVANI DI SKY

PROFESSIONISTI | 25/04/2019 | 15:30
di Giulia De Maio

In questi giorni stiamo scoprendo quanto siano forti i giovani talenti di Sky che stanno dominando il Tour of the Alps, ma anche quanto siano ragazzi svegli e interessanti guardandoli correre e parlandoci insieme. Oggi nella conferenza stampa che ha seguito la quarta tappa, abbiamo chiesto loro com'è trovarsi a battagliare contro un campione come Vincenzo Nibali che in carriera ha vinto tutti e tre i grandi giri e clasische monumento come Lombardia e Milano-Sanremo.

Il vincitore Tao Geoghegan Hart, molto brillante anche con un microfono davanti alla bocca, ha risposto: «Secondo me è giusto trattare tutti all’interno del gruppo come tuoi pari, personalmente rispetto tutti e pretendo che gli altri rispettino me. Sia che si tratti di un neoprofessionista che milita in un team piccolo o un grande campione come Vincenzo, qualunque avversario ha i suoi punti forti e le sue debolezze. Confrontarmi con lui è un onore, sono cresciuto guardandolo in tv, ma in gara non ci penso, resto concentrato sul piano del mio team. Sono convinto che si possa imparare anche dagli avversari, guardando come corrono. Nei prossimi mesi spero di avere altre opportunità per confrontarmi con lui e gli altri big, il Giro d’Italia sarà una bella opportunità questo senso. In vista della corsa rosa sono davvero eccitato. Correre in Italia è fantastico, i tifosi sono super. Oggi sentivo urlare “dai, dai, dai Vincenzo” e allo stesso tempo “Forza Chris”, questo è quello che rende il ciclismo speciale, puoi tifare corridori di diversi team, del tuo paese ma anche di ogni nazione. Non vedo l’ora di vivere 21 giorni così».

Il leader della classifica generale Pavel Sivakov dal canto suo ha aggiunto deciso: «il finale di oggi era molto insidioso, era la tappa che temevo di più. Nibali ci ha provato da lontano con attacchi davvero esplosivi, ma con Tao e Chris siamo riusciti a difenderci bene. In corsa non pensi a chi ti trovi di fronte, dai il massimo per non farlo andare via. Noi è vero siamo giovani, ma ci siamo comportati bene e a guidarci in ammiraglia abbiamo un ds molto esperto (Nicolas Portal, ndr). Ho cercato di non andare fuori giri rispondendo agli attacchi di Nibali, andando del mio passo, regolare. Avevo le gambe per seguire Majka, ma abbiamo preferito farlo andare per evitare che Nibali scattasse di nuovo. Era chiaro che si erano messi d'accordo per darsi una mano l'un l'altro. Alla fine oltre a difendere la leadership, Tao ha vinto in volata quindi abbiamo ottenuto il massimo da una giornata davvero esigente. Domani ci difenderemo nuovamente. Ho molta fiducia nella squadra, visto il percorso dell’ultima tappa sarà dura per i nostri avversari inventarsi qualcosa, ad ogni modo siamo un gruppo forte e senza paura. Comunque vada al termine di questa settimana potremo dirci soddisfatti. E in chiave Giro d'Italia non avremo tanta esperienza, ma sono sicuro che ci faremo onore».

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Non passerà alla storia come la Cuneo-Pinerolo del 1949, ma certamente la tappa odierna resterà nella storia di questo Giro. Per la lunga fuga animata 25 corridori che hanno avuto fino a quasi 16 minuti di vantaggio, per la prima...


Caleb Ewan ha vinto a Novi Ligure e saluta il Giro, Elia Viviani ha incassato l'ennesima sconfitta e lui pure dice "arrivederci" alla corsa rosa. Sono gli effetti inevitabili del cambio di orizzonte che attende il Giro 102 dell'inizio della...


L’Operazione Aderlass continua a scuotere il mondo del ciclismo e lo fa ad altissimo livello: l’Uci sta indagando sul coinvolgimento, nell’affare doping che ruota attorno al dottor Mark Schmidt, del numero uno del Team Bahrain Merida, lo sloveno Milan Erzen.Dalle...


Ieri il Giro d'Italia è passato da San Zenone Po e ha portato una carezza ideale a Gianni Brera, che tante edizioni della corsa rosa ha raccontato con la sua penna. Andrea Maietti, grande amico del giornalista pavese, ci regala...


Un ragazzo del 1993 che vince con la stessa disinvoltura con cui sorride. Un’azienda che dal 1954 scalda il cuore e i muscoli degli sportivi. Anni, storie, esperienze diverse che in circostanze normali non si sarebbero incontrate. Ma queste sono...


Dani Navarro torna a sorridere. Lo spagnolo, ricoverato dal 14 maggio scorso al Policlinico di Tor Vergata, sarà dimesso domani e potrà fare ritorno a casa. Il portacolori della Katusha Alpecin era rimasto coinvolto in una brutta caduta a Frascati...


Quando vinse il Giro di Lombardia del 1938, il sorriso sghembo, il ciuffo ribelle, la faccia da Sudamerica. Quando si aggiudicò la Tre Valli Varesine del 1940, superando per un niente Mario Ricci, grazie a un colpo di reni da...


Si delinea una starting grid di altissimo livello per il Cycling Stars Criterium in progamma a Belluno la sera di lunedì 3 giugno. Anche Elia Viviani (Deceuninck-Quick Step), già vincitore della passata edizione, sarà della partita. Il forte sprinter...


Tempi moderni, verrebbe da dire, e cambia anche il modo di lavorare al Giro d'Italia. Da quest'anno, infatti, il comunicato ufficiale della organizzazione di corsa ha perso una pagina importantissima, una delle più attese: ci riferiamo al classico e preziosissimo...


E' il giorno di Fausto Coppi, al 102° Giro d'Italia. La leggenda del Campionissimo riecheggerà sulle strade della tappa odierna Cuneo-Pinerolo di 158 km, omaggio alla cavalcata solitaria di Coppi del 1949. Per l'occasione, anche Bianchi celebra il mito di...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy