VEGNI: «LE WILDCARD? PRIMA VORREMMO CONOSCERE IL TESTO DELLA RIFORMA...»

POLITICA | 19/04/2019 | 07:59
di Pier Augusto Stagi

La riforma inquieta e agita i sonni e i pensieri del ciclismo professionistico italiano e no. La riforma è in gestazione nei laboratori dell’Uci ed è molto probabile che sia ben diversa da quella che è stata narrata fin qui, come spiega a tuttobiciweb Mauro Vegni, direttore del Giro d’Italia.

«Sto leggendo con interesse quanto ha detto e scritto Gianni Savio e ho fatto mie anche le parole del presidente federale e vice presidente Uci Renato Di Rocco ma, francamente, prima di esprimermi in maniera compiuta sull’argomento, vorrei leggere un documento ufficiale che dica in maniera netta e chiara: questa è la riforma e questi sono i punti che la formano». 

Strappiamo per un attimo da una riunione il numero uno del Giro che in questi giorni è davvero sotto pressione e passa da un meeting ad una call conference senza soluzione di continuità.

«Ho davvero letto tante cose sull’argomento, ma io non posso esprimermi senza aver letto prima qualcosa di certo. Si parla di 18 squadre di World Tour e 4 wild card, di cui due da dare in automatico a chi vince la classifica di seconda serie. Oppure 18 squadre, più altre due che saranno inserite direttamente nel paniere della serie A e solo due inviti a disposizione degli organizzatori. Insomma, stiamo parlando sul nulla, perché al momento nulla è stato deciso e soprattutto presentato. Fino a quel momento non posso certo dire cosa faremo. Lo so, volete sapere se Rcs Sport è disposta a mettere sul tavolo un invito al Giro per il team che si aggiudicherà la prossima Ciclismo Cup, ma come vi ho spiegato tutto questo è subordinato alla riforma. Una cosa è certa, l’idea di aiutare i team italiani e tutto il movimento c’è, ma ho anche il dovere di fare il bene della società che rappresento».

ARTICOLI CORRELATI

- SAVIO: «SENZA UN INTERVENTO ALL’UCI LE SQUADRE PROFESSIONAL ITALIANE SCOMPARIRANNO»

- DI ROCCO: «MI IMPEGNO A SOSTENERE LA PROPOSTA DI SAVIO»

Copyright © TBW
COMMENTI
FCI-UCI
19 aprile 2019 09:41 siluro1946
Lasciare che le "riforme" siano formulate da chi ha affossato il ciclismo, e questo è un dato di fatto, è da masochisti, non volendo usare aggettivi più confacenti e probabilmente non pubblicabili.

Siluro
19 aprile 2019 12:53 arex
Perdona, per un non addetto ai lavori come me, ma che vuole capire, cosa intendi quando dici che hanno affossato? In che maniera? P scusa la mia ignoranza, ma ci terrei a capire pure io

Siluro
19 aprile 2019 12:53 arex
Perdona, per un non addetto ai lavori come me, ma che vuole capire, cosa intendi quando dici che hanno affossato? In che maniera? P scusa la mia ignoranza, ma ci terrei a capire pure io

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Caleb Ewan ha vinto a Novi Ligure e saluta il Giro, Elia Viviani ha incassato l'ennesima sconfitta e lui pure dice "arrivederci" alla corsa rosa. Sono gli effetti inevitabili del cambio di orizzonte che attende il Giro 102 dell'inizio della...


L’Operazione Aderlass continua a scuotere il mondo del ciclismo e lo fa ad altissimo livello: l’Uci sta indagando sul coinvolgimento, nell’affare doping che ruota attorno al dottor Mark Schmidt, del numero uno del Team Bahrain Merida, lo sloveno Milan Erzen.Dalle...


Ieri il Giro d'Italia è passato da San Zenone Po e ha portato una carezza ideale a Gianni Brera, che tante edizioni della corsa rosa ha raccontato con la sua penna. Andrea Maietti, grande amico del giornalista pavese, ci regala...


Un ragazzo del 1993 che vince con la stessa disinvoltura con cui sorride. Un’azienda che dal 1954 scalda il cuore e i muscoli degli sportivi. Anni, storie, esperienze diverse che in circostanze normali non si sarebbero incontrate. Ma queste sono...


Dani Navarro torna a sorridere. Lo spagnolo, ricoverato dal 14 maggio scorso al Policlinico di Tor Vergata, sarà dimesso domani e potrà fare ritorno a casa. Il portacolori della Katusha Alpecin era rimasto coinvolto in una brutta caduta a Frascati...


Quando vinse il Giro di Lombardia del 1938, il sorriso sghembo, il ciuffo ribelle, la faccia da Sudamerica. Quando si aggiudicò la Tre Valli Varesine del 1940, superando per un niente Mario Ricci, grazie a un colpo di reni da...


Si delinea una starting grid di altissimo livello per il Cycling Stars Criterium in progamma a Belluno la sera di lunedì 3 giugno. Anche Elia Viviani (Deceuninck-Quick Step), già vincitore della passata edizione, sarà della partita. Il forte sprinter...


Tempi moderni, verrebbe da dire, e cambia anche il modo di lavorare al Giro d'Italia. Da quest'anno, infatti, il comunicato ufficiale della organizzazione di corsa ha perso una pagina importantissima, una delle più attese: ci riferiamo al classico e preziosissimo...


E' il giorno di Fausto Coppi, al 102° Giro d'Italia. La leggenda del Campionissimo riecheggerà sulle strade della tappa odierna Cuneo-Pinerolo di 158 km, omaggio alla cavalcata solitaria di Coppi del 1949. Per l'occasione, anche Bianchi celebra il mito di...


Sale la febbre da Giro in Val di Sole. Ad esattamente sette giorni dalla partenza della diciassettesima tappa del Giro d’Italia di Mercoledì 29 Maggio (Commezzadura/Val di Sole-Anterselva, 180 Km), c’è grande entusiasmo nella capitale italiana della Mountain Bike per...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy