DOPO 42 ANNI TORNA IL GIRO DI SICILIA, ECCO TUTTI I DETTAGLI

PROFESSIONISTI | 26/03/2019 | 13:05

Il ciclismo torna a casa. Dal 3 al 6 aprile, quattro tappe con partenza da Catania, traguardi a Milazzo, Palermo e Ragusa, e arrivo finale in vetta all'Etna, dal versante classico di Nicolosi. Altre partenze da Capo d’Orlando, Caltanissetta e Giardini Naxos. Dopo 42 anni riecco Il Giro di Sicilia, l'isola che è nel cuore del grande ciclismo. Grazie all’accordo triennale tra la Regione Siciliana e RCS Sport oltre a Il Giro di Sicilia, l’isola ospiterà anche tre tappe del Giro d’Italia nel 2020 e la Grande Partenza della Corsa Rosa nel 2021.

DICHIARAZIONI
Nello Musumeci, Presidente della Regione Siciliana, ha dichiarato: “Riportare nell’Isola, dopo ben 42 anni, una prestigiosa competizione ciclistica come Il Giro di Sicilia ci riempie d'orgoglio. Un’iniziativa che, oltre a proiettarci su un palcoscenico di primo livello, fortifica all'esterno l'immagine di una Regione che finalmente sta cominciando a riproporsi all'attenzione generale in ogni settore, compreso quello dello sport agonistico. L'accordo triennale sottoscritto dal mio Governo con RCS Sport va proprio in questa direzione e saprà assicurarci, in un crescendo, una forte visibilità e un'importante ricaduta in termini di presenza turistiche. Oltre a Il Giro di Sicilia, infatti, l’Isola tornerà a essere protagonista anche del Giro d’Italia, già con alcune tappe il prossimo anno. Nel 2021, invece, con la Corsa Rosa che partirà proprio dalla nostra Regione potremo ricevere l'attenzione di milioni di appassionati della nobile arte della pedalata. A loro, al di là delle emozioni della competizione, possiamo offrire percorsi unici e suggestivi e un panorama che, sono certo, non passerà inosservato e che saprà rivelarsi una cornice degna per una manifestazione tanto gloriosa”.

Paolo Bellino, Amministratore Delegato e Direttore Generale di RCS Sport, ha detto: “C’è stato un lungo lavoro di squadra con la Regione Siciliana per poter arrivare ad annunciare oggi questo accordo triennale. Un progetto che ha una strategia ben precisa: riportare Il Giro di Sicilia ai suoi antichi splendori e nuovamente qui il Giro d’Italia nei prossimi anni. La Sicilia è una terra straordinaria, come il suo popolo, ricca di tradizione, storia, cultura, senza dimenticare il mare e l’ottimo cibo. La Sicilia è il luogo ideale, in tutte le stagioni, per andare in bicicletta e sono certo che, a tendere, si potranno proporre – oltre alla corse professionistiche – anche quelle amatoriali. Questo flusso crea sviluppo al turismo e diventa un volano per l’economia del territorio che le ospita”.

Elisabetta Ripa, Amministratore Delegato di Open Fiber, main sponsor dell’evento, ha sottolineato come: “Open Fiber è orgogliosa di accompagnare il ritorno e il rilancio di una manifestazione sportiva così importante. La nostra missione è connettere, attraverso una rete di telecomunicazioni integralmente in fibra ottica, tutte le aree del Paese: dalle città ai borghi meno popolati e più remoti, un po’ come una corsa ciclistica che attraversa i territori e soprattutto li unisce grazie ai valori dello sport. In Sicilia, fin dall’avvio delle nostre attività abbiamo trovato terreno fertile: istituzioni attente allo sviluppo tecnologico, imprese specializzate capaci di dare valore aggiunto al lavoro di Open Fiber, cittadini desiderosi di connettività e pronti a raccogliere la sfida della digitalizzazione. Non a caso Palermo e Catania sono tra le prime città d’Italia in cui abbiamo completato – in anticipo rispetto ai progetti – il nostro piano di cablaggio. Così come non è fortuito che uno dei primi clienti attivati nelle cosiddette aree bianche del Paese sia un abitante di San Giovanni La Punta (CT). Dare il nostro nome a Il Giro di Sicilia è quindi la naturale conseguenza di questo intenso e proficuo rapporto col territorio che – ne siamo sicuri – continuerà a restituirci ottimi risultati”.

PILLOLE DE IL GIRO DI SICILIA
Il Giro di Sicilia è una delle più antiche corse a tappe italiane: la prima edizione si svolse nel 1907, due anni prima dell’alba del Giro d’Italia.
Dal 1907 al 1977 si sono svolte 18 edizioni de Il Giro di Sicilia a tappe, tutte vinte da atleti italiani.
Il primo vincitore fu Carlo Galetti, che fece suoi i Giri d’Italia del 1910 e 1911.
L’ultimo vincitore de Il Giro di Sicilia fu Beppe Saronni, diciannovenne, nel 1977.

IL PERCORSO
Tappa n. 1 – CATANIA - MILAZZO – 165 km
Tappa quasi sempre pianeggiante a esclusione della scalata di Colle San Rizzo dopo Messina. Prima parte lungo la costa con lievi saliscendi e il breve intermezzo in salita a Taormina. GPM a Colle San Rizzo dopo Messina e quindi avvicinamento pianeggiante su strade larghe fino agli ultimi 10km interamente nella penisola di Milazzo.

Tappa n. 2 – CAPO D’ORLANDO - PALERMO – 236 km
Tappa divisa in tre parti ben distinte: pianeggiante, montagna, pianeggiante. Prima parte lungo la costa senza segnalazioni di rilevo. Seconda parte nell’entroterra in montagna fino a Geraci Siculo (GPM) e poi a Petralia Soprana. Si ridiscende fino alla costa dove la tappa prosegue pianeggiante su strade ampie fino all’arrivo di Palermo.

Tappa n. 3 – CALTANISSETTA - RAGUSA – 188 km
Tappa che si snoda nell’interno della Sicilia con finale misto tra salita e discesa. É una tappa mossa altimetricamente e caratterizzata da un ininterrotto susseguirsi di curve per i primi 120 km. Si percorrono strade con carreggiata di larghezza variabile. Gli attraversamenti cittadini possono presentare tratti in pavé. Giunti a Vittoria, dove la strada spiana per alcune decine di km, si attraversano gli abitati di Vittoria e Comiso per affrontare la salita di Serra di Burgio che porta direttamente, dopo una veloce discesa, a Ragusa per il finale articolato nel centro cittadino.

Tappa n. 4 – GIARDINI NAXOS - ETNA (Nicolosi) – 119 km
Tappa divisa in due parti ben distinte: la prima che comporta il periplo dell'Etna con l'ascesa fino ai 1000 m di Maletto (GPM). Segue una lunga parte a scendere sempre attorno al vulcano fino alla base della salita finale che inizia a Nicolosi. Da segnalare che nel finale di corsa sono presenti diversi attraversamenti cittadini con carreggiata ristretta.

Copyright © TBW
COMMENTI
Benissimo ma....
26 marzo 2019 14:09 geo
Sono felicissimo di questa gara, ma mi sovviene il dubbio su chi paghi il tutto: la regione Sicilia nell'occhio del ciclone per gli sprechi? Dove i dipendenti regionali sono 5 volte quelli della regione Lombardia? Oppure lo Stato, che non riesce a debellare i clientelismi radicati?

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Si conclude oggi, per il primo gruppo composto da 10 atleti, il training camp in altura a Livigno, presso l’Hotel Interalpen. Gli atleti che debutteranno per l’attesa ripresa stagionale il prossimo 23 luglio al Sibiu Tour questa sera rientreranno presso...


In occasione del CI2020, in programma dal 21 al 23 Agosto in Veneto, la Vice presidente di A.C.C.P.I. (Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani), Alessandra Cappellotto ha rilasciato un’intervista agli organizzatori. Alessandra, un pensiero sul Tricolore da una Campionessa del Mondo.“È...


Come cambia la vita ai tempi del coronavirus...Fino a pochi mesi fa, nessuno si sarebbe nemmeno sognato di dover dare un anotizia simile, oggi invece è una realtà con la quale dobbiamo imparare a convivere: gli organzzatori del GP Internacional...


Julian Alaphilippe è pronto a difendere il suo titolo alla Strade Bianche, dove la scorsa stagione ha conquistato la vittoria al suo esordio in gara e ha consegnato la prima vittoria di sempre alla Francia, grazie ad un potente affondo...


Otto formazioni continental italiane hanno pedalato sabato sulle strade che collegano Codogno a Vo': una pedalata che ha fatto registrare tanti momenti emozionanti e che ha portato un segno di speranza nei territori che più sono stati toccati dal Covid-19. La...


Due settimane di raduno in altura, dal 1 al 14 luglio a Sestriere, il primo dopo il lockdown, sono state un vero toccasana per la Nazionale U23 guidata dal CT Marino Amadori. Un lavoro intenso e la motivazione...


Il Tour of the Alps riparte da dove si era fermato. Dopo la rinuncia all’edizione 2020 a causa della complessa situazione generata dall’emergenza epidemica, la società organizzatrice dell’evento, il GS Alto Garda, e gli enti territoriali – Tirol Werbung, IDM...


A due settimane dalla Vuelta a Burgos i corridori della CCC stanno rifinendo la preparazione e il direttore sportivo Steve Bauer fa il punto della situazione su allenamenti e programmi: «Abbiamo 16 atleti che si allenano in quota a Livigno...


Chiusi in casa, senza poter uscire in bici, un gruppo di amici ha iniziato a pedalare con la fantasia. Il progetto dei segmenti #CanaveseTour è nato durante il lock down, nella terra in cui sono cresciuti Giovanni Ellena, direttore sportivo della Androni...


Si aprirà domani a Teresin (Polonia), a pochi chilometri da Varsavia, la prima gara a tappe internazionale del dopo Covid-19. Quattro giorni di gara che segneranno il nuovo debutto della stagione 2020 e serviranno a riportare verso la normalità il mondo...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155