DOSSIER SICUREZZA. L'URLO DI MARCO SCARPONI: «FERMIAMO LA STRAGE»

STORIA | 10/01/2019 | 07:49
di Alessandra Giardini

Può darsi che queste parole le possa capire davvero soltanto un primogenito. Uno che un giorno ha visto arrivare a casa un fratello o una sorella più piccoli, e da quel momento ha saputo di doverli in qualche modo proteggere. Marco aveva Michele, fino al mattina di aprile in cui in casa Scarponi arrivò una telefonata, «e l’urlo di una madre, tua madre, ti entra nel cuore e lo spezza per sempre».

Sono passati venti mesi da quando Michele è morto travolto da un furgone a pochi metri da casa sua, a Filottrano, ma Marco non ha ancora smesso di proteggerlo, di combattere perché almeno da quella tragedia venga qualcosa di buono. «Michele raccontava spesso quanto fosse pericoloso per un ciclista allenarsi in mezzo alle auto, diceva che prima o poi qualcuno l’avrebbe centrato in qualche modo. Eppure finchè non è successo a lui non riuscivo a vedere nella mobilità stradale quella violenza che ora è così evidente per me. Violenza verso i più fragili soprattutto».

Un morto ogni 34 ore, una strage: di chi è la colpa?
«La colpa è dell’oppressore. E l’oppressore sulla strada è chi guida l’automobile, che possiamo paragonare a un’arma letale quando viene gestita in modo sbagliato. E’ un massacro quotidiano. Una strage alimentata da una sensibilizzazione inesistente da parte di chi ha il dovere di informare, da una giustizia che per anni non ha saputo interpretare la violenza stradale e non ha considerato omicidi i reati gravi sulla strada e dalla mancanza dei controlli».

Quello che dicono tutti è: non l’avevo visto. Sembra un alibi, ma non è un’aggravante?
«Certo che è un’aggravante. Il dramma è che nella mente dell’automobilista non esistono nient’altro che le auto. I ciclisti non fanno parte della sua mente. Spesso dietro un’affermazione del genere c’è l’uso del cellulare alla guida, la velocità troppo elevata, l’alcol, la droga e altre distrazioni. Michele è morto a causa di uno di questi comportamenti sbagliati, mai corretto. Un movimento sbagliato di una comunità di automobilisti. Oggi, dopo un anno e 8 mesi dalla sua morte, in quell’incrocio sono state fissate due aiuole per segnalare le corsie, in modo tale che nessuno possa più “tagliare” come prima. Ma la segnaletica orizzontale (sbiadita) c’è sempre stata».

Ai funerali di suo fratello le autorità avevano promesso un intervento concreto. Risultato?
«Hanno solo approfittato del momento… Dopo Michele tanti altri ragazzi sono morti per violenza stradale, ciclisti e no. Non è cambiato niente. Le autorità, quando si tratta di sicurezza stradale, hanno tante scuse a cui aggrapparsi».

Lei è andato in Parlamento: risultato?
«Per il momento una sconfitta: non mia, ma di questo Governo. Da una parte i 5 Stelle hanno fatto mille promesse rivoluzionarie, che per il momento restano promesse. La Lega, che considera solo le biciclette che hanno un costo superiore ai 5000 euro, poiché secondo loro le altre sono solo un mezzo per poveri migranti che non hanno voglia di lavorare, vorrebbe invece alzare i limiti di velocità a 150 km/h sulle autostrade, ignorando che la velocità è la prima causa dei sinistri stradali. Nessuno era interessato al metro e mezzo di distanza da mantenere durante il sorpasso del ciclista, tranne noi. Nella legge di stabilità appena approvata il Governo ha inserito una modifica pericolosa: il comma 103 obbliga i Comuni a consentire “in ogni caso” a tutte le auto elettriche e ibride la circolazione nelle aree pedonali e nelle ZTL. Una cosa orrenda che riporta il Paese indietro di 50 anni. Immaginate piazza del Duomo a Milano percorsa da autovetture: mentre città come Oslo, Madrid e Parigi riducono la mobilità motorizzata e incentivano quella ciclabile e pedonale, noi apriamo le porte dei nostri centri storici, non ancora completamente chiusi al traffico, alle auto! E’ questo il cambiamento?».

Lei è un educatore. E’ possibile pensare di introdurre lezioni di educazione stradale nelle scuole?
«L’educazione stradale deve entrare nelle scuole, così come ci deve rientrare l’educazione civica. Dove iniziamo a fare cultura se non nelle scuole? Vorrebbe semplicemente dire garantirsi un futuro migliore per tutti».

1 - continua

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Alejandro Valverde, il campione del mondo, ha voluto a tutti i costi essere presente alla Milano-Sanremo e sappiamo che non si schiera mai al via di una corsa per fare semplice atto di presenza: «Sono molto contento di essere qui,...


Vincenzo Nibali è al via della Sanremo con il numero 1 sulle spalle dopo la splendida impresa dello scorso anno: «Grande emozione, grande responsabilità e un sole che non vedevamo da tanti anni. Noi abbiamo diverse carte da giocare, io,...


Greg Van Avermaet ha le idee chiare: «Il punto chiave della Sanremo sarà il Poggio. La Cipressa è importante ma poi c'è il tempo di organizzarsi, mentre se c'è un attacco importante sul Poggio recuperare diventa difficile. Ed è lì...


Mai banale nelle risposte, Peter Sagan è laconico a pochi miuti dal via della Sanremo: «Come sto oggi? Dopo 250 chilometri di corsa capirò come va la gamba. La stagione fin qui poteva andare meglio ma anche peggio, però sono...


Fernando Gaviria ha un feeling particolare con la Sanremo, ha "rischiato" di vincerla alla sua prima partecipazione e crede nelle sue possibilità di successo: «Speriamo di avere la gamba giusta per vincere. Sono tranquillo perché ho lavorato bene quest'inverno. La...


Elia Viviani è sereno e sorridente alla partenza della Sanremo: «Dall'anno scorso, quando mi sono mancate le gambe in volata, aspetto questo momento. Ho fatto tutto il possibile per arrivarci al meglio, la Tirreno-Adriatico mi ha aiutato a perfezionare la...


Dopo un breve periodo di riposo, senza toccare la bici, Eva Lechner è pronta a rientrare alle competizioni. Lo farà domenica 24 marzo in Slovenia nella Grici XCO Vrtojba 2019, gara internazionale di mountain bike del calendario UCI in programma...


Trasferta elvetica per la squadra juniores della Energy Team diretta da Lavio Siviero e Fabio Dante. Domani, la formazione arancio-nera sarà al via della prima edizione del Gran Premio Ticino che si svolgerà a Malvaglia, nel comune svizzero di Serravalle....


Niccolò Bonifazio è l'uomo di casa della Sanremo, nato e cresciuto tra la Cipressa e il Poggio. «Arrivo a questa, che è la mia corsa del cuore, in grande condizione. Alla Parigi-Nizza ho lavorato bene, nonostante il vento che ha...


Wout Van Aert è alla sua prima Sanremo e si guarda attorno con aria stupita: «L'atmosfera è davvero fantastica, anche se confesso di non conoscere i dettagli di questa corsa. D'altra parte non si può fare la ricognizione di ogni...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy