HAINAN. JACOPO MOSCA, RICORDI E OBIETTIVI

PROFESSIONISTI | 23/10/2018 | 07:31
di Diego Barbera

Jacopo Mosca si presenta concentrato alla partenza sotto il sole caldo della prima tappa del Tour of Hainan 2018. Il vincitore uscente della corsa cinese è ben conscio che ripetersi quest’anno non sarà così scontato vista la presenza di numerosi rivali sopraggiunti e di un percorso esigente.

Abbiamo raccolto le impressioni del  della Wilier Triestina Selle Italia al foglio firme. A fondo pagina, le sue parole nell’intervista da ascoltare.

Ti presenti qui con il numero uno sulla schiena, come ti senti?
«È dall’anno scorso che volevo ritornare in questa gara perché era stata una bella esperienza e una bella emozione vincere questa competizione e mi porto sempre dietro un bel ricordo».

Se dovessi paragonare il tuo livello di forma a quello del 2017.
«Completamente diverso. Lo scorso anno avevo fatto tutta la campagna delle gare italiane ed ero giunto qui con una condizione ottima. Quest’anno è un po’ un punto interrogativo visto che ero in Cina e il chilometraggio era più ridotto. Speriamo che la gamba risponda bene negli ultimi giorni».

Il chilometraggio è un punto importante.
«Sì, basti pensare che il totale è di 1500 km. Oggi è di 90, ma tolte un paio di tappe, le prossime saranno tutte piuttosto lunge con addirittura una da ben 230 kmm distanza che a fine Ottobre sicuramente farà male».

Il livello dei rivali si è alzato.
«Quest’anno ci sono tutte e quattro le squadre italiane, la Israel Academy e un buon gruppo di team asiatici. Come tutte le gare sarà assai combattuta».

Voi lavorerete anche per le volate con Mareczko.
«Sicuro. Qui ci sono sia Kuba sia Pacioni, che possono fare bene in tutte le tappe tranne in quelle più dure. Proveremo a lavorare per loro inizialmente, sarà il nostro obiettivo principale. Poi vedremo se ci sarà occasione di lottare per una buona posizione in classifica generale».

Magari con un occhio di riguardo per la sesta tappa.
«Sì, me la ricordo bene e mi piace. Ma è tutto da vedere perché l’anno scorso è andata via la fuga e siamo arrivati, quest’anno, come già capitato, potrebbe arrivare un gruppo e terminare con una volata ristretta».



Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
È stata la riunione più veloce della storia di Zoom: non per problemi tecnici, anzi, ma per l'accordo praticamente unanime sulla decisione da prendere: conferma totale delle indicazioni espresse dai lettori di tuttobiciweb, Marco Villa conquista l'Oscar tuttoBICI come miglior...


Il campione kazako Alexey Lutsenko ha rinnovato il suo contratto con l’Astana - Premier Tech per un'altra stagione, mentre il canadese Steve Bauer e il kazako Dmitriy Muravyev entreranno nel team come direttori sportivi. Così l’Astana- Premier Tech ha completato...


Dallo scorso 11 ottobre, dopo la corsa a Montecatini Terme in Toscana, ha attaccato la bici al chiodo e ha già trovato lavoro, ma il suo obiettivo è arruolarsi nell’Esercito. Questa è la storia di Aldo Caiati, nato il 19...


«Mi sentivo come su un Ferrari nel traffico di Milano alle 8 del mattino... magicamente questo test negativo mi ha proiettato direttamente nell’autodromo di Monza ! Finalmente!»: Filippo Ganna esulta e torna finalmente libero. Il quarto tampone ha dato esito...


La data è di quelle da ricordare: il 25 novembre del 1945, a poco più di 13 anni e mezzo, con tanto di documento “aggiustato” per raggiungere l’età consentita, Ernesto Colnago varcava i cancelli della “Gloria” e iniziava ufficialmente il...


I medici in questo periodo fanno, comprensibilmente e giustamente, più notizia degli sportivi. Non è però per questo che Matteo Bellia ha deciso di appendere la bici al chiodo e indossare il camice. Il 23enne di Domodossola, fino a quest’anno...


La loro è una storia d’amore nata sulla bici in Slovenia e oggi vengono considerati la coppia più bella del ciclismo. Stiamo parlando del vincitore del Tour de France Tadej Pogačar e di Urška Žigart, entrambi campioni nazionali, che stanno...


Enrico Battaglin, Bardiani-CSF-Faizanè, Capitolo II. I Reverberi lo avevano lanciato nel mondo dei grandi nel 2012 e ora, cinque anni dopo l’arrivederci, lo riaccolgono, ritrovando un corridore più maturo, consapevole dei propri pregi e difetti, e con ancora tanto da...


Ha portato in Belgio l’orgoglio tipico dei lombardi, è stato un ciclista professionista e negli anni Ottanta a guidarlo c’era Giancarlo Ferretti: da anni però è lui che dall’ammiraglia conduce i corridori verso il successo. Valerio Piva classe 1958, da Ceresara...


La sfortuna ci vede benissimo anche se la stagione agonistcia è finita. Ne sa qualcosa Mikael Cherel, corridore della AG2R La Mondiale, che è rimasto vittima ieri di un brutto incidente. Mentre si allenava sulle strade del sud della Francia,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155