SAVOLDELLI: «NOI CAMPIONI, MA NIBALI FA PARTE DI UN'ALTRA CATEGORIA: QUELLA DEI FUORICLASSE»

PROFESSIONISTI | 18/10/2018 | 09:57
di Guido La Marca

Vincenzo si racconta, con la semplicità dei forti e la complicità degli astanti; silenziosi e attenti, rapiti dai racconti di questo ragazzo che è diventato uomo e campione: per molti fuoriclasse. «Noi abbiamo vinto Giri, alcuni di noi anche più di una volta, ma noi che siamo abituati a guardarci e a riconoscerci, sappiamo che Vincenzo fa parte di un’altra categoria: lui appartiene alla ristretta schiera dei fuoriclasse».

A dirlo con assoluta franchezza è Paolo Savoldelli, uno che in carriera ha saputo vincere due Giri d’Italia, e in materia è certamente un docente credibile e affidabile. Con lui in questa serata per una ristretta schiera di amici delle due ruote, organizzata da Alessandra Bianchini e Paolo Oldani di Mediolanum e dal titolo rivelatore: Finanza e ciclismo… salite e discese», è stata ribadita ancora una volta la filosofia di un Gruppo, l’amore per uno sport che da anni è paradigma di un modo di fare finanza, impresa e quindi comunicazione.

Con Paolo Savoldelli ci sono anche Damiano Cunego, che questa mattina è volato in Giappone per salutare sponsor e amici del Sol Levante. E poi Ivan Gotti, sornione e sagace come sempre, con due Giri anche lui nel paniere, e una bella storia da raccontare. «Anche se voi giornalisti avete sempre preferito raccontare cose più gustose e pruriginose: quelle che vi facevano più comodo…», butta lì tra il serio e il faceto. E poi c’è Eddy Mazzoleni, l’uomo squadra, ma anche l’uomo di casa, visto che il convivio è al “Casanova”, nel suo locale di Curno (BG).

Si parla tanto di ciclismo, tantissimo, e molto meno di finanza, anche perché presente c’è anche Fidanza (Giovanni), con Ermanno Brignoli e Paolo Lanfranchi, Andrea Noé, Beppe “turbo" Guerini e Gialuigi Stanga. La serata è presentata con leggerezza da Leopoldo Gasbarro, autore con Ennio Doris di “C’è anche domani”, storia biografica del signor Mediolanum, che parte proprio da un evento di ciclismo, da quella tappa del Giro d’Italia del 1953, quando per Fausto Coppi sembrava tutto finito e invece il giorno dopo, su quel primo Stelvio (Bolzano-Bormio), il Campionissimo annichilì Hugo Koblet e si aggiudicò la corsa rosa per la quinta volta in carriera.

E quella speranza, che è data dal domani e da un oggi sempre più intenso, l’ha raccontata magistralmente sotto lo sguardo attento di Rachele e della piccola Emma anche Vincenzo Nibali, rievocando quel Giro che pensava perso e poi è riuscito ad aggiudicarsi nella primavera di due anni fa. Un Giro perso ad Andalo e riconquistato in un domani e in un dopodomani con le tappe di Risoul e di Sant’Anna di Vinadio «grazie al lavoro eccezionale e impagabile di un caro amico che non c’è più: Michele Scarponi».

Quaranta minuti di storie e aneddoti, volati via in un attimo. Saremmo stati lì fino all'alba: ma c'è anche domani…

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
campioni
18 ottobre 2018 22:14 gaspy
Gran belle imprese a Risoul e Sant'Anna di Vinadio, alla portata di tutti, basta cambiare le PEDIVELLE.
Savoldelli è veramente di un altro pianeta, vinse un giro senza squadra,.
E' come se quest'anno avesse vinto uno della Bardiani o dell' Androni

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Tempo di ripartneza anche in terra svizzera e subito brillanti risultati per i ragazzi dell Vc Mendrisio diretti da Dario Nicolett. Nella corsa in salita Grono - Rossa, che ha difatto segnato la ripresa agonistica, infatti, si è imposto il...


E’ il 12 lugIio 1990, al Tour de France si corre la cronometro Fontaine-Villard de Lans, 33 chilometri con tratto finale in salita. La tappa se l’aggiudica lo specialista Erik Breukink, e Claudio Chiappucci, ventisettenne lombardo di Uboldo, diventa leader...


È un libro da sorseggiare, gustare e assaporare in tutte le sue declinazioni, che sono perlomeno tre, visto che Davide Cassani e Giacomo Pellizzari in sella alle loro biciclette ci indicano percorsi, ma ci suggeriscono anche cosa vedere o mangiare....


Va in scena oggi la quarta tappa  del Tour de France virtuale, lungo un percorso di 45, 8 chilometri disegnato nel sud ovest della Francia: sulla carta un’altra frazione piuttosto semplice, destinata a corridori potenti e alle ruote veloci. Ricordiamo...


Sarebbe il momento migliore dell’anno per fare il Col du Telegraphe, il Col d’Aubisque, l’izoard, il Col de Tourmalet o la gloriosa Alpe d’Huez visto che le giornate estive sono il periodo migliore per frequentare questi iconici passi in bicicletta....


Finalmente si alza il sipario sulla III edizione di Italian Bike Festival. Dopo mesi di incertezze, la più grande manifestazione italiana dedicata al mondo della bike industry, agli appassionati di ciclismo e cicloturismo è pronta a confermare le date già...


  Dopo le due riunioni su pista al Velodromo di Firenze, il ciclismo toscano propone in questo mese di luglio due cronoscalate, ricordando personaggi storici del pedale. Martedì 14 luglio alle ore 21  infatti, al circolo Fosco Bessi a Settimello...


L’ultracycler ticinese Valentina Tanzi (damaceleste.com), dopo aver percorso l'anno scorso i deserti americani in sella alla sua bici da corsa - 3a donna assoluta nella durissima Race Across The West - quest'anno, con il suo progetto "Yes, I can!", voleva...


“Sono felice di aver visto questi atleti delle 8 squadre Continental Italiane arrivare fino a Vo’. Voglio fin da ora dire che ci impegneremo per far diventare questo itinerario Codogno - Vo’ una classica del ciclismo giovanile italiano”. Con queste...


Diceva il vecchio adagio «anno bisesto, anno funesto...». Beh, diciamo che finora il 2020 non ci ha fatto mancare davvero nulla, nemmeno oggi nel giorno della ripartenza delle corse. La crono di Roveredo di Guà, infatti, è stata sospesa a...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155