TURCHIA, BENNETT: «NON IMPOSSIBILE PUNTARE ALLA GENERALE». AUDIO

PROFESSIONISTI | 12/10/2018 | 11:29
di Diego Barbera

Oggi è il giorno della verità al Tour of Turkey 2018 con la tappa più lunga (205 km) e con l’arrivo in salita a Selcuk a poca distanza dalla casa di Maria. L’anno scorso vinse Diego Ulissi (UAE Emirates) che poi si laureò campione a Istanbul. La maglia turchese ora è sulle spalle di Sam Bennett (Bora Hansgrohe), che ieri ha firmato il bis personale a Marmaris.

L’irlandese è un velocista che però può difendersi sugli strappi, quanto potrà perdere sui 5 km dell’ascesa finale? Ha da gestire un vantaggio di circa mezzo minuto sugli scalatori più pericolosi,  ma ha dalla sua ancora due tappe con relativi abbuoni e sprint per tentare il colpaccio della classifica generale. Le sue impressioni alla vigilia della quarta tappa del Giro di Turchia.

Come hai vissuto il finale di tappa di ieri?
«Credevo che sarebbe stata più dura la salita e il ritmo imposto, invece mi sono trovato piuttosto bene. Sono andati molto forte solamente negli ultimi 500 metri e sono rimasto agganciato al gruppo principale. Mi sono voltato e ho visto tanti staccati, pensavo non ce l’avrebbero fatta a rientrare invece ci sono riusciti».

E la volata?
«C’è stata una grande battaglia per le posizioni, abbiamo tutti speso energie per portarci nelle posizioni in fronte. I miei ragazzi hanno lavorato davvero in modo eccezionale prendendosi cura di me per tutto il giorno, compreso sulla salita finale. Mi sono messo dietro il treno della QuickStep di nuovo, verso i 500 metri dal traguardo. C’è stato un momento di esitazione intorno ai 220-230 metri così ho deciso di anticipare e partire lungo. Per fortuna ho tenuto duro e nessuno mi ha superato. E ne sono davvero felice».

Come ti sei sentito rispetto all’anno scorso su un percorso praticamente identico?
«Stavo bene, ma al contempo gli scalatori non sono stati così aggressivi. In generale sono venuto qui con alte aspettative, perché sapevo che avevo lavorato molto bene prima di sbarcare in Turchia»

Quanto credi di poter perdere sulla salita di oggi? Quanto nutri il sogno della maglia turchese a Istanbul?
«La salita non è così lunga e solamente due km sono duri e si inizia a soffrire davvero. In questo momento ho circa mezzo minuto sugli scalatori quindi potrei limitare il mio distacco e recuperare qualcosa negli abbuoni in volata negli ultimi due giorni. La classifica generale non è impossibile, ma dipende tutto da quanto perderò oggi, dato che non sono uno scalatore, e dagli altri sprinter nei prossimi giorni».


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Una cronometro di altissimo livello oggi a Imola, con l’oro conquistato da Filippo Ganna, mentre l’argento è andato ad un deluso Wout van Aert, che sperava di vincere la maglia iridata. «Non potevo andare meglio oggi. Al momento c'è ancora...


Vento forte su Imola, fortissimo, esagerato. E la struttura del traguardo mondiale non regge la violenza degli agenti atmosferici, si abbatte, si accartoccia su se stessa. Per fortuna nessun addetto ai lavori è rimasto ferito nel crollo. Un vero e...


Un oro è per sempre ma quello di Filippo Ganna è un oro speciale, è il primo che l’Italia vince nella cronometro iridata. Lo scorso anno il ragazzo di Verbania aveva conquistato il bronzo nello York Shire e, meglio di...


Dopo la vittoria all’Europeo, lo svizzero Stefan Küng è salito anche sul podio mondiale. Voleva la medaglia più preziosa, ma ha dovuto fare i conti con uno straordinario Filippo Ganna e con un altrettanto forte belga Wout...


Amore Infinito è lo slogan che da alcuni anni accompagna il Giro d'Italia e la Vini Zabù KTM, innamorata della Corsa Rosa, peresenta la selezione per quello che è il suo ritorno a due anni di distanza dall'ultima volta.BEVILACQUA SIMONE...


L'UCI  ha ufficializzato oggi il calendario della stagione su strada 2021. Sulla carta tutte le gare tornano nella loro sede naturale e la speranza è che la pandemia consenta davvero di ritrovare la regolarità della stagione. Una considerazione, mancano alcune...


Sono sei gli appuntamenti internazionali del calendario femminile italiano 2021. Da segnalare che non appare il Giro dell'Emilia mentre c'è il Gran Premio Beghelli, che quest'anno non si è disputato, e la novità della Tre Valli Varesine a fine stagione,...


Filippo Ganna scrive una grande pagina di storia del ciclismo italiano: mai un azzurro era riuscito a conquistare la maglia iridata nella prova a cronometro. Il gigante verbanese c'è riuscito a Imola, sulle strade di casa ha avuto la meglio...


Si dice sempre che i ciclisti siano degli eroi e non sono parole vane. L'ultimo esempio ce l'ha regalato Chloe Dygert che questa mattina ha posato sui social: «Quando sono caduta ho pensato: se recupero la bici posso ancora vincere?...


Una diversità funzionale, qualunque essa sia, non impedisce a nessuno di praticare uno sport meraviglioso come il ciclismo. Da qui nasce Idemticos, il nuovo progetto con cui la Fondazione Contador, grazie alla decisiva collaborazione di Cofidis, vuole promuovere l'attività ciclistica...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155