CASSANI: MI IMPONGO DI ESSERE OTTIMISTA

PROFESSIONISTI | 25/07/2018 | 09:08
di Alessandra Giardini

Bastava fare due conti per capirlo: il Mondiale di Innsbruck è a rischio per Vincenzo Nibali dopo la caduta nel finale dell’Alpe d’Huez. O meglio: se la prima prognosi sarà rispettata, se non ci saranno altri intoppi, allora tutto è ancora possibile. Ma se i tempi dovessero allungarsi, se Nibali dovesse stare fermo non più due settimane ma tre, ecco allora che il sogno mondiale rischia seriamente di sfumare. Era un’ipotesi che avevamo purtroppo già avanzato, ora a confermarlo è il ct azzurro Davide Cassani, a Bologna per la presentazione del Trofeo Coni. «Vincenzo aveva due obiettivi in questa stagione, il Tour de France e il campionato del mondo. La caduta sull’Alpe d’Huez potrebbe compromettere anche il campionato del mondo». Anche per Cassani sono stati giorni complicati: giovedì la botta di Nibali, domenica la notizia dell’ultima follia di Moscon. Il rischio di aver perso due uomini decisivi quasi in un colpo solo c’è. «Se Vincenzo riuscirà a recuperare in due settimane, avrà il tempo di presentarsi alla Vuelta e di essere al via del Mondiale. Se invece dovesse stare fermo tre settimane diventerà un grosso problema: rischia di dover dire addio anche al campionato del mondo». 

Cassani vuol essere fiducioso fino alla fine. «Sono continuamente in contatto con Nibali, con Slongo e con il dottor Magni. Per la prossima settimana speriamo che arrivi l’ok dei medici per ricominciare ad allenarsi, spero che Vincenzo possa risalire in bici al più presto. Adesso può soltanto aspettare. Lavora e scarica in piscina, si aiuta con un po' di magnetoterapia. Ma non può fare molto di più, con la schiena è così. Lui è un grande campione, l'ha presa con filosofia e con quella serenità necessaria poi per ripartire». 

Per un Nibali che preoccupa Cassani, se non altro c’è Fabio Aru pronto al rientro dopo il naufragio del Giro d’Italia. «L'ho sentito, si sta allenando molto bene, ricomincerà a correre tra qualche giorno al giro della Vallonia, farà il giro di Polonia poi ovviamente la Vuelta. Mi impongo di essere fiducioso. Ci vuole anche un po’ di fortuna, non possiamo avere sempre tutto contro».

Copyright © TBW
COMMENTI
i misteri di tuttobici
25 luglio 2018 14:34 pickett
Si può sapere per quale motivo Cassani avrebbe perso Moscon ?Semmai ,a Innsbruck lo avrà + fresco e meno spremuto.Certi giornalisti,rileggono gli articoli prima di pubblicarli?

forse non solo i giornalisti devono rileggere...
25 luglio 2018 15:02 excalibur
picket, c'è scritto: «Il rischio di aver perso due uomini decisivi quasi in un colpo solo c’è.» non c'è scritto che è sicuro. quel che è più sicuro è l squalifica di moscon: a boom hanno dato un mese di stop per avere alzato le mani, al trentino ne toccherà almeno altrettanto. che piaccia o meno a giornalisti e blogger...

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

La cinquantesima edizione della granfondo internazionale di cicloturismo Nove Colli si correrà il 23 maggio 2021. Nonostante fosse già tutto pronto, è questa la sofferta, ma inevitabile, decisione presa dal comitato organizzatore a causa del virus covid-19 che ha pietrificato...


Arriva dalla Germania la conferma di un'altra gara cancellata: si tratta della Rund um Köln che era in programma per il 14 giugno. Niente edizione 2020 ma appuntamento al 2021. «Di fronte alla pandemia che stiamo cercando di superare, meglio...


  Esattamente 71 anni fa, domenica 3 aprile 1949, si corre il 42° Giro del Piemonte, 303 chilometri con partenza e arrivo a Torino. E' la seconda gara di quella che sarebbe diventata la stagione "magica" di  Coppi, vittorioso al...


"Facciamo la vita degli atleti più di prima, ci alleniamo sui rulli più volte al giorno per un totale di 20 ore settimanali e ci sottoponiamo alle sedute a corpo libero. Abbiamo impegni virtuali, a breve faremo il Fiandre ad...


Il problema non è questo dannatissimo virus, nemmeno la burocrazia che rallenta le consegne delle mascherine o delle bombole d’ossigeno, non sono i settanta medici morti in reparto e gli oltre diecimila che abbiamo perso sul campo, il problema è...


Anche il Giro di Svizzera è costretto ad alzare bandiera bianca. In programma dal 7 al 14 giugno, la decisione era nell'aria e l'ufficializzazione è arrivata qualche minuto fa. L'organizzazione ha però optato per rimandare tutto al 2021, senza prendersi...


Dopo le belghe Circus Wanty e Bingol Wallonie e la spagnola Burgos BH, anche la francese B&B Hotels – Vital Concept ha chiesto la cassa integrazione per corridori e staff. Lo ha annunciato il team manager Jerome Pineau che conferma...


Di solito lì, da Gravedona ed Uniti, di fronte a quella cartolina che è il lago di Como in questa stagione escono occhiali e caschi. Gli stessi che indossano con successo, da qualche anno ormai, anche i campioni d’Italia del...


Franco Costantino, presidente dell’AOCC, scende in campo per chiedere certezze nel calendario che si sta cercando di ridisegnare e scrive quindi al presidente dell’UCI Lappartient, al presidente della Federazione Di Rocco e al presidente della Lega Ciclismo Professionisti Ghigo. Ecco...


B.C. Bendoni Communication e A.S. Roma Ciclismo – con il prezioso supporto di Bicitaly – lanciano la campagna di raccolta fondi a favore del Policlinico Gemelli di Roma lanciando una sfida per tutto il mondo del football, della bicicletta e...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155