ADRIATICA IONICA, VIVIANI: «PUNTO A UNA TAPPA E ALLA MAGLIA ROSSA (E AL RANKING)».

PROFESSIONISTI | 20/06/2018 | 07:30
di Diego Barbera

Elia Viviani si presenta all’Adriatica Ionica Race 2018 con il ricordo ancora fresco di uno strepitoso Giro d’Italia concluso con quattro vittorie e la maglia ciclamino. Dopo qualche giorno di scarico, l’alfiere della Quick-Step Floors è pronto a dare il tutto nella neonata corsa e al successivo campionato italiano.

Abbiamo chiacchierato brevemente con l’olimpionico del’Omnium a Rio 2016 per scoprire le sue sensazioni e obiettivi prima del debutto dell’AIR 2018.

Come è andato questo periodo post-Giro, arrivi da un secondo posto al Dwars door het Hageland - Aarschot
«Dopo il Giro c’è sempre il punto di domanda: ho finito le energie o ne ho ancora qualcuna da spendere? Arrivo di sicuro da una buona settimana, ho toccato la bici poco, giusto qualche giretto per godermi il pedalare e poi mi sono messo sotto con gli allenamenti per affrontare questi 20 giorni al meglio. Ne valeva la pena venire a questa bella corsa vicino a casa e con varie opportunità per i velocisti. E anche per il Campionato Italiano, sono andato a visionare il percorso ed è stato indurito, non so se sarà un obiettivo o meno, ma per il momento provo a portare a casa più risultati possibili in questi cinque giorni. Già da domani ci sarà la crono squadre e siamo qui per vincerla, speriamo di partire bene e poi dedicarci alle volate».

Dopo la ciclamino punterai alla maglia rossa dei punti in questa corsa?
«Di sicuro in tutte le brevi corse a tappe un velocista pensa alla maglia a punti, soprattutto con tre occasioni di volata su cinque come qui. Iniziamo a vincere una tappa e poi pensiamo alla maglia, ma il primo obiettivo è quello di una frazione».

Tra la seconda e la quarta tappa quale reputi più difficile per te?
«Credo la seconda, perché la quarta è vero che ha la partenza in salita ma poi è piuttosto lunga, con 230 km e c’è tempo per rientrare. C'è anche da dire che nel ciclismo dopo i duecento chilometri le energie non sono molte e pochi corridori possono rimanere competitivi su queste distanze. Anche la tappa di domenica, però, non è da sottovalutare, perché il circuito di Trieste me lo ricordo dal Giro del 2014 e non è affatto scontato».

Possono inoltre arrivare punti importanti per il ranking mondiale
«Sì, esattamente. È una classifica che stiamo controllando gara dopo gara per monitorare dove siamo ed è bello essere lì, per ora in terza posizione, e cercheremo di restarci».

Da Lido di Jesolo, Diego Barbera


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
I professionisti devono essere di esempio a tutti coloro che li guardano, ciclisti o semplici appassionati che siano. E quindi l'Uci emana una nuova disposizione che vieta gli abbracci al termine di una corsa. Dopo i divieti sulle posizioni aerodinamiche,...


Il Gip del Tribunale di Alessandria ha deciso: è stato archiviato il fascicolo per la morte di Giovanni Iannelli, il ciclista di 22 anni che ha perso la vita nella volata della gara del Trofeo Bassa Valle Scrivia a Molino dei...


Non si fa tempo a salutare l'elezione del neo presidente federale Cordiano Dagnoni, che le carte bollate cominciano a volare nelle stanze della Seconda Sezione del Tribunale Federale (presieduta dall'avocato Adriano Simonetti ). Ieri sera, attorno alle 20, Angelo Francini...


Domenica la caduta alla Kuurne-Bruxelles-Kuurne, ieri la mancata partecipazione al Trofeo Laigueglia, oggi il verdetto emerso dopo approfondite analisi: Gianni Moscon ha riportato la frattura di un polso. A confermarlo è stato lo stesso corridore trentino della Ineos Grenadiers con...


La Zalf Euromobil Désirée Fior si appresta a vivere un'altra domenica decisamente intensa: oltre al già programmato appuntamento a Lucca per il 1° Trofeo One Penny che vedrà protagonisti Edoardo Faresin, Stefano Gandin, Federico Guzzo,  Alex Tolio, Riccardo Verza, Edoardo Zambanini e...


Terzo impegno agonistico per la EOLO-KOMETA Cycling Team in terra italiana, in soli quattro giorni. Dopo il debutto al Trofeo Laigueglia e il giorno dopo aver affrontato il debutto in una gara di categoria WorldTour nelle Strade Bianche, il team...


Il ciclismo e la caccia erano le due passioni di Aldo Manetti, morto a seguito di un improvviso malore mentre si trovava nella sua abitazione a Caserana di Quarrata. Aveva compiuto 77 anni due mesi fa. Per tantissimi anni ragioniere...


Sono arrivati insieme ieri a Bologna alcuni degli attesi protagonisti della Strade Bianche di sabato prossimo. Dall’aeroporto olandese di Schiphol con il volo delle 14:20 della KLM, Mathieu van der Poel e la sua Alpecin-Fenix sono saliti sull’aereo che li...


Dopo il primo trionfo stagionale nell’UAE Tour, la formazione emiratina guarda con fiducia alla prossima sessione di gare composta dalla classica italiana delle Strade Bianche (6 marzo) e dalla Parigi-Nizza (7-14 marzo). Alle Strade Bianche l’UAE Team Emirates schiererà una...


Gara di livello il Trofeo Laigueglia di ieri, che ha aperto la stagione italiana. E Androni Giocattoli Sidermec protagonista. Ad animare la corsa, infatti, tra gli altri fin nel circuito finale di Colla Micheri anche Mattia Bais. In fuga, prima...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155